Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Albumina nelle urine, come e perchè si fa il test

L’albumina, proteina contenuta nel sangue, può essere presente nelle urine in varie quantità. Ne consegue che l’esame dell’albumina nelle urine rileva la presenza di quantità di tale sostanza e, successivamente, la possibilità che vi siano lesioni o altri problemi ai reni. L’albuminuria, ovvero l’escrezione dell’albumina nelle urine, è infatti potenzialmente un segna di progressiva perdita della funzionalità renale, ed è solitamente prescritto per i pazienti che soffrono di diabete di tipo 1 o di tipo 2, o di ipertensione.

In altri termini, i reni “sani” possono filtrare le sostanze di rifiuto dal sangue, e trattengono invece i componenti utili, come l’albumina. Se invece nel rene vi sono delle lesioni, è possibile che tali organi non siano più in grado di trattenere correttamente le proteine come l’albumina, tanto che le stesse possono terminare nelle urine.

Come viene effettuato il test

Come viene effettuato il test

Per poter effettuare l’esame dell’albumina nelle urine, è sufficiente che il paziente fornisca un campione di urina. A seconda delle richieste del proprio medico, il paziente potrà fornire:

  • Urina delle 24 ore: il medico potrebbe richiedere di raccogliere tutta l’urina della giornata in un contenitore, per poi consegnarna in un laboratorio che effettuerà l’analisi sulle stesse.
  • Urine in un momento certo: il medico potrebbe in alternativa richiedere di raccogliere l’urina in un particolare momento della giornata (di norma, durante la prima mattina, a margine del digiuno più lungo).
  • Urina raccolta in un momento non certo: il medico potrebbe anche richiedere di raccogliere le urine in un qualsiasi momento (ma non si tratta dell’alternativa più ricorrente).

Come interpretare i dati

Per l’interpretazione dei dati dell’albumina nelle urine vi consigliamo naturalmente di ricorrere alla consulenza di un medico che possa indicarvi i valori normali sulla base delle vostre specifiche caratteristiche e, di conseguenza, le possibili oscillazioni sopra o sotto i valori fisiologici di riferimento.

In linea di massima, come sopra abbiamo già avuto modo di anticipare, la presenza di quantità di albumina nelle urine può essere potenzialmente segnale di patologie renali di origine diabetica. Non solo: a seconda delle quantità rilevate, è anche possibile che tale indicatore sia un predittore della prognosi dei pazienti che sono affetti da altre malattie ai reni, e ulteriori determinanti.

Per poter ottenere dei risultati precisi e ben utilizzabili, di norma i medici preferiscono richiedere la raccolta di campioni delle 24 ore. Non sono pochi, comunque, coloro che privilegiano la raccolta in un dato momento.

Perchè i valori dell’albumina nelle urine sono alti?

Perchè i valori dell'albumina nelle urine sono alti?

Sancito che, in linea di massima, meno albumina nelle urine c’è e meglio è, si può anche ricordare come l’elenco delle cause di tale sostanze siano ben più numerose di quelle che sopra abbiamo avuto modo di delineare con rapidità. La microalbuminuria può infatti essere determinata anche da un semplice eccesso di proteine nella vostra dieta alimentare, o ancora da un esercizio fisico particolarmente intenso, o dallo stato di gravidanza.

Sicuramente più gravi sono invece i casi in cui l’albumina nelle urine sia determinata da infezioni all’apparato urinario, la nefropatia, la nefropatia diabetica, la nefropatia ipertensiva, la preeclamsia.

Vi sono tuttavia diverse motivazioni che possono spingere i valori al rialzo. Si pensi alla presenza di sangue nelle urine, all’assunzione di determinati farmaci, alla febbre, all’esercizio fisico intenso che è stato effettuato poco prima dell’esame, all’infezione nelle vie urinarie, e ad alcune pratiche nocive come il fumo. I valori incrementano anche in caso di disidratazione e mestruazioni.