Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Acido urico alto, ecco i metodi naturali per abbassarlo

Cos’è l’acido urico, perchè si può soffrire di acido urico alto, quali sono i sintomi e i rimedi naturali per abbassare tali livelli.

L’acido urico è un prodotto naturale di scarto della digestione di alimenti che contengono purine. A loro volta, giova rammentare che le purine si trovano in livelli elevati in alcuni alimenti come le carni, le sardine, i fagioli secchi e la birra.

Una volta assunte, le purine si si scompongono nel proprio corpo, favorendo la formazione di acid urico, a sua volta filtrato attraverso i reni e, quindi, nelle urine. Se si consuma troppa purina propria dieta quotidiana, o se il corpo non riesce a sbarazzarsi di questo sottoprodotto abbastanza velocemente, l’acido urico può accumularsi nel sangue.

Un alto livello di acido urico è noto come iperuricemia. Questo può portare ad una malattia chiamata gotta, che causa dolore alle articolazioni che accumulano cristalli di urato. Può anche rendere il sangue e le urine troppo acidi.

Perché si può avere acido urico alto

L’acido urico può accumularsi nel corpo per molte ragioni. Alcune di queste sono:

  • dieta;
  • genetica;
  • obesità o sovrappeso;
  • tensione.

Alcuni disturbi della salute possono anche portare a livelli elevati di acido urico:

  • malattie renali;
  • diabete mellito;
  • ipotiroidismo;
  • alcuni tipi di tumori o chemioterapia;
  • psoriasi.

Acido urico basso? Caratteristiche e cause dei valori fuori norma

Metodi naturali per abbassare l’acido urico alto

Numerosi sono i metodi naturali per poter abbassare l’acido urico alto. Innanzitutto, è possibile limitare la fonte di acido urico nella propria dieta. Come abbiamo già visto, gli alimenti ricchi di purine includono alcuni tipi di carne, i frutti di mare e le verdure, che emettono acido urico quando vengono digeriti.

Per abbassare l’acido urico alto, cercate dunque innanzitutto di evitare o ridurre l’assunzione di alimenti come:

  • carne suina;
  • tacchino;
  • pesci e crostacei;
  • vitello;
  • cavolfiore;
  • piselli verdi;
  • fagioli secchi;
  • funghi.

Evitare cibi zuccherati

Anche se l’acido urico è solitamente legato ad alimenti ricchi di proteine, studi recenti dimostrano che anche lo zucchero può essere una potenziale causa di accumulo di tale sostanza. Gli zuccheri aggiunti agli alimenti includono, tra gli altri, zucchero da tavola, sciroppo ad alto contenuto di fruttosio.

Il fruttosio è un tipo principale di zucchero semplice presente negli alimenti trasformati e raffinati. I ricercatori hanno recentemente scoperto che questo tipo di zucchero, in particolare, potrebbe portare a livelli elevati di acido urico. Controllate dunque le etichette degli alimenti per verificare quali sono gli zuccheri aggiunti presenti: mangiate più alimenti integrali e meno cibi confezionati raffinati potrà certamente aiutare.

Evitare le bevande zuccherate

Evitare le bevande zuccherate e succhi di frutta

Le bevande zuccherate, la soda e persino i succhi di frutta freschi sono veri e propri concentrati a base di zucchero di fruttosio. Il fruttosio del succo viene assorbito più velocemente rispetto agli alimenti che devono essere “scomposti” dal proprio organismo, e questo finisce con l’aumentare i livelli di zucchero nel sangue, portando anche a maggiori quantità di acido urico. Sostituite queste bevande con acqua filtrata e frullati ricchi di fibre.

Bere più acqua

Bere molti liquidi aiuta i reni a risciacquare l’acido urico più velocemente. Tenere sempre con sé una bottiglia d’acqua e imposta un promemoria sul cellulare a ogni ora per ricordarsi di bere qualche sorso.

Evitare l’alcool

Bere alcol può rendere più disidratato il proprio corpo, e può innescare anche alti livelli di acido urico. Questo accade perché i reni devono prima filtrare i prodotti che si trovano nel sangue a causa dell’alcool, invece dell’acido urico e di altre sostanze di scarto. Alcuni tipi di bevande alcoliche, come la birra, sono inoltre ad alto contenuto di purine.

Perdere peso

Insieme alla propria dieta, i chili di troppo possono aumentare i livelli di acido urico. Le cellule grasse producono infatti più acido urico rispetto alle cellule muscolari e, inoltre, trasportare chili di troppo rende più difficile per i reni filtrare l’acido urico. Perdere peso troppo velocemente può altresì influenzare i livelli.

Se dunque siete in sovrappeso, è meglio evitare diete troppo drastiche, ma parlare con un nutrizionista su una dieta sana e su un piano di perdita di peso che possa essere sostenibile nel tempo.

Equilibrare i livelli di insulina

Controllate il livello di zucchero nel sangue quando visitate il vostro medico: una cautela importante, anche se non avete il diabete. Gli adulti con diabete di tipo 2 possono inoltre avere troppa insulina nel sangue. Questo ormone è necessario per trasportare lo zucchero dal sangue alle cellule dove può alimentare ogni funzione corporea. Tuttavia, troppa insulina porta ad un eccesso di acido urico nel corpo, così come l’aumento di peso.

Gli individui con una condizione chiamata prediabete possono anche avere alti livelli di insulina e un rischio più elevato per il diabete di tipo 2. Il medico potrebbe dunque voler controllare il livello di insulina nel siero oltre al livello di glucosio nel sangue.

Aggiungere più fibre

Mangiare più fibre aiuterà il corpo a liberarsi dell’acido urico. Le fibre possono anche aiutare a bilanciare i livelli di zucchero nel sangue e di insulina. Aggiungere dunque almeno 5 a 10 grammi di fibra solubile al giorno con cibi integrali come:

  • frutta fresca, congelata o secca;
  • verdure fresche o congelate;
  • avena;
  • noccioline;
  • orzo.

Assumere più vitamina C

Assumere più vitamina C

La ricerca medica dimostra che la vitamina C può aiutare l’organismo a liberarsi dell’acido urico. Può anche aiutare a ridurre l’infiammazione. Aggiungere alla propria dieta quotidiana cibi ricchi di questo nutriente può essere dunque molto utile, come ad esempio:

  • agrumi;
  • fragole;
  • kiwi;
  • broccoli;
  • cavolini di Bruxelles;
  • cavolo;
  • peperoni;
  • succo di pomodoro.

Cavoletti di Bruxelles: elementi nutrizionali e benefici per la propria salute

Ridurre lo stress

Lo stress, le cattive abitudini di sonno e la scarsa attività fisica, possono aumentare l’infiammazione. L’infiammazione a sua volta può provocare un alto livello di acido urico. Praticate tecniche consapevoli come esercizi di respirazione e yoga per aiutarvi ad affrontare i livelli di stress.

Praticate inoltre una buona “cura” del sonno,

  • evitando gli schermi digitali per due o tre ore;
  • evitando gli schermi digitali per due o tre ore prima di andare a dormire;
  • dormendo e svegliandovi ad orari costanti ogni giorno;
  • evitando la caffeina dopo l’ora di pranzo.

Parlate con il vostro medico se avete insonnia o difficoltà ad addormentarvi.

Controllare i farmaci e gli integratori

Infine, rammentiamo come alcuni farmaci e integratori possano causare l’accumulo di acido urico nel sangue. Questi includono aspirina, vitamina B-3 (niacina), diuretici, farmaci immunosoppressori, farmaci chemioterapici Se avete bisogno di prendere uno qualsiasi di questi farmaci e si è già in una condizione di iperuricemia, il medico potrebbe condividere con voi un trattamento individuato.

Conclusioni

A margine di quanto sopra, si rammenta come la dieta, l’esercizio fisico e altri cambiamenti nello stile di vita sano possano contribuire a migliorare la gotta e altre malattie causate da alti livelli di acido urico. Tuttavia, non sempre possono sostituire le cure mediche necessarie. Prendete dunque tutti i farmaci prescritti secondo le indicazioni del medico, e vedrete che la giusta combinazione di dieta, esercizio fisico e farmaci potrà aiutare a tenere a bada i sintomi dell’acido urico alto.