Marcell Jacobs, il rapporto con il padre: “Nelle gare soffrivo per il suo abbandono”

Marcell Jacobs ha raccontato in un’intervista il suo travagliato rapporto con il padre. Un ricordo che affiora spesso nel momento preparatorio alle gare.

Marcell Jacobs padre
(Getty Images)

Marcell Jacobs, campione olimpico dei 100 m e della 4 x 100, in una recente intervista ha svelato dei dettagli sul travagliato rapporto con il padre. In una puntata di “Buoni e Cattivi”, l’atleta ha deciso di raccontarsi per ciò che è, rendendo pubblici i momenti di sconforto che lo assalgono spesso nelle fasi preparatorie alle gare. Tutti i dettagli.

Marcell Jacobs: “Soffro ancora per l’abbandono di mio padre”

Marcell Jacobs, campione olimpionico dei 100 m, ha deciso di raccontare in un’intervista al programma “Buoni e Cattivi” alcuni dettagli sulla sua vita privata e sulla sua carriera sportiva. Infatti poco prima dell’inizio della gara, gli si indurivano le gambe ed era impossibilitato a partire e correre normalmente. Questo era un chiaro meccanismo di auto sabotaggio derivato dall’abbandono precoce del padre. Qualcosa per cui il campione sta ancora soffrendo. “Mi si indurivano le gambe, avevo paura di quell’abbandono che avevo avuto da lui”, afferma. Fino ad un anno fa, il rapporto con suo padre era del tutto oscurato e rappresentava per l’atleta una causa di blocco profondo, psicologico e sportivo. E’ cresciuto sempre e solo con sua madre che, nel tempo, è diventata la sua unica famiglia su cui fare affidamento.

Marcell Jacobs
(Getty Images)

Potrebbe interessarti anche: La dieta di Marcell Jacobs, cosa mangia l’uomo più veloce al mondo

Per Marcell Jacobs le cose sono cambiate, vuole conoscere suo padre

Cosa ha sbloccato il campione olimpico? Sicuramente parlarne davanti a qualcuno, rivivere, ma al tempo stesso affrontare il problema. Solo così è riuscito ad oltrepassare il disagio che provava per quell’abbandono. Descrivendo la sua vita senza di lui, è stato in grado di abbattere quel muro. Alla domanda se fosse cattivo con lui, Jacobs ammette di no. Spiega infatti che il padre era un militare e, di ritorno da una missione piuttosto dura, non volle più saperne niente né della moglie né di suo figlio.

Potrebbe interessarti anche: Marcell Jacobs, oro e brillanti: il gesto del campione spiazza la compagna

Soffriva di disturbi a livello psicologico, motivo per il quale è andato a curarsi in una clinica e forse, si è allontanato per preservare il benessere della famiglia. Nel corso della sua carriera, il padre ogni tanto gli mandava dei messaggi prima delle gare o dei suoi compleanni, ma Jacobs li ignorava completamente. Ora però, qualcosa è cambiato e ha deciso di rivederlo per fargli tutte le domande che non ha potuto rivolgergli in passato. E forse per ritrovare l’affetto perduto di un padre, sempre necessario.

Sophia Melfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *