Lady Diana, nuova confessione shock: “Mi tagliavo braccia e gambe”, tutti i dettagli

Lady Diana aveva rilasciato prima di morire un’intervista circa il periodo di difficoltà che stava attraversando. Emersa una nuova confessione shock.

Lady Diana confessione
(Getty Images)

L’anniversario della morte di Lady Diana si avvicina, così come il ricordo delle sue ultime interviste e confessioni circa il periodo difficile che stava vivendo. Storie di separazioni, tradimenti, bulimia, autolesionismo, tutte raccontate in una storica intervista del 1995 per la BBC. In quel frangente, l’intervistatore Martin Bashir aveva fatto leva sulle debolezze della Principessa per estorcere quante più informazioni private possibili e avere l’esclusiva mondiale sui segreti di Lady Diana. Tutti i dettagli.

Lady Diana, ad un anno dalla sua scomparsa quelle tristi parole riaffiorano alla memoria di tutti

A quasi un anno dalla tragica scomparsa della Principessa Diana, tutta la comunità britannica non può ignorare lo stato di infelicità e depressione in cui si trovava proprio negli ultimi istanti precedenti alla sua morte. In quella storia intervista per la BBC, nel 1995, Lady Diana, di fronte a 23.000 spettatori, rivelò tutta la sua tristezza, tutte le sue fragilità derivate dal tradimento del Principe Carlo sotto gli occhi di tutti. La Principessa non si limitò a sottolineare come quel matrimonio fosse un po’ troppo affollato, riferendosi all’amante Camilla Parker Bowles, ma confessò anche la sua relazione adulterina con il generale James Hewitt. Le parti più delicate dell’intervista, su cui il presentatore voleva fare leva però uscirono da lì a poco.

Lady Diana
(Getty Images)

“Ti svegli la mattina sentendo che non vuoi uscire dal letto, ti senti incompresa e giù di tono”, diceva Lady Diana. Si definiva mentalmente instabile e isolata, priva di un aiuto esterno dalla famiglia reale. Questo l’ha portata ad un profondo stato depressivo e ad alcuni fenomeni di autolesionismo. “Hai così tanto dolore dentro di te, che provi a ferirti, perché vuoi aiuto”, le ultime parole della Principessa.

L’ultima confessione di Lady Diana e quell’aiuto che le fu negato

In quella famosa intervista, la madre di William e Harry, confessò di provare così tanto dolore e vergogna per se stessa e per la pressione che tutti esercitavano nei suoi confronti che iniziò a ferirsi braccia e gambe, tagliandosi da sola con delle lame affilate. Inoltre ammise anche di soffrire di bulimia, l’unica via di fuga che funzionava in quel frangente così difficile da sopportare. Nessun aiuto da parte di familiari e amici che la lasciarono in balia delle circostanze, fino alla morte.

Potrebbe interessarti anche: Royal Family, nuovo oltraggio a Lady Diana: è stato Carlo

L’inganno architettato dal presentatore della BBC

Un ulteriore retroscena scabroso di quella nota intervista riguarda l’inganno di cui fu artefice l’intervistatore della BBC Martin Bashir. Pur di estorcere informazioni riservate sulla vita di lady Diana, facendo leva sulle sue paure e sulle paranoie della Principessa, architettò un complotto nei suoi confronti. Pagò alcuni stretti collaboratori dell’ex moglie del Principe Carlo affinché la spiassero e tirò fuori dei documenti falsi su un presunto aborto da parte della tata di William e Harry. Evento che scatenò ancora di più la gelosia e l’insicurezza di lady Diana che affidò tutta la colpa del tradimento al marito. Fu Charles Spencer, fratello della principessa, a fare chiarezza su quei documenti totalmente falsi e utilizzati presumibilmente per avere un’intervista esclusiva con lei. Tanta cattiveria e meschinità fu riversata nei confronti di una giovane donna così fragile, spontanea e genuina da non trovare posto nell’artificioso mondo fatto di televisione, gossip e pressioni esterne.

Sophia Melfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *