Proteggere pergolati e gazebi con una pianta rampicante

Proteggere pergolati e gazebi con una pianta rampicante che oltre a svolgere questo compito, porterà anche fortuna. 

Bignonia
Bignonia (pixabay-malubeng)

Proteggere pergolati e gazebi con una pianta rampicante che oltre a svolgere questo compito, porterà anche molta fortuna a chi la coltiva.

In questa stagione calda si comincia a desiderare di trascorrere più tempo all’aria aperta come in giardino o sul balcone.

Tuttavia con l’esposizione al sole spesso non si riesce, allora c’è chi ricorre a delle tende oppure a delle piante rampicanti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Per far rifiorire le rose ecco come si deve concimare e irrigare

Proteggere i gazebi dal sole con le piante rampicanti

Rampicanti
Rampicanti (pixabay-piro4d)

Le piante rampicanti sono ideali per tanti motivi, ad esempio d’estate possono fornire una copertura perfetta per alcuni luoghi del giardino.

In questo modo ci si potrà rilassare in giardino senza essere esposti troppo al sole. Inoltre le piante rampicanti sono molto scenografiche e quindi abbelliscono il giardino.

Tra le più belle di queste piante e facili da gestire, c’è la bigonia. Appartiene alla famiglia delle bigoniacee ed è originaria dell’Asia e anche dell’America centro meridionale.

Viene apprezzata per la sua bellezza i colori dei fiori ed è perfetta per fare da copertura ai pergolati e gazebi.

È indicata anche per rendere più belli i muri e anche le ringhiere, le ventose dei rami aderiscono perfettamente alle pareti lisce.

Per coltivare la bignonia non occorre una cura eccessiva. Bisogna prediligere i luoghi caldi e soleggiati perché soffre al freddo.

Il terreno poi deve essere asciutto e ricco di sostanze organiche oltre che ad essere ben drenato.

Per quanto riguarda l’innaffiatura, basterà valutare il grado di umidità del terreno. Se risulta troppo asciutto occorrerà irrigare la pianta evitando l’eccesso però, altrimenti si potrebbero creare ristagni.

In estate è meglio innaffiarla 1-2 volte a settimana. Esistono varie tipi di bignonie, quindi c’è davvero l’imbarazzo della scelta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Abbronzatura lampo: quando prendere il sole fa male alla salute

Le più note sono la bignonia capreolata che produce fiori tubolari a forma di stella che sono profumati e bellissimi. Raggiunge i 10 metri di altezza.

Rampicanti
Rampicanti (pixabay-engelalm)

Poi c’è anche la bignonia venusta che è sempre una rampicante sempreverde con fusti legnosi che raggiungono i 15 metri. I fiori sono raccolti a grappoli e tendono ad avere un colore oro.

Poi abbiamo anche la bignonia capensis che viene coltivata come siepe in alcune zone costiere.

Questa pianta in generale rappresenta la fama e il successo oltre che la prestigio. Infatti viene coltivata nei pressi delle case o utilizzata per decorare le chiese durante le cerimonie. Tuttavia risulta tossica per i gatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *