Massaggi dimagranti funzionano oppure no? Ce lo dice l’esperto

I massaggi dimagranti funzionano? Forse è una delle domande più frequenti di questa epoca. Un esperto ha deciso di rispondere.

Massaggi
Massaggi (Pixabay-rythmuswege)

I massaggi dimagranti funzionano oppure no? In molti se lo chiedono e ora arriva la risposta di un esperto. Si tratta del professor Antonino Di Pietro che spiega gli effetti di un massaggio sul corpo e come deve essere fatto per funzionare davvero.

Partiamo dal presupposto che non basta fare dei massaggi per perdere chili senza poi fare sport e avere un’alimentazione sana e corretta. Ciò non toglie che i massaggi se fatti bene possono dare risultati, vediamo come.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Perchè l’obesità può portare al cancro? La risposta definitiva della scienza

I massaggi dimagranti, come funzionano

Massaggi
Massaggi (Instagram)

I massaggi hanno lo scopo di attivare la circolazione sanguigna all’interno dei tessuti, e in questo modo aiutano il metabolismo delle cellule favorendo la fuoriuscita dei liquidi che ristagnano tramite la diuresi. Questo accade però solo se i massaggi sono ben fatti. Ad affermarlo è il dermatologo Antonino Di Pietro.

Il massaggio agisce contro l’edema quindi contro la ritenzione idrica, e non sul grasso. Quando il grasso si accumula nel corpo, crea rallentamenti nella circolazione dei vasi. Questo porta poi al ristagno dei liquidi che si concentra maggiormente sulle gambe, braccia e la fascia addominale.

Pertanto se le manualità sono giuste, si riesce ad agire per eliminare l’edema. Infatti i primi massaggi in questo campo si chiamavano linfodrenanti, proprio perché eliminano il liquido che ristagna e migliorano il flusso sanguigno, favorendo una maggiore ossigenazione dei tessuti.

Il modo in cui agiscono i massaggi sul ristagno dei liquidi, è tramite un azione coadiuvante. Il massaggio non può agire sul grasso sciogliendolo, ma può ridurre la ritenzione idrica.

Questo comporta anche che i processi metabolici si riattivino, favorendo lipolisi, ossia il procedimento  dello scioglimento del grasso.

La ritenzione idrica crea compressione sulle terminazioni nervose, causando dolore o dolenzia. Per questo motivo la circolazione è rallentata. Si ha dunque una sensazione di pesantezza alle gambe, che con il massaggio va via.

Vediamo ora come deve essere un massaggio drenante per funzionare bene. Deve essere anzi tutto, progressivo e dolce, quindi non aggressivo. Si deve sfruttate un movimento verso l’altro che fa riassorbire i liquidi a livello del derma. Molto simile al massaggio Mass Up.

Nei massaggi più classici, che sono linfodrenanti, si fanno delle pressioni con le mani e poi si cerca di convogliare i liquidi verso le stazioni linfodrenanti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Sindrome di ruminazione: di cosa si tratta, quali sono i sintomi e i trattamenti

Invece è più efficace convogliare i liquidi verso il derma che funziona come una carta assorbente sui liquidi in eccesso che tramite la diuresi vengono poi eliminati.

Massaggio
Massaggio (Pixabay-whitesession)

Per cui ancora una volta, i massaggi aiutano contro la ritenzione idrica ma non fanno dimagrire. Per ottenere effetti sul dimagrimento, dopo il massaggio occorre fare una dieta e tanta attività fisica. Tutti i tre fattori combinati possono portare alla perdita di grasso in modo efficace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *