Eriksen operato al cuore: i medici optano per il defibrillatore cardiaco

Il team di medici e specialisti che segue il calcatore danese ha deciso: Eriksen sarà operato al cuore e gli verrà impiantato un defibrillatore per evitare future aritmie.

eriksen operato al cuore (1)
(Foto Getty Images)

Dopo la grande paura, per Christian Eriksen si inizia a pensare al futuro e alla vita fuori dall’ospedale. Il calciatore in forza all’Inter, che ha subito un grave arresto cardiaco durante la partita degli Europei tra Danimarca e Finlandia, verrà sottoposto a un intervento chirurgico per impiantare un ICD, sigla che sta a indicare un defibrillatore cardiaco impiantabile.

Christian Eriksen sarà operato al cuore: il futuro del calciatore

La notizia è stata diffusa dalla Federcalcio danese con un comunicato stampa: Eriksen verrà operato per impiantare un dispositivo a batterie sotto pelle che potrà salvargli la vita in caso di nuove anomalie cardiache future.

eriksen in campo
(Foto Getty Images)

Il defibrillatore cardiaco, infatti, serve a monitorare la frequenza del cuore e interviene con una scossa elettrica qualora registri un ritmo cardiaco anomalo. In questo modo, il cuore torna a battere normalmente evitando episodi gravi come quelli che hanno colpito il calciatore la scorsa settimana.

Potrebbe interessarti anche: Alessia Marcuzzi e il problema al seno: qualcosa non ha funzionato in sala operatoria

Intervento chirurgico per Eriksen: cosa succederà adesso?

Secondo il bollettino medico diffuso dal team sanitario che ha in cura Eriksen, la decisione di operare il calciatore si è resa “necessaria dopo la crisi” che ha portato il cuore a fermarsi per un breve, terribile istante.

I medici hanno deciso di effettuare l’intervento sulla base dei risultati degli esami clinici ai quali Eriksen è stato sottoposto. Nel comunicato danese si legge anche che “Christian ha accettato la soluzione”.

Immediatamente dopo il risveglio di quei terribili momenti di sabato scorso, il calciatore aveva sbottato: “Dannazione, ho solo 29 anni”. Una frase che chiunque al suo posto avrebbe, probabilmente pronunciato. Perché nessuno dovrebbe vivere una crisi cardiaca così grave, a maggior ragione se così giovane e in forma.

Resta da capire se, dopo l’impianto del defibrillatore automatico, gli sarà ancora permesso giocare a calcio a livello professionistico. Per il momento, la federazione danese in un tweet ha chiesto di rispettare la pace e la privacy di Eriksen e della sua famiglia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *