L’olio extravergine d’oliva combatte i radicali liberi in questo modo

L’olio extravergine d’oliva combatte i radicali liberi, vediamo in che modo e perché questo accade. Bisogna proteggere l’olio d’oliva. 

olio di oliva
Olio di oliva (Adobe Stock)

L’olio extravergine d’oliva combatte i radicali liberi che sono molecole che hanno perso un elettrone nel loro orbitale più esterno e pertanto hanno un’elevata reattività e instabilità chimica. Per riprendere un elettrone e stabilizzarsi, reagiscono con le molecole con cui vengono in contatto così possono rubargli un elettrone.

Danno vita in questo modo a reazioni a catena, possono infatti attaccare componenti vitali delle cellule e anche inattivare enzimi e danneggiare il DNA. Questo si chiama anche stress ossidativo.

La conseguenza di tutto questo è l’insorgenza di malattie degenerative e un precoce invecchiamento cellulare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Si può usare l’olio extravergine d’oliva per friggere?

L’olio extravergine d’oliva contro i radicali liberi

Olio
Olio (Pixabay-couleur)

Per combattere i radicali liberi, ci sono gli antiossidanti che sono molecole contenenti un elettrone in più. Hanno pertanto la capacità di cederlo ai radicali liberi neutralizzandoli.

Gli antiossidanti li troviamo nell’olio vegetali, nella soia, spinaci, frutta secca, avocado e anche nei formaggi e nel burro e persino nel pesce.

La vitamine E, che è contenuta in molti elementi è un antiossidante, così come la vitamina C che è ancora più potente. Ha al capacità di riattivare il potere antiossidante ogni volta che neutralizza un radicale libero.

La vitamina E è importante perché protegge i lipidi delle membrane cellulari e il colesterolo LDL dai radicali liberi. Aiuta a prevenire l’arteriosclerosi e altre malattie cardiovascolari.

Serve per il corretto funzionamento dei muscoli, ed è fondamentale per una giusta funzionalità dell’apparato riproduttivo. Migliora anche il sistema immunitario.

Il modo migliore di assumere questa vitamine è tramite l’olio extravergine d’oliva, due o quattro cucchiai al giorno. Meglio consumarlo negli alimenti crudi perché resiste al calore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Patate: come utilizzarle nella vita di tutti i giorni per le attività domestiche

L’olio extravergine d’oliva è il migliore olio vegetale che ci sia, il motivo è che non subisce processi di raffinazione. Tuttavia per mantenere la vitamina A al suo interno, occorre proteggerlo dal calore, dalla luce e dall’ossigeno.

olio extravergine
Olio extravergine (Pexels)

Meglio tenerlo sempre ben chiuso, lontano dal piano cottura e meglio conservarlo in contenitori opachi o ampolle in ceramiche.

In questo modo la vitamina E sarà ben integra quando dovremmo assumerla tramite qualche cucchiaio di olio all’interno dei nostri pasti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *