Petecchie: definizione, generalità, caratteristiche e terapia farmacologica.

Le petecchie sono delle micro emorragie di tipo puntiforme, si manifestano a causa di fuoriuscite di sangue dai vasi sanguigni di piccolo calibro.

Le petecchie hanno un diametro che, per definizione non supera i tre millimetri, la morfologia presenta una superficie liscia, dei contorni irregolari ma che tende al tondo. Per quanto concerne i colori questi possono passare dai rossi accesi ai viola bluastri. Negli stadi finali le petecchie possono assumere una colorazione giallo verdastra.

Petecchie: le generalità

Le petecchie si localizzano tipicamente sui quattro arti, indistintamente quelli inferiori e quelli superiori. Non sono rarissimi, però, i casi di localizzazione su alcune mucose, sul viso, sui reni, sull’addome e, addirittura, sulla retina.

Le manifestazioni petecchiali non presentano alcuna sintomatologia. Si tenga presente che le manifestazioni petecchialinon sono neanche dolorose.

Cause che possono portare alla formazione di manifestazioni petecchiali

Le manifestazioni petecchiali possono derivare da qualche forma di alterazione delle capacità di coagulazione del sangue. In particolare ricordiamo l’amiloidosi, le artriti reumatoidi, l’emofilia, il lupus eritematoso, le terapie anticoagulanti, la piastrinopenia, il morbillo e la mononucleosi.

Le petecchie possono altresì derivare da alcune altre malattie: ad esempio delle carenze di vitamina k, la dengue, le endocarditi batteriche, lo scorbuto, alcuni traumi, la tosse ed il vomito, la sindrome di Cushing.

Terapie per combattere le petecchie

Le terapie per curare le petecchie dipendono, com’è naturale, dalle cause che hanno scatenato il fenomeno. In realtà per liberarsi delle petecchie occorrerà curare la malattie che hanno generato le petecchie.

Petecchie: la definizione

Come abbiamo visto le petecchie si configurano come delle piccole emorragie, a carattere puntiforme, con un diametro inferiore ai tre millimetri. Dipendono dalla fuoriuscita di sangue da vasi sanguigni di piccolo calibro. Il sangue, quando non trova delle vie d’uscita, tende ad accumularsi sotto cute e per tale motivo dà vita a questa macchiolina, tipicamente rossa, che contraddistingue la petecchia. Unitamente ad ecchimosi e porpora, le petecchie vengono identificate come sanguinamenti (sovente superficiali) nelle mucose ma più spesso sulla cute.

Pur non costituendo che una forma molto lieve di sanguinamento, e, per di più, superficiale, senza che venga perso del sangue, le petecchie, però, a volte potrebbero associarsi ad una emorragia più consistente e, pertanto, più grave.

E’ infrequente l’osservazione di sole una o due petecchie sulla cute: spessissimo, difatti, queste emorragie di lievissima entità si raggruppano, così da costituire un vero e proprio fenomeno noto come “rush cutaneo”. Le petecchie non di rado si sovrappongono oppure crescono le une accanto alle altre, e, così facendo, vengono comunemente confuse per vere e proprie ecchimosi o per porpora.

Vediamo ora, un po’ più nel dettagli, quali siano le caratteristiche generali delle petecchie, quali cause possano scatenarle e se e quali trattamenti si possono utilizzare per combatterle.

Dimensioni e colorazione delle petecchie

Le manifestazioni petecchiali si caratterizzano per essere delle macchioline puntiformi e iperpigmentate che si localizzano sulle mucose e sulla cute.

In generale la loro formazione è dovuta a delle carenze a carico degli elementi che, nel sangue, si occupano della coagulazione.

Tali piccolissime macchie cutanee hanno, più o meno, le dimensioni della capocchia di uno spillo. La loro superficie è liscia. Presentano dei contorni irregolari. La loro forma, pur irregolare, è in genere tondeggiante.

Poiché stiamo parlando di versamenti ematici nei tessuti in dipendenza della rottura di qualche micro vaso sanguigno, anche la petecchia presenta tipicamente, le variazioni cromatiche che caratterizzano ciascuna tipologia di ematomi. All’inizio le manifestazioni petecchiali si colorano di rosso intenso, poi la colorazione tende al bluastro o al viola per terminare poi il loro percorso cromatico al giallo dorato o verdastro. Possiamo affermare con certezza che le petecchie guariscono spontaneamente nel giro di qualche giorno.

Premendo le petecchie con un dito esse non sono soggette allo schiarimento.

Localizzazione delle petecchie

Le manifestazioni petecchiali tipicamente si localizzano sulla cute. Il cosiddetto rush petecchiale ha la tendenza a manifestarsi particolarmente sugli arti inferiori, soprattutto sulle caviglie e sui piedi.

Ciononostante non è infrequente riscontrarne la presenza sull’addome o su altre aree del corpo umano.

Le manifestazioni petecchiali potrebbero, idealmente, localizzarsi su una qualsiasi area anatomica, non rappresentano, pertanto, una lesione propria solo della cute, come erroneamente, generalmente si presume. Le lesione di natura petecchiale potrebbero, perciò, localizzarsi in qualsiasi tessuto umano che venga irrorato da vasi facenti parte della circolazione di tipo sistemico. Infatti fra i segni che si associano alla endocardite di origine batterica, troviamo, e tra i principali, anche le manifestazioni petecchiali.

La contemporanea presenza di lesioni di natura petecchiale sulla retina, sulla cute, su alcune mucose (soprattutto quella sublinguale) e, magari, anche sui reni, è bene che sia causa di giusta apprensione: in questa situazione è probabile che la loro causa sia proprio una endocardite batterica. In tali situazioni, a livello dei reni, le petecchie potrebbero tendere a svilupparsi in area corticale, e li generano un quadro conosciuto con il nome di “punture di pulce”.

Sintomatologia delle petecchie

Le petecchie hanno u decorso completamente asintomatico: infatti queste macchioline sulla cute non si associano, in genere, ad alcun fastidio o, tanto meno, dolore. Quindi più che a qualche sintomo, si può dire che le manifestazioni petecchiali sono associabili a dei “segni”. In pratica delle manifestazione a carattere esclusivamente estetico.

Le cause delle petecchie

Abbiamo sin qui affermato che le manifestazioni petecchiali si configurano come una immediata conseguenza della rottura di piccoli vasi ematici. Ma perché questi piccoli vasi sono soggetti a rottura? La rottura dei capillari, con il conseguente versamento ematico nel tessuto sottostante, potrebbe essere la conseguenza di una diminuzione delle capacità ematiche di coagularsi. Ma anche ad altre (e tante) malattie o altro tipo di disturbi.

Le petecchie che dipendono da qualche alterazione della capacità coagulativa ematica possono essere prodotte da:

  1. Amiloidosi: è una patologia che si caratterizza per le anomali deposizioni di proteine con bassi pesi molecolari, in sedi extracellulari. L’apparizione di macchioline dal caratteristico colore rossastro sulla cute (ecchimosi, petecchie, porpora), è un caratteristico sintomo dell’amiloidosi;
  2. Artrite reumatoide;
  3. Emofilia: è una malattia che si caratterizza per delle spiccate tendenze ai sanguinamenti. L’anomalia nella coagulazione ematica predispone il soggetto all’insorgere di petecchie;
  4. La leucemia: poiché le manifestazioni petecchiali sono effetto di una diminuzione del numero delle piastrine in circolo, esse possono dipendere da questa malattia, caratterizzata proprio da questo dato.
  5. Lupus eritematoso sistemico;
  6. La mononucleosi, la rosolia ed il morbillo: questo tipo di infezioni predispone il soggetto alla formazione si micro macule rossastre sulla pelle.
  7. La piastrinopenia: in quanto disturbo del sangue che si caratterizza per una diminuzione più o meno sostenuta del numero di piastrine contenute nel circolo ematico, è evidente che può causare le manifestazioni petecchiali.
  8. La porpora trombicitpenica idiopatica: è una patologia di tipo autoimmune che si caratterizza per la riduzione del numero dei trombociti che vengono distrutti ad autoanticorpi. Una delle conseguenze che più sovente appaiono è proprio la comparsa di macchioline rossastre sulla cute (porpora, petecchie, ecc.).

Terapia farmacologica contro le petecchie

Nonostante le manifestazioni petecchiali altro non siano che un puro e semplice disturbo di carattere estetico, occorre non dimenticare che esse possono nascondere una malattia sottostante anche seria. Di conseguenza il parere del medico personale è sempre fondamentale.

Non esistono terapie specifiche per curare le manifestazioni petecchiali, i trattamenti sono subordinati alle cause scatenanti. Per esempio se trattiamo le petecchie causate dallo scorbuto, opteremo per una terapia fondamentalmente basata sulla assunzione di vitamina c.

Le petecchie causate da piastrinopenia saranno, invece, curate con farmaci steroidei (molto efficaci nella riduzione delle emorragie) o con la somministrazione di immunoglobuline (nei casi di trombicitopenie dipendenti da una anomala risposta immunitaria.

Previous ArticleNext Article