Whitening, il mito estetico asiatico che dona una pelle perfetta

Whitening, il mito estetico asiatico che dona una pelle perfetta. Questa pratica è miracolosa ma porta con sè rischi. 

Donna asiatica
Donna asiatica (pixabay-tuanfoto)

Whitening, il mito estetico asiatico che regala una pelle davvero perfetta. Scopriamo questo trattamento culto per le donne asiatiche.

Le donne orientali hanno un’ossessione per la pelle perfetta, la vogliono senza imperfezioni di alcun genere. Quindi niente macchie, nei o cicatrici.

Infatti non si espongono mai al sole. Tuttavia questo ha delle conseguenze, si può sviluppare una carenza di vitamina D e un cambiamento anche nel ritmo sonno-veglia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>I rimedi naturali più efficaci per chi ha la pelle grassa

Whitening, il mito asiatico della pelle bianca

Donna pelle bianca
Donna pelle bianca (pixabay-nguyenhonstudio)

In Asia avere una pelle bianca indica nobiltà. Infatti in passato le donne usavano persino la cipria bianca in grandi quantità sul viso per essere totalmente bianche.

Un viso bianco in Asia simboleggia la perfezione e assenza di difetti. Esistono ad oggi dei prodotti schiarenti. Un mercato davvero ricco in Asia appunto.

In pratica questi prodotti non vanno ad agire sul colore epidemico, non modificano il tono ma inibiscono la produzione di melanina.

Gli attivi responsabili di questo sbiancamento dono l’alfa arbutina, estratto di liquirizia, acido kojico e tanti altri.

Ci sono altri ingredienti poi come la vitamina C che aiuta a schiarire la pelle. Quest’ultima viene utilizzata anche in Occidente, per rendere la pelle uniforme quindi dello stesso colore eliminando le macchie.

Quindi si attenuano le discromie e il collagene viene stimolato e accelera il turnover cellulare. Anche la vitamina B3 è spesso presente in questi prodotti. Ha il compito di rafforzare la barriera cutanea ed elimina rossori creando un’incarnato uniforme.

Ma gli asiatici non si fermano solo ai cosmetici per ottenere la pelle bianca, evitano di esporsi al sole sempre.

Si coprono con tute e ombrellini quando vanno al mare. Ma questo non è affatto salutare per il loro corpo. Se è vero che esporsi troppo al sole causa danni, è vero anche il contrario.

Il sole infatti stimola la produzione di vitamina D che è fondamentale per l’organismo, dal momento che consente di assorbire calcio e quindi rinforzare le ossa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Bruciature sulla pelle: alcuni rimedi casalinghi molto efficaci

Ci si può quindi esporre ai raggi del sole in totale sicurezza nelle ore più fresche e con la protezione solare. Fa bene anche nel curare infiammazioni come dermatiti e psoriasi.

Donna ombrello sole
Donna ombrello (pixabay-sasint)

Inoltre il sole aiuta a migliorare l’umore e il sonno. Pare che ci sia una correlazione tra la produzione di serotonina prodotta dal corpo e la quantità di luce a cui si è esposti.

In alcuni paesi infatti d’inverno si soffre di depressione per la mancanza della luce solare che invece dona felicità.

Esporsi al sole aiuta anche a dormire meglio. La melatonina è l’ormone che aiuta a riposare meglio quando c’è buio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *