Come conservare il formaggio, i consigli furbi di Benedetta Rossi

Come conservare al meglio il formaggio in casa? Ci spiega tutto Benedetta Rossi. Ecco i suoi consigli pratici e super collaudati

Benedetta Rossi
Benedetta Rossi (Instagram Benedetta Rossi)

Il formaggio, uno degli alimenti che nelle case degli italiani non manca mai. Di tanti gusti e consistenza, per dare ad ognuno, in famiglia, la specialità che più piace, è ideale da mangiare con il pane ma anche per preparare tante ricette in cucina. Fresco e spalmabile, grattugiato, stagionato e semi-stagionato. Ma come mantenerlo fresco e saporito ed evitare che conservandolo in casa non perda la sua specialità?

Oggi tutti conserviamo il formaggio in frigorifero alla stessa temperatura, ma ogni tipo avrebbe bisogno di umidità e caratteristiche differenti. Ed ecco allora che per capire come conservarlo al meglio ci viene in aiuto Benedetta Rossi che tramite il suo blog spiega a tutti i suoi follower dove e come conservare bene i formaggi.

Potrebbe interessarti anche: Bevanda proteica amica della dieta: kefir di acqua, cos’è, come si prepara

Come conservare il formaggio in frigorifero

formaggio
Formaggio (Pexels)

La food blogger numero uno in Italia ci spiega che il posto ideale per conservare il formaggio semi-stagionato è la cantina, un luogo nel quale la temperatura rimane sempre costante. Si mantiene tra i 10 e i 15°C, clima ideale per la conservazione dei formaggi semi-stagionati. È la tecnica che utilizzavano le nostre nonne e che ancora oggi si rivela perfetta. Peccato che la maggior parte di noi non abbia una cantina a disposizione, ecco perché è meglio usare il frigorifero.

A questo punto la cosa importante è la temperatura: è essenziale che il formaggio non sia esposto a sbalzi. Ecco perché formaggi freschi come mozzarella e ricotta, hanno bisogno di rimanere tra i 2 e 4°C, quindi vanno inseriti nella parte più bassa del frigo che è la più fredda.

Potrebbe interessarti anche:  Come usare le bucce di cipolla per creare un secondo piatto delizioso

Quelli semi-stagionati, invece, come provola, fontina, taleggio e caciotta necessitano di una temperatura che si aggira tra i 6 e gli 8°C. Sono da conservare dunque nel ripiano centrale. Quelli più stagionati, infine, come grana, pecorino e parmigiano si conservano bene a temperature più alte, intorno agli 8-10°C, ecco perché possono essere riposti negli scomparti più in alto o nello sportello.

Formaggi in frigorifero: di cosa hanno bisogno

Formaggi
Formaggi di varie tipologie (Vane Monte da Pixabay)

Capito come posizionare i formaggi in frigo, Benedetta Rossi ci spiega anche come riporli. La prima cosa che ci indica è di togliere la pellicola nei quali, solitamente, si trovano quando li compriamo al supermercato in quanto non fa altro che soffocarli e alterare il sapore.

Quelli freschi o a pasta molle possono essere avvolti nella carta per formaggi oppure nella carta forno, sistemandoli in un contenitore ermetico. Quelli cremosi, invece, possono rimanere nel contenitore di plastica nel quale vengono venduti.

Quelli più stagionati, come grana, parmigiano e pecorino, come ci insegnano le nostre nonne, possono essere ricoperti con panni di cotone o lino un po’ umidi così da tutelare l’umidità. La mozzarella, invece, va lasciata a temperatura ambiente, nella sua acqua. I formaggi semi-stagionati prediligono, invece, la incarta cerata per una lunga e sana conservazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *