Raffaella Carrà: a Madrid una piazza in suo onore, l’Italia arriva sempre dopo

Raffaella Carrà: a Madrid, la sua città del cuore, verrà inaugurata una piazza in suo onore. E l’Italia? Sempre in ritardo. Tutti i dettagli.

Raffaella Carrà piazza Madrid
(Getty Images)

Dal profilo social di Raffaella Carrà, gestito dai familiari, si apprende una lieta notizia. A Madrid si inaugurerà presto una piazza in suo onore. Ma i fan borbottano e si chiedono quando il suo paese natio avrà intenzione di omaggiare la grande donna che è stata con una piazza o un monumento. Tutti i dettagli.

Nel centro della città di Madrid, una piazza dedicata a Raffaella Carrà

Qualche ora fa è stata approvata la decisione da parte del gruppo municipale Más Madrid di dedicare una piazza alla regina della musica italiana Raffaella Carrà. La Diva è purtroppo venuta a mancare recentemente per un tumore ai polmoni che aveva tenuto nascosto. Tutto pur di lasciare un ricordo felice e sorridente della sua persona. Il carisma, i successi e l’amore dei fan per Raffaella hanno portato a diverse manifestazioni di omaggio. Da Madrid ad esempio arriva la notizia di una piazza dedicata proprio a lei lungo via Fuencarral, nel cuore della città. Ma perché proprio a Madrid?

Raffaella Carrà
(Getty Images)

Icona della libertà, della musica e della sessualità, un riferimento per tutti nel mondo dello spettacolo e non. La sua musica è stata rivoluzionaria e ha ispirato intere generazioni, continuando a farlo negli anni avvenire. Per questo, anche da Madrid, meritava un omaggio sentito. Merita doppiamente questo riconoscimento perché ha sempre amato la città di Madrid, si sentiva a suo agio e libera nelle strade di questa città piena di vita e colori. Ora potrà godersi per sempre lo spirito di Madrid, grazie alla piazza e ad una targa commemorativa che la raffigura bella e splendente negli anni della sua giovinezza.

La conclusione amara dell’omaggio a Raffaella

Más Madrid ha deciso di rendere omaggio a Raffaella che si è sempre battuta per valorose cause sociali, come ribadire l’uguaglianza dei diritti fra uomini e donne, ma anche per quanto riguarda i diritti degli omosessuali o dei lavoratori. Era sempre dalla parte dei più deboli, anche e soprattutto attraverso la sua musica. Tutti infatti hanno votato a favore della proposta di omaggiare la Diva con una piazza in centro città, tranne Vox. L’Italia però resta indietro e, come sempre, perde l”occasione di omaggiare per prima una dei suoi più grandi artisti.

Sophia Melfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *