Plasil compresse: posologia e controindicazioni

Come si deve assumere Plasil compresse, quali sono le controindicazioni e gli effetti collaterali.

plasil compresse

Plasil compresse si caratterizza per essere un farmaco che fa parte della categoria dei medicinali utilizzati per la cura di problemi funzionali gastrointestinali ed è in grado di svolgere sia un’attività procinetica sull’intestina che un’azione antiemetica.

Plasil compresse a cosa serve

plasil compresse

Questo farmaco, sotto forma di compresse, viene utilizzato nelle persone in età adulta per svolgere un trattamento di prevenzione nei confronti della nausea e del vomito ritardati che vengono provocati da parte della chemioterapia. Si può usare anche come terapia preventiva per contrastare vomito e nausea che vengono provocati dalla radioterapia, ma anche come cura di nausea e vomito sintomatici, ma anche quando tali sintomi vengono causati da emicrania acuta. Il principio attivo metoclopramide si può sfruttare insieme a dei farmaci analgesici orali con l’intento di favorire l’assorbimento degli analgesici nei casi in cui i pazienti soffrano di emicrania acuta.

Plasil compresse nei bambini

Nei bambini che vanno da 1 a 18 anni, questo medicinale può essere impiegato come trattamento preventivo per nausea e vomito che vengono causati da chemioterapia.

Plasil compresse controindicazioni

plasil compresse

Questo medicinale non deve essere impiegato nel caso in cui il paziente abbia un’ipersensibilità nei confronti del principio attivo o ad uno degli altri eccipienti presenti al suo interno. Se ne sconsiglia l’impiego anche nel caso in cui il soggetto soffra di emorragia gastrointestinale, ma anche ostruzione di tipo meccanico o perforazione dell’apparato gastrointestinale per cui andare a stimolare la motilità gastrointestinale rappresenta un vero e proprio pericolo. Plasil in formato compresse non si deve impiegare nel caso in cui i pazienti soffrano di glaucoma, oppure nei casi di feocromocitoma, che può anche essere solamente presunto, per colpa del pericolo che possano insorgere degli attacchi molto gravi di ipertensione. Se ne sconsiglia l’utilizzo con soggetti che soffrono di morbo di Parkinson, ma anche di epilessia o hanno sofferto in passato di discinesia tardiva provocata da metoclopramide o da neurolettici.

Plasil compresse precauzioni per l’uso

plasil compresse

Prima di assumere Plasil, si consiglia sempre di valutare le condizioni di salute insieme al proprio medico. Di conseguenza, è necessario prestare la massima attenzione nel caso in cui il paziente soffra di insufficienza renale o di insufficienza epatica in forma grave, visto che il dosaggio deve essere necessariamente abbassato. Con delle malattie cardiache, bisogna sottolineare come la somministrazione di questo medicinale possa portare a importanti effetti cardiovascolari collaterali, come ad esempio collasso circolatorio, una forma molto grave di bradicardia, arresto cardiaco. Nelle persone anziane che soffrono di problemi nella conduzione cardiaca l’assunzione di Plasil compresse deve avvenire sempre con la massima attenzione.

Plasil compresse avvertenze

Nel caso in cui il paziente soffra di disturbi neurologici, bisogna stare particolarmente attenti a somministrare una dose particolarmente alta di Plasil, visto che si potrebbero verificare diverse reazioni, che si potrebbero manifestare sopratutto nella prima parte della cura e anche solamente dopo una sola somministrazione. Nel caso in cui dovessero insorgere dei sintomi extrapiramidali, bisogna sospendere subito la cura a base di Plasil.

Plasil compresse in gravidanza

plasil compresse

Prima di iniziare una cura a base di questo medicinale si consiglia di chiedere sempre il suggerimento del medico oppure del farmacista. Secondo un gran numero di studi sulle donne durante la fase di gravidanza hanno fatto emergere la mancanza di tossicità malformativa e fetotossicità. Nel caso in cui fosse necessario dal punto di vista clinico, il principio attivo di questo medicinale può essere usato anche nel corso della gravidanza. Per colpa dell’azione farmacologica, un trattamento a base di Plasil nel corso della gravidanza potrebbe comportare in qualche caso l’insorgenza di una sindrome extrapiramidale nel neonato. Al termine della gravidanza se ne sconsiglia sempre l’impiego, mentre nel caso in cui si utilizzi la metoclopramide bisogna provvedere ad iniziare un controllo neonatale. Nel corso della fase di allattamento, il principio attivo di questo medicinale può finire all’interno del latte materno anche quando il dosaggio è particolarmente basso. Per questa ragione, non si possono escludere che insorgano delle reazioni allergiche o di altra natura nel bambino che viene allattato al seno da parte della madre. Quindi, i farmaci a base di questo principio attivo non vengono mai consigliati nel corso dell’allattamento: per questo ragione, le cure a base di metoclopramide nelle donne durante l’allattamento devono essere necessariamente sospese.

Plasil compresse dosaggio

La dose che viene suggerita è pari a 10 mg, che si può ripetere per un massimo di tre volte in una giornata. Quindi, ogni giorno si raccomanda di non superare la dose pari a 30 mg o di 0,5 mg/kd di peso. La cura a base di questo farmaco non dovrebbe mai durare per più di cinque giorni. Nei bambini, invece, la posologia che viene consigliata va da 0,1 fino a 0,15 mg/kg di peso, che si può ripetere fino ad un massimo di tre volte al giorno, per una dose massima giornaliera pari a 0,5 mg/kg di peso.