Dieta della carne bianca: menu ideale per perdere fino a 15kg in un mese

La dieta della carne bianca è sicuramente un regime alimentare che può aiutarci ad eliminare qualche chilo di troppo con pochi ma sani alimenti.

donna magra
(Foto Pixabay)

Con l’arrivo della bella stagione siamo tutti tentati di organizzare delle gite fuori porta per trascorrere delle belle giornate in compagnia di amici.

Sicuramente una soluzione molto apprezzata è quella di preparare un bel pranzetto con della carne bianca ai ferri, per tutti.

Di certo, non abbiamo alcuna intenzione di passare per dei guastafeste e ci uniremo al gruppo per gustare delle saporite pietanze in compagnia prima di dedicarci al gioco, alla lettura o semplicemente a rilassarsi.

La dieta della carne bianca è adatta a tutti sia per la sua varietà sia perché può essere seguita senza particolari difficoltà.

Dieta della carne bianca

La dieta della carne bianca ci permetterà di perdere diversi chili, diciamo pure tanti.

dieta carne bianca
(Foto Pixabay)

Con la dieta della carne bianca sarà possibile perdere fino a 15 chili in un mese. Questo regime alimentare molto ristretti potrà però essere seguito non più di 30 giorni.

Naturalmente prima di iniziare occorrerà rivolgersi ad un professionista nutrizionista o dietologo, in particolare se si è in uno stato di gravidanza, se si è affetto da patologie o semplicemente se si assumono farmaci per il cuore.

La dieta della carne bianca ovviamente come dal titolo prevede il consumo esclusivamente di carne bianca eliminando invece quella rossa.

Sarà invece possibile inserire i carboidrati una volta a settimana, le verdure invece tutti i giorni come contorno, lo stesso vale per la frutta. In comune con le altre diete ha l’esclusione degli zuccheri, delle fritture e del sale.

E come le altre invece favorisce l’olio a crudo e l’assunzione di circa due litri d’acqua al giorno, oltre alla classica passeggiata di circa 30 minuti.

Vediamo in cosa consiste il menù della dieta della carne bianca.

Menu della settimana

Il menu della settimana è da ripetere per 4 settimane, volendo si possono invertire i giorni ma non i pranzi con le cene.

Lunedì

  • Colazione: un bicchiere di latte scremato.
  • Pranzo: 200 grammi di petto di pollo arrostito.
  • Cena: 200 grammi di spezzatino di tacchino a vapore.

Martedì

  • Colazione: uno yogurt greco alla frutta.
  • Pranzo: 200 grammi di coniglio con pomodoro e un cucchiaino di olio.
  • Cena: 200 grammi di petto di tacchino arrostito.

Mercoledì

  • Colazione: un frullato di frutta a scelta.
  • Pranzo: 250 grammi di alici alla piattella.
  • Cena: tre salsicce di tacchino.

Giovedì

  • Colazione: un bicchiere di latte scremato e un caffè amaro.
  • Pranzo: tre hamburger di pollo.
  • Cena: merluzzo in bianco (300 grammi) con olio e limone;

Venerdì

  • Colazione: uno yogurt greco magro.
  • Pranzo: un’orata da 500 grammi a bagnomaria.
  • Cena: tre salsicce di tacchino.

Sabato  

  • Colazione: un bicchiere di latte scremato.
  • Pranzo: 200 grammi di pollo arrostito.
  • Cena: 200 grammi di spezzatino di tacchino a vapore.

Domenica

  • Colazione: yogurt greco magro alla frutta.
  • Pranzo: 200 grammi di petto di pollo arrostito.
  • Cena: merluzzo in bianco (300 grammi) con olio e limone.

Potrebbe interessarti anche: Dieta per la pancia piatta: menu per scolpire l’addome e stimolare il metabolismo

Consigli

A pranzo o a cena è possibile abbinare verdure crude o cotte. Le verdure ideali per la dieta della carne bianca sono: le zucchine, le carote, i broccoli, le melanzane, gli spinaci e le bietole.

In merito invece agli spuntini e alle merende è consigliato preferire spremute, frullati, frutta fresca di stagione o in alternativa 100 gr di bresaola/ fesa di tacchino.

Inoltre si deve bere almeno un litro e mezzo di acqua naturale al giorno e tisane drenanti al finocchio e tarassaco.

Ricordiamo che è sempre bene rivolgersi ad un esperto nutrizionista, prima di cominciare una qualsiasi dieta, in particolare se soffrite di malattie o se si assumono farmaci (nello specifico anticoagulanti).

È sconsigliato per i diabetici, per le persone allergiche ad alcuni alimenti, o se siete in uno stato di gravidanza/allattamento.

Raffaella Lauretta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *