Miele di acacia: le sue proprietà e il suo uso in cucina

Esistono molti tipi di miele in base al polline raccolto dalle api. Il miele di acacia è uno dei più diffusi e allora meglio conoscerlo meglio perché ha molti benefici per l’intero organismo.

cung-chieu-co-the-voi-mat-ong-0

Esistono molti tipi di miele in base al polline raccolto dalle api. Il miele di acacia è uno dei più diffusi e allora meglio conoscerlo meglio perché ha molti benefici per l’intero organismo.

Di che cosa si tratta

Il miele di acacia deriva dalla pianta di acacia che è una pianta officinale della famiglia delle minosacee. È un miele cosiddetto unifloreale perché le arnie delle api vengono poste in una zona ricca di queste piante così le api andranno principalmente a nutrirsi sui fiori d’acacia, raccogliendone il prezioso nettare. Il miele di acacia ha un colore chiarissimo e ha una consistenza piuttosto liquida, senza cristalli. Il suo profumo è dolce e floreale. Il suo sapore è dolce e delicato. È un prodotto che si realizza in tutt’Italia ma in particolar modo nella zona prealpina. Se puro non contiene glutine e quindi può essere mangiato anche dai celiaci ma non, invece, dai vegani poiché è un prodotto di origine animale, al pari del latte.

miele-acacia-2

Le proprietà

Oltre che usarlo come dolcificante al posto dello zucchero, il miele di acacia ha altri impieghi per via delle sue molte proprietà benefiche. Innanzitutto, è un prodotto energizzante naturale poiché deriva dalla pappa reale, nutrimento delle api. Il miele di acacia rifornisce il sistema nervoso donando una giornata piena di energia. Il miele di acacia si caratterizza per un’alta digeribilità, oltre che per il suo contenuto di proteine, sali minerali, vitamine e amminoacidi. Questo mix del tutto naturale rende il miele di acacia un ottimo ricostituente. Il miele di acacia, inoltre, è un rimedio che possono utilizzare anche i diabetici lievi poiché il contenuto di zucchero deriva per la maggior parte dal fruttosio, il quale non ha bisogno di insulina per essere metabolizzato.

20120906171531

Per lo stesso motivo, anche i bambini sotto i 12 mesi d’età possono tranquillamente utilizzare il miele di acacia al posto di zucchero e dolcificante. Ha un’azione disintossicante che aiuta a tenere sano il fegato. Pare che il miele di acacia abbia anche un’azione lassativa utile per chi soffre di stitichezza. Regola le funzioni digestive e aiuta a combattere la fastidiosa acidità di stomaco. Il suo maggiore impiego resta però quello contro il mal di gola, tosse, faringite e altre simili infiammazioni che colpiscono il cavo orale. Il motivo è dovuto alla sua viscosità che dona sollievo, idratando il cavo orale che risulta secco e molto infiammato. È sufficiente metterne un cucchiaino nel latte o nel the caldo. Il miele di acacia è utilizzato nella preparazione di molti rimedi stagionali, come ad esempio le caramelle per la gola. È importante, però, fare attenzione alla composizione di questi rimedi perché potrebbero contenere pochissimo miele di acacia e moltissimi altri ingredienti dalla dubbia efficacia.

how-to-get-rid-of-pimples-honey-cinnamon-250x313

Altri rimedi

  • Per via delle sue proprietà energizzanti e la presenza di molte proteine e vitamine, il miele di acacia può essere adoperato per una serie di rimedi di bellezza.
  • Maschera per la pelle secca. Contro la pelle secca si può preparare una maschera a base di 2 cucchiaini di miele di acacia, mezzo avocado e due gocce di acqua di rose. Si applica sul viso e si lascia agire per 15 minuti e poi si sciacqua con acqua tiepida.
  • Impacco per capelli sfibrati. Per ridare tono ai capelli sfibrati con le doppie punte, si può preparare un composto con un vasetto di yogurt, un cucchiaio abbondante di miele di acacia e due cucchiaini di olio di cocco. Si mette il composto sui capelli insistendo sulle punte. Per non far colare la maschera si possono raccogliere i capelli e mettere una cuffia. Dopo almeno mezz’ora si può procedere con lo shampoo e balsamo.
  • Scrub per il corpo. Per eliminare le cellule morte, ecco che basta miscelare 6 cucchiai di miele di acacia con dello zucchero di canna e olio di mandorle dolci finché non si ottiene una consistenza un po’ grumosa. Si passa lo scrub sulle zone interessate facendo un massaggio. Poi si sciacqua il tutto con acqua tiepida.
  • Sapone lenitivo. Questa ultima preparazione è un po’ più laboriosa ma il risultato è una saponetta fatta in casa che ha un ottimo profumo. Occorre grattugiare 80 gr di sapone di Marsiglia e scioglierlo a bagnomaria aggiungendo 180 gr di miele di acacia. Una volta che gli ingredienti sono completamente sciolti, si aggiungono 2 cucchiai di acqua di rose e si versa il composto in una forma e si lascia raffreddare. Volendo si possono aggiungere anche dei fiori secchi come boccioli di rose o fiori di lavanda.

Previous ArticleNext Article