Lactoflorene, integratore alimentare utile per la flora batterica intestinale

Che cos’è Lactoflorene, per cosa viene usato, il dosaggio consigliato e le varie versioni.

Lactoflorene

Lactoflorene è una linea di integratori alimentari che presentano al loro interno dei fermenti lattici. La produzione di questi integratori è a cura della casa farmaceutica Montefarmaco OTC. Tra le principali caratteristiche di Lactoflorene troviamo sicuramente il fatto di poter contare su una formula potenziata. Infatti, contiene anche vitamine appartenenti al gruppo B e zinco. Spesso questo integratore alimentare viene impiegato per migliorare il transito intestinale. Non solo, visto che serve anche come riequilibratore per la flora batterica intestinale. Quest’ultima, infatti, può essere oggetto dei più disparati disturbi e quando l’equilibrio naturale viene alterato, ecco che una cura a base di Lactoflorene può essere adeguata. Lactoflorene non si può considerare come un normale integratore di fermenti lattici vivi. Infatti, al suo interno troviamo anche una buona concentrazione di zinco e di vitamine che fanno parte del gruppo B.

Per cosa può essere usato Lactoflorene

Lactoflorene

Si tratta di un integratore che può tornare utile in tutte quelle situazioni in cui la flora batterica ha bisogno di essere ripristinata. Ciò può accadere per colpa di un gran numero di cause, anche notevolmente differenti tra loro. Lactoflorene, quindi, può essere utile quando il paziente soffre di diarrea e stitichezza. Anche durante un trattamento a base di farmaci antibiotici può richiedere l’uso di tale integratore. In questo caso, però, Lactoflorene deve essere sempre assunto distante rispetto ai pasti. Chiaramente, l’assunzione deve essere lontana anche rispetto all’antibiotico, in maniera tale che non possa essere alterato il suo effetto.

Qual è il dosaggio di Lactoflorene consigliato

Lactoflorene

Per quanto riguarda la forma in capsule, si suggerisce l’assunzione di due capsule al giorno. Tali capsule devono essere somministrate sempre distanti rispetto ai pasti più importanti. Nel caso in cui si dovessero riscontrare problemi nella deglutizione della capsula, c’è la possibilità di aprirla. In questi casi, il contenuto deve essere immesso in un bicchierino con pochissima acqua e poi bevuto. Per quanto concerne i flaconcini, invece, la posologia consigliata è pari a due flaconcini al giorno. Anche in questo caso, l’assunzione deve avvenire distante rispetto ai pasti. Per l’assunzione del flaconcino è fondamentale che la polvere che si trova nel tappo si mescoli all’acqua. Particolare attenzione, quindi, deve essere prestata all’apertura del tappo. Devono essere utilizzati tutti e due i pollici e il flaconcino deve essere appoggiato su un piano.

Lactoflorene per ridurre il colesterolo

Questa versione di lactoflorene presenta al suo interno anche la monacolina dell’estratto di riso rosso fermentato. Si tratta di una sostanza che permette certamente una migliore conservazione e protezione dei normali valori di colesterolo. La presenza della vitamina PP, invece, va a favorire un corretto metabolismo dal punto di vista energetico. Inoltre, il coenzima Q10 torna molto utile nel caso in cui il paziente assuma delle sostanze che svolgono un’attività che ricorda quella delle statine. L’estratto di riso rosso fermentato, denominato Monacolina K, infatti, consente di bloccare una sintesi eccessiva di colesterolo all’interno del fegato. Tale azione viene svolta inibendo uno dei vari enzimi che sono dedicati a tale processo di biosintesi. I fermenti lattici vivi e ad attività probiotica migliorano l’equilibrio della flora batterica dell’intestino. Numerosi studi scientifici hanno evidenziato come un equilibrio in tal senso si rifletta positivamente anche sui valori di colesterolo nel sangue.

I fermenti lattici per la pancia piatta

Lactoflorene

I fermenti lattici vivi si caratterizzano per svolgere una benefica attività probiotica. Infatti, migliorano l’equilibrio della flora batterica dell’intestino che, in alcuni casi, può provocare dei disturbi alimentari. Gli enzimi si possono considerare delle sostanze proteiche favoriscono il processo di digestione dei cibi. Gli estratti vegetali permettono una migliore motilità intestinale. Al tempo stesso, garantiscono anche una più rapida fuoriuscita dei gas che provocano il tipico gonfiore a livello addominale. Questa versione di Lactoflorene si può acquistare sia nella confezione da 10 che da 20 bustine. Si suggerisce di assumere una bustina al giorno, di solito prima del pasto più importante.

La versione per i bambini

Esiste anche una versione di Lactoflorene dedicata ai più piccoli, che prende il nome di “plus bimbi”. Dal punto di vista dietetico, l’apporto garantito dalla Miscela Florene garantisce il mantenimento di un corretto equilibrio della flora batterica intestinale. Questa integratore riveste un ruolo importante per i bambini, in modo particolare quando c’è una carenza. Tale situazione si può verificare soprattutto dopo un trattamento a base di farmaci antibiotici. In altri casi, serve quando insorgono dei disordini a livello alimentare che vanno a rendere più debole la flora batterica dell’intestino. Lo zinco, invece, permette di rinforzare il sistema immunitario e favorisce la protezione rispetto alle cellule che sono legato allo stress ossidativo. Inoltre, viene migliorato anche il metabolismo energetico, grazie alla presenza di vitamine del gruppo B.

Forme in commercio e prezzo di Lactoflorene

Lactoflorene

Questo integratore alimentare si può acquistare sia sotto forma di flaconcini monodosiche in capsule gastroresistenti. Inoltre, si può comprare anche in stick monodose che si caratterizzano per essere orosolubili. Il prezzo di questo integratore è chiaramente differente in base alla forma acquistata. Il prodotto in flaconcini costa 14 euro e ne contiene fino a 12. Il prodotto in capsule ha lo stesso prezzo e ne contiene 20. Infine, la versione con le bustine orosolubili ha un prezzo pari a 12 euro.

Previous ArticleNext Article