Voltfast, un medicinale per i traumi, i reumatismi e i dolori infiammatori

Il Voltfast è un farmaco antireumatico ed antinfiammatorio non steroideo, che deriva dall’acido acetico ed alcune sostanze correlate.

Voltfast

Il Voltfast è un medicinale che viene utilizzato per il trattamento a breve termine di stati dolorosi post-operatori, oppure stati infiammatori o post-traumatici, e spesso anche per dolori mestruali.

È indicato anche per trattare le riacutizzazioni del dolore reumatico ed osteo-articolare. Il formato in bustine di tale medicinale, garantiscono la rapidità di azione nel trattamento di manifestazioni dolorose.

Voltfast: controindicazioni

Come tutti i farmaci, anche Voltfast non deve essere utilizzato in casi clinici accertati che ora elencheremo:

1. Ipersensibilità verso il principio attivo oppure ad uno o più componenti presenti nel farmaco
2. Ipersensibilità nota verso l’acido acetilsalicilico, oppure verso altri analgesici, antipiretici ed antiinfiammatori non steroidei
3. In presenza di ulcera, perforazione e sanguinamento gastrointestinale in atto
4. Ultimo trimestre di gestazione e durante l’allattamento
5. Se si ha una storia di emorragia gastrointestinale o perforazione determinata dalla somministrazione di altri farmaci FANS, oppure una storia di ulcera peptica ricorrente
6. In presenza di grave insufficienza epatica e renale
7. In presenza di insufficienza cardiaca congestizia conclamata, oppure cardiopatia ischemica, arteriopatia periferica, o vasculopatia cerebrale
8. In presenza di malattie epatiche pregresse
9. Quando è in corso un trattamento farmacologico a base di acetilsalicilico o altri infiammatori non steroidei
10. Quando è in corso una trattamento a base di diuretici intensiva
11. In presenza di alterazioni conclamate dell’emopoiesi
12. In età pediatrica inferiore ai 14 anni
13. In pazienti affetti da fenilchetonuria, per la presenza nel farmaco di aspartame

Precauzioni d’uso: informazioni generali

Per ridurre al minimo gli effetti indesiderati provocati dalla somministrazione del farmaco, è sufficiente ridurre al minimo il dosaggio e per il minor tempo possibile. Deve essere assolutamente vietato il consumo di Dicoflenac in concomitanza, inclusi anche gli inibitori selettivi della cicloossigenasi-2, per le mancate informazioni su eventuali effetti indesiderati a riguardo. Negli anziani, la somministrazione di Voltfast deve essere eseguita con la massima cautela. Particolare attenzione deve essere rivolta in tutti gli anziani fragili o verso quelli che hanno un basso peso corporeo. In questo caso, si raccomanda il dosaggio più basso. Gli anziani inoltre, hanno un aumento della frequenza di reazioni avverse verso i farmaci FANS, specialmente di manifestazioni emorragiche e perforazioni gastrointestinali, che possono condurre il malato alla morte.

Come del resto può capitare anche con la somministrazione di altri FANS, possono verificarsi reazioni allergiche. Tra le quali ricordiamo: shock anafilattico ed anafilattoidi.

Voltfast: avvertenze d’uso

I farmaci come il Voltfast, è stato associato ad un aumento modesto del rischio di infarto del miocardio oppure dell’ictus. Qualsiasi altro rischio, è molto più probabile con dosi elevate e trattamenti prolungati nel tempo. Si consiglia dunque, di non superare il dosaggio e la durata consigliata dal medico. In presenza di patologie cardiache o ictus, o in particolari condizioni mediche, come diabete, colesterolo ed ipertensione arteriosa, è importante stabilire con il medico o con il farmacista di fiducia la posologia più adeguata.

Voltfast: gestazione ed allattamento

Tramite l’inibizione della sintesi delle prostaglandine, si possono avere effetti negativi sulla gravidanza e sullo sviluppo del feto. Alcuni studi epidemiologici, hanno evidenziato un aumento del rischio di aborto o di malformazione cardiaca, dopo l’impiego di tale farmaco. Tali rischi, aumentano con il quantitativo del dosaggio ed il tempo di somministrazione. Durante i primi due mesi di gravidanza, sconsigliamo l’impiego di questo medicinale, se non in casi strettamente necessari. Durante il terzi trimestre di gestazione, gli inibitori della prostaglandine possono esporre il feto a tossicità cardiopolmonare, disfunzione renale e prolungamento di sanguinamento.

Proprio come tutti i medicinali FANS, anche tale farmaco viene escreto nel latte materno in piccole quantità. Per questo, raccomandiamo di non utilizzarlo durante l’allattamento al seno, in mnaiera tale da evitare effetti indesiderati sul neonato.

Composizione e forma farmaceutica di Voltfast

All’interno di una bustina di questo medicinale, è presente il principio attivo Dicoflenac potassico in un quantitativo pari a 50 mg. Il farmaco contiene al suo interno aspartame, bicarbonato di potassio, pulvaroma all’anice, pulvaroma alla menta, mannitolo, saccarina sodica, e glicerolo dibenato. È possibile acquistare il prodotto in soluzione granulare per uso orale nella confezione di 30 bustine. Prima della somministrazione di qualsiasi altro farmaco, consigliamo di contattare il vostro medico di base.

Previous ArticleNext Article