Addio a Lina Wertmuller, la nota regista aveva 93 anni

Lina Wertmuller si è spenta nella notte a Roma. La celebre regista aveva 93 anni. La notizia è stata data sui social da un amico di famiglia 

Lina Wertmuller
Gettyimages

Il mondo del cinema e dello spettacolo in generale oggi è in lutto. Piange una delle artiste più amate e apprezzate da pubblico e critica. Si è spenta nella notte a Roma, nella sua casa, Lina Wertmuller, regista e grande  protagonista del cinema italiano, al secolo Arcangela Felice Assunta Wertmuller von Elgg Spanol von Braueich.

Aveva 93 anni, nata  il 14 agosto 1928, con origini aristocratiche e svizzere, moglie dello scenografo Enrico Job. Nella sua lunga carriera la Wertmuller ha firmato film che hanno scritto la storia della commedia italiana. Da “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare di agosto” a “Pasqualino settebellezze“ fino a “Mimì metallurgico” e ha raggiunto un grande primato: la prima donna nella storia ad essere candidata all’Oscar. Era il 1977 ed il nome di Lina Wertmuller comparve nelle niomination come migliore regista per l’ambito premio cinematografico. Nel 2019 aveva ricevuto l’Oscar alla carriera. 

La notizia è stata diffusa sui social da un amico di famiglia ed i tributi alla grande artista stanno arrivando come un fiume in piena.

Lina Wertmuller, una vita per il cinema

Lina Wertmuller
Gettyimages

Lina Wertmuller ha iniziato a muoverei primi passi nel mondo del teatro giovanissima. Aveva fatto la burattinaia e all’età di 17 anni si era iscritta ad una scuola di teatro. La sua grande amicizia con Flora Carabella, la futura moglie di Marcello Mastroianni, le permette di entrare negli ambienti teatrali. Proprio la  Carabella ha convinto la Wertmuller a frequentare Cinecittà e sempre lei le ha presentato Federico Fellini. Proprio con il grande maestro Lina ha lavorato, come aiuto regista, ne “La dolce vita“.

Ma nella sua lunga gavetta non c’è stato solo Fellini. Ha appreso e attinto tutto quello che poteva da maestri come Giorgio De Lullo e Garinei e Giovannini, instancabile lavoratrice tra produzioni cinemaografiche e lavori per la televisione, non solo commnedia ma anche lavori d’impegno e realismo popolare.

Determinata e con tanta voglia di imparare, è diventata ben presto amica di grandi nomi come Suso Cecchi d’Amico, Marcello Mastroianni, Luchino Visconti e Franco Zeffirelli. Nel suo infinito curriculum anche il lavoro in Rai come autrice. C’era proprio lei nel dietro le quinte della prima “Canzonissima” del 1956.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *