Usare l’aceto per curare le ortensie, gerani e altre piante

Usare l’aceto per curare le ortensie, gerani e altre piante è un metodo davvero efficace per ottenere foglie sane. 

Ortensie
Ortensie (pixabay-matthiasoeckel)

Usare l’aceto per curare le ortensie, gerani e altre piante è un metodo davvero efficace per ottenere foglie sane.

Durante l’estate le ortensie e i gerani popolano i balconi di molte persone. Sono tra le piante più amate per il loro colore che rallegra l’ambiente.

Queste piante si coltivano facilmente, basta seguire qualche regola base per fare in modo che crescano correttamente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Mai sottovalutare una zanzara tigre, può essere molto pericolosa: i rischi

Usare l’aceto per curare le piante

Aceto
Aceto (pixabay-Wicherek)

Molte persone usano l’aceto per curare le piante. Si tratta di un ingrediente in grado di tenere lontani gli insetti e contrastare la muffa e anche le malattie dalle radici e foglie.

Spesso nella cura delle ortensie si commettono alcuni errori banali che potrebbero danneggiare la pianta.

L’aceto apporta diversi benefici alla pianta, intanto è in grado di acidificare il pH el terriccio in cui è piantato il vegetale.

L’aceto può correggere il pH di un terreno troppo alcalino. In questa maniera la pianta potrà nutrirsi meglio.

Tuttavia occorre essere moderati con l’aceto, perché potrebbe risultare troppo acido se usato allo stato naturale.

Perciò bisogna saper capire quando l’ortensia ha davvero bisogno dell’aceto. Si capisce quando la pianta appare debole e comincia ad ingiallirsi.

Spesso questo accade perché la pianta ha difficoltà ad assimilare le sostanza nutritive a causa di un terreno che ha il pH troppo altro.

A volte questo accade anche con le irrigazioni di acqua dal rubinetto. L’acqua contiene calcare e questo questo aumenta l’accumulo di detriti e calcare nel terreno, rendendo di conseguenza il pH più alcalino.

La cosa migliore in questi casi è quella di innaffiare la pianta con acqua piovana. Altrimenti si può far riposare per un giorno l’acqua del rubinetto prima di innaffiare le piante. Così che i residui di calcare si poseranno in fondo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Tonificare le braccia e rassodare i glutei anche quando si è al mare

Inoltre si può notare il bisogno di un terreno più acido nelle ortensie che cambiano colore diventano rosa o bianche, quando all’origine erano blu.

Ortensie
Ortensie (pixabay-congerdesign)

Per far tornare i fiori blu basterà rendere il terreno più acido e a questo punto entra in gioco l’aceto.

Per usare l’aceto in modo corretto ecco come fare, non bisogna mai inserirlo direttamente nel terreno. Occorre mescolarlo con l’acqua. Si deve aggiungere 1-4 cucchiai di aceto bianco o di mele ogni 5 litri d’acqua.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *