Guide e consigli

Colecistectomia, la rimozione della cistifellea

Una colecistectomia è il termine con cui si indica la rimozione chirurgica della cistifellea. Vi sono due tipi di procedure: la colecistectomia aperta e l’approccio laparoscopico.

colecistectomia_transvaginale

Una colecistectomia è il termine con cui si indica la rimozione chirurgica della cistifellea. Vi sono due tipi di procedure: la colecistectomia aperta e l’approccio laparoscopico.

Perché fare la colecistectomia

Una colecistectomia viene eseguita per il trattamento di colelitiasi e colecistite. In colelitiasi, è quando ci sono i calcoli biliari di varie forme e dimensioni che si formano dai componenti solidi di bile. La presenza di calcoli, spesso definiti come malattie della colecisti, può produrre sintomi di straziante dolore addominale superiore destro e si irradia alla spalla destra. La cistifellea può diventare il sito di infezione acuta e l’infiammazione, con conseguente sintomo di dolore in alto a destra, nausea e vomito. Questa condizione è indicata come colecistite. La rimozione chirurgica della cistifellea può fornire sollievo da questi sintomi.

Precauzioni

Anche se la procedura laparoscopica richiede l’anestesia generale per circa lo stesso periodo di tempo, come la procedura aperta, la laparoscopia generalmente produce dolore postoperatorio meno, e un periodo di recupero più breve. La procedura laparoscopica non sarebbe preferibile nei casi in cui la cistifellea è così infiammata che potrebbe rompersi, o quando aderenze (bande supplementari fibrose di tessuto) sono presenti.

cistifellea-700x325-500x232

Descrizione

Si stima che la procedura laparoscopica viene attualmente utilizzata per circa l’80% dei casi di colecistectomia.

La colecistectomia laparoscopica prevede l’inserimento di un lungo tubo cilindrico stretta con una telecamera alla fine, attraverso un cm circa di un’incisione nell’addome, che permette la visualizzazione degli organi interni e proiezione di tale immagine su un monitor video. Tre incisioni più piccole consentono l’inserimento di altri strumenti per eseguire la procedura chirurgica. Un laser può essere utilizzato per l’incisione e cauterizzazione (bruciando tessuto indesiderato per arrestare il sanguinamento), nel qual caso la procedura può essere chiamata laparoscopica laser

Colecistectomia aperta

In una colecistectomia convenzionale o aperta, la cistifellea viene rimossa attraverso un’incisione chirurgica alta nell’addome di destra, appena sotto le costole. Un drenaggio può essere inserito per impedire l’accumulo di fluido al sito chirurgico.

calcoli-cistifellea

Preparazione

Come con qualsiasi procedura chirurgica, al paziente sarà richiesto di firmare un modulo di consenso dopo che la procedura sia spiegata a fondo. Il cibo e fluidi saranno vietati dopo la mezzanotte prima della procedura. I clisteri possono essere ordinati per pulire l’intestino. Se nausea o vomito sono presenti, un tubo di aspirazione per svuotare lo stomaco può essere utilizzato, e per le procedure laparoscopiche, un catetere di drenaggio urinario sarà utilizzato anche per diminuire il rischio di puntura accidentale dello stomaco o vescica con inserimento del trocar (strumento appuntito).

Post operatorio della colecistectomia aperta

Le cure post-operatorie per il paziente che ha avuto una colecistectomia aperta, come per coloro che hanno avuto un intervento chirurgico, comporta il monitoraggio della pressione arteriosa, polso, la respirazione e la temperatura. La respirazione tende ad essere superficiale a causa dell’effetto di anestesia, e la riluttanza del paziente di respirare profondamente la causa del dolore causato dalla vicinanza della incisione per i muscoli utilizzati per la respirazione.

Al paziente viene mostrato come sostenere il momento operativo respirando profondamente e con tosse, e gli vengono dati antidolorifici, se necessario. L’assunzione e l’uscita del fluido viene misurata, e il sito operativo si registra per il colore e la quantità di drenaggio della ferita. I fluidi sono somministrati per via endovenosa per 24-48 ore. Il paziente è generalmente incoraggiato a camminare dopo l’intervento chirurgico e dimesso dall’ospedale entro tre-cinque giorni, con il ritorno al lavoro a circa da quattro a sei settimane dopo la procedura.

m_1407853108

La fase pre-operatoria

Durante il periodo pre-operatorio del paziente gli sarà prescritto un esame fisico completo e test specifici per la funzionalità epatica e gli studi o radiologici o endoscopici della colecisti e del sistema di drenaggio biliare. Nausea e flatulenza sono problemi comuni in questi pazienti, un sondino nasogastrico di solito viene inserito e collegato a un apparato di decompressione prima di un intervento chirurgico.

Post operatorio chirurgico

Quando il paziente ha eseguito l’intervento chirurgico, viene eseguito un controllo accurato per tubi di drenaggio inseriti durante l’operazione. A volte i canali di scolo sono concepiti in modo tale che la bile e liquido sieroso dal sito operatorio drenino direttamente sulle medicazioni chirurgiche. Altri scarichi o tubi come un tubo a T o Y-tubo sono collegati a una sacca di drenaggio in modo che la quantità di bile rimossa possa essere controllata periodicamente.

In entrambi i casi, le medicazioni sopra la ferita devono essere controllate frequentemente da segni di sanguinamento o da altre anomalie nel carattere e la quantità di drenaggio. Quando la perdita di bile è abbondante, come a volte capita, le cure dovranno essere rafforzate e gli strati esterni cambiate con la frequenza necessaria per mantenere il paziente asciutti e per evitare irritazioni della pelle intorno all’incisione.

maxresdefault

La cura a casa

Il piano di assistenza infermieristica di un paziente o con un tubo a T o di un Y-tubo deve tener conto di tre principali problemi potenziali: infezione, ostruzione, e dislocamento del tubo. Il monitoraggio per l’infezione comprende la visione per l’elevazione della temperatura corporea al di sopra di 38 gradi e l’ispezione del sito di inserimento del tubo per arrossamento, gonfiore, calore, e secrezione purulenta.

Il paziente deve anche essere tenuto sotto controllo per l’ittero e reclami di dolore in alto a destra dell’addome, per verificare se il drenaggio attorno al tubo è bloccato e se ci sono nausea, vomito e urina molto scura e sgabelli color argilla, i quali indicano ostruzione del dotto biliare comune . La quantità di drenaggio dal tubo viene misurata e registrata almeno una volta ogni otto ore. Una marcata diminuzione dell’importo potrebbe significare che il tubo è diventato sloggiato. Bisogna quindi sempre tenere sotto controllo il paziente per evitare qualsiasi tipo di complicazione che potrebbe causare problemi post operatori di vario genere.

colecistectomia

I rischi

La malattia del tratto biliare continua a verificarsi in circa il 5-8 per cento di tutti i pazienti dopo la colecistectomia. I sintomi possono apparire in poche settimane dopo l’intervento chirurgico o possono verificarsi anni dopo e sono il risultato di calcoli residui non rimossi al momento della chirurgia, calcoli biliari di nuova formazione, o stenosi del dotto biliare comune. Infezioni e neoplasie possono anche produrre i sintomi della sindrome post-colecistectomia (PCS). A causa di influenze ormonali, le donne fino a 50 anni per quasi l’80 per cento dei pazienti con post-colecistectomia. Il trattamento della condizione varia, ma potrebbe comportare un più ampio intervento chirurgico per fornire un mezzo attraverso il quale la bile possa esaurirsi nell’intestino.

I controlli

In generale si applicano le preoccupazioni generali di cura del paziente: i segni vitali sono monitorati e le medicazioni vengono ispezionate. Il paziente viene valutato per il dolore e per le funzioni gastrointestinali e urinarie; analgesici e antiemetici sono forniti come necessari. L’equilibrio idro-elettrolitico è monitorato, e la fluido terapia prescritta viene somministrata fino a quando al paziente è consentita l’assunzione orale. Il paziente è invitato a respirare profondamente e ad eseguire la spirometria iper prevenire atelettasia e lo scambio di gas compromesso. Il paziente viene assistito con deambulazione precoce e con splintaggio dell’addome quando si sposta su o se ha la tosse. Viene valutata la circolazione periferica e il ritorno venoso è promosso con esercizi per le gambe e le calze elastiche o con il tubo pneumatico come prescritto.

Previous ArticleNext Article