Influenza intestinale: sintomi, cause e rimedi alimentari e non

Che cosa è l’influenza intestinale, come si manifesta in bambini e adulti, e che cosa si può fare per poterla contrastare efficacemente.

Influenza intestinale

L’influenza intestinale è una particolare malattia, di origine virale, che determina una serie di fastidiosi sintomi a livello dello stomaco e dell’intestino. È un problema piuttosto fastidioso, comunemente chiamato anche come gastroenterite virale, frequente più nei bambini che negli adulti ma, comunque, non sottovalutabile nemmeno nei pazienti che hanno qualche anno in più. Ma quali sono i sintomi di questa influenza? Quali le cause? E in che modo si può rimediare a questa situazione, anche mediante la giusta alimentazione?

Quali sono le cause dell’influenza intestinale

Le cause dell’influenza intestinale non sono – naturalmente – le stesse di una normale influenza, bensì da imputare alla presenza di un virus nel nostro organismo e, in prevalenza, del rotavirus (più diffuso, come abbiamo già avuto modo di ricordare nelle righe che precedono, durante l’età pediatrica). Non è inoltre escluso che l’influenza intestinale possa essere favorita da altri ceppi, come ad esempio il norovirus, l’adenovirus, il sapovirus, l’astrovirus.

Quali sono i sintomi dell’influenza intestinale

I sintomi dell’influenza intestinale sono molto simili a quelli di altre forme di problema gastrointestinale. Per questo motivo poter individuare correttamente l’origine della patologia non è sempre semplice, e richiederà quanto meno il supporto di un medico che potrà valutare caso per caso che cosa ha determinato la comparsa di diarrea e di vomito, alcune delle manifestazioni tipiche di questa forma influenzale.

Oltre a diarrea e vomito, rappresentano sintomi piuttosto comuni dell’influenza intestinale i crampi addominali e una sensazione di nausea e, secondariamente, anche una condizione di malessere generale, febbre, perdita di appetito, disidratazione (rischiosa soprattutto nei più piccoli e negli anziani).

Raramente i sintomi compaiono tutti insieme. Molto più frequentemente, invece, compaiono gradualmente e si risolvono nell’arco di qualche giorno. Nell’ipotesi in cui il virus abbia aggredito con particolare forza l’organismo, o nel caso in cui le difese immunitarie del paziente siano particolarmente deboli e compromesse, è possibile che i sintomi possano protrarsi anche per una settimana o più. Per quanto invece riguarda il periodo di incubazione, questa dura pochi giorni a partire dal momento in cui avviene il contagio con il virus.

Ad ogni modo, nonostante il quadro sintomatico piuttosto ricco, bene rammentare che le complicazioni della gastroenterite influenzale sono piuttosto poco, e che l’unica che merita un piccolo cenno di attenzione è la disidratazione, favorita dalla diarrea frequente e dal mal assorbimento dei nutrienti che può comportare la presenza del virus.

Come si cura l’influenza intestinale

Purtroppo non esistono rimedi specifici per l’influenza intestinale, ma fortunatamente il quadro dei sintomi sparisce in via spontanea nell’arco di pochi giorni. Non devono mai essere utilizzati antibiotici, valutato che si tratta di una forma virale e non batterica. È invece possibile ricorrere una serie di rimedi sicuramente validi, come:

  • bere molta acqua: soprattutto nel caso in cui l’influenza intestinale abbia colpito i più piccoli o i più anziani, diventa molto importante cercare di far bere al malato molta acqua, considerando che la diarrea e il vomito fanno perdere grandi quantità di acqua. Consapevoli che durante il periodo della malattia potrebbe essere molto difficile bere con agevolezza, è comunque opportuno costringersi a bere a piccoli sorsi;
  • assumere probiotici: i probiotici, batteri “buoni” che vanno a integrare e a ripopolare la flora batterica intestinale, possono aiutare l’intestino a ristabilirsi. Per poter contrastare adeguatamente la gastroenterite ne esistono alcuni sicuramente più efficaci di altri: domandate in farmacia o al vostro medico;
  • riposare: è sempre opportuno cercare di assicurarsi il giusto riposo, considerato che i sintomi di vomito e di diarrea possono debilitare l’organismo. Ritagliarsi qualche giorno a casa potrebbe essere un sistema molto semplice per aiutare l’organismo a riprendere le sue ordinarie funzionalità:
  • assumere zenzero e limone: zenzero e limone sono due elementi molto utili per aiutare l’organismo a risolvere tanti problemi di natura gastrointestinale. In particolare, lo zenzero può essere utile per poter alleviare la nausea e il vomito, mentre il limone può aiutare a bloccare la diarrea e a influire positivamente sul lavoro di tutto l’apparato digerente.

Che cosa si può mangiare in caso di influenza intestinale

Siamo ben consapevoli che durante l’influenza intestinale probabilmente non si avrà voglia di bere e di mangiare. Superate tuttavia le prime ore di “shock” determinato dalla comparsa dei sintomi, è bene cercare di reintegrare liquidi e nutrienti partendo da cibi secchi come fette biscottate e crackers, in piccole porzioni, monitorando quale sarà l’effetto sul nostro organismo.

Sono inoltre consigliati cibi leggeri come pasta, riso e patate condite semplicemente con olio. Bene anche la frutta, come le banane – che vi aiuteranno a recuperare i sali minerali persi – o ancora le mele.

Previous ArticleNext Article