Ibrahimovic, nuovo look dello svedese: il motivo dell’acconciatura

Ibrahimovic torna in campo dopo un lungo stop e si presenta con una nuova acconciatura: gol e tendenze vanno a braccetto nella nuova stagione dello svedese.

Lo svedese cambia look (Getty Images)
Lo svedese cambia look (Getty Images)

Zlatan Ibrahimovic ha superato un’altra prova: tornare in campo a tempo di record dopo un infortunio compromettente merita un cambiamento radicale. Lo svedese ha abituato i propri tifosi a scelte particolari non solo in campo, con giocate al limite del possibile. Colpi avvincenti e risolutivi, come quello contro la Lazio che ha permesso al Milan di vincere a San Siro, ma anche novità incredibili che animano ed esaltano i tifosi dentro e fuori dal campo: l’ultima trovata è l’acconciatura.

Zlatan, dall’Ajax al Milan, ha portato ogni tipo di taglio: corto, lungo, scalato, con il codino, doppio, ma mai come l’ultima volta alla Scala del Calcio. Ibra, infatti, si è presentato con una treccia alla Steven Seagal che fa già scalpore. In molti vorrebbero provare a imitarlo, ma come ha detto lui in più di un’occasione: “Tu non sei Zlatan”, vale a dire che (quasi) nessuno ha quel carisma e quel carattere tale da poter sbaragliare la concorrenza – a quasi 40 anni – in grado di fare la differenza dentro e fuori dal campo. Il mese prossimo entrerà negli “anta”, ma la sua voglia di stupire è quella dei primi giorni.

Leggi anche – Capelli splendenti per l’estate: un trucchetto infallibile

Ibrahimovic come Sansone, la forza nei capelli: nuovo taglio per lo svedese

Treccia per il campione svedese (Getty Images)
Treccia per il campione svedese (Getty Images)

L’ulteriore corsa contro il tempo, sfidando chi gli consiglia di smettere, è un altro incentivo per far bene e dimostrare quanto l’opinione pubblica si sia sbagliata. Gli effetti già si vedono: qualora dovesse segnare in Champions League con il Milan batterebbe il record di Totti e Inzaghi come marcatore più anziano della competizione. Ibrahimovic vive il tempo e l’età come numeri, ma lui i numeri preferisce farli in campo piuttosto che guardarli sulla Carta d’Identità.

A ogni nuovo obiettivo, un taglio di capelli diverso: la treccia, simbolo di forza come un novello Sansone, dimostra che può esserci ancora tanto da fare. Insieme a lui, perchè Zlatan Ibrahimovic è tornato e non ha nessuna intenzione di andare via: Pioli se lo coccola, i tifosi lo esaltano e lui trova – ancora una volta – il tempo di riservare un ghigno beffardo alle avversità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *