Giorgia, spirito libero anche al cinema: la cantante al debutto con Papaleo

Giorgia Todrani è pronta per il suo debutto da attrice. L’ha voluta fortemente Rocco Papaleo nel suo ultimo film “Scordato”: grande curiosità per l’esordio.

giorgia grande dolore
(Foto Getty Images)

Giorgia Todrani riparte dal cinema. Lei la musica non l’ha mai mollata e non intende farlo, per questo il debutto sul grande schermo arriva con qualcuno che di musica ha vissuto e vive: Rocco Papaleo, l’attore e cantautore torna a firmare la regia di un lungometraggio sulle orme di “Basilicata coast to coast”. Il lavoro si chiama “Scordato” e dentro c’è molta vita, un pizzico di romanticismo e gli elementi giusti per toccare le corde del cuore.

La Lucania sarà grande protagonista del film, ma c’è molta curiosità nel vedere Giorgia al debutto con la Settima Arte: Papaleo ha detto che per averla ha fatto il massimo. “La conosco da quando cantava nei locali con il padre: non sono un fan, sono uno stalker”. Soddisfazione anche da parte della cantautrice che rivela: “Quando mi ha chiamato gli ho detto subito ‘Ma sei sicuro di volere me?”.

Leggi anche – Arisa cambia tutto, il nuovo look lascia a bocca aperta: non mancano le critiche

Giorgia da cantante ad attrice nell’ultima “follia” di Papaleo

Papaleo scommette sulla cantautrice (Getty Images)
Papaleo scommette sulla cantautrice (Getty Images)

Tra il serio e il faceto Giorgia si misurerà con il grande schermo: non è la prima volta che l’artista smette i panni di interprete canora. L’aveva già fatto – nel recente passato – sul piccolo schermo. Prima la Dandini e poi Fiorello hanno creduto in lei in un’altra veste: piccole parti che, però, hanno dimostrato che volendo la stoffa c’è. Papaleo, poi, è avvezzo a queste cose: aveva già proposto a Max Gazzè, collega e amico della Todrani, di fare l’attore. Esperimento riuscito, con una parte non facile, che ha dato la “patente” di sperimentatore al regista: pesca da vari ambiti per tirarne fuori qualcosa di unico.

Anche stavolta con Giorgia proverà a fare lo stesso, sul set si lavora bene, dicono. C’è già l’intesa giusta. Giorgia parte subito con un ruolo da protagonista perché la storia lo consente. L’effetto sarà quello straniante e fascinoso delle prime volte. Aspetto che già in passato ha premiato il regista in grado di partorire opere interessanti proprio per questa perenne commistione fra vissuto e vivibile che sfocia nel realizzabile con le sue complessità e sfumature. Sarà, anche stavolta, un viaggio di anime e luoghi. Sperando che “Scordato” sia solo il titolo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Rocco Papaleo (@roccopapaleoufficiale)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *