Luca Argentero risponde alle critiche su Twitter: “Una capra a recitare”

Luca Argentero risponde con classe alle critiche sulla nuova fiction “Doc, nelle tue mani.” Vediamo di cosa si tratta.

Luca Argentero critiche
(Getty Images)

Luca Argentero, ex concorrente del GF e attore rinomato, è il protagonista della fiction Rai “Doc, nelle tue mani”. Trasmessa in onda, per la prima volta, nel 2020 è ora disponibile in fascia serale. I giudizi e le critiche dei fan non sono mancati neanche questa volta e gli attori del mondo dello spettacolo, a stretto contatto con il pubblico, devono farci i conti. Vediamo cos’è successo.

Luca Argentero risponde con classe ad una critica: “Argentero è una capra a recitare”

I social media sono considerati, da sempre, una piattaforma in cui pubblicare e pubblicarsi, mettendosi a nudo. Tuttavia mostrare la propria immagine, specie nel caso di personaggi famosi, potrebbe rivelarsi un’arma a doppio taglio e una ragione per essere criticati. Al giorno d’oggi, tutti sentono di dover dire la propria opinione, anche quando non espressamente richiesta. I vip sono abituati a commenti di ogni tipo, a sfondo sessuale o discriminatori. Questa volta è toccato a Luca Argentero che, in merito alla suo ruolo nella serie tv Rai “Doc, nelle tue mani”, ha ricevuto parecchie critiche fastidiose. Come nel caso di un Twit, in cui un individuo si pronuncia così: “Argentero è una capra a recitare”.

Argentero
(Getty Images)

Il twit è stato ripostato sul profilo ufficiale dell’attore, accanto ad un complimento nei suoi confronti da parte di un altro fan con la seguente premessa: “Punti di vista…”. L’ex concorrente del GF ha avuto anche l’accortezza di oscurare i nominativi dei fan, in modo tale da tutelare la loro privacy. Alle critiche, anche quelle meno simpatiche, Argentero risponde con la classe la discrezione che lo contraddistingue da sempre.

“Doc – Nelle tue mani”, la serie ispirata a Pierdante Piccioni

La serie Rai “Doc, nelle tue mani” si ispira ad un fatto di cronaca realmente accaduto. Il 31 maggio 2013, un noto medico e primario Pierdante Piccioni si risveglia dal coma dovuto ad un incidente stradale. Completamente spaesato e, in presenza di lesioni cerebrali, perde la memoria relativa ai 12 anni precedenti all’accaduto. Da brillante medico a semplice paziente, alle prese con un mondo e una società nuova e lungo percorso riabilitativo davanti a se.

Sophia Melfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *