Alcol e caffè, se in quantità moderate allungano la vita

Alcol e caffè

Il consumo moderato di alcol e caffè potrebbe essere un fattore legato alla possibilità di vivere una vita più lunga, come afferma un nuovo studio pubblicato dall’Università della California-Irvine che, evidentemente, apre nuovi scenari circa un consapevole utilizzo di due “risorse” delle quali – per quanto intuibile – sarebbe bene non eccedere.

Caffè di cicoria: i suoi poteri depuranti per l’organismo

Iniziato nel 2003, “The 90+ Study” ha esaminato 1.600 partecipanti del gruppo di età “più vecchio”, per determinare i fattori chiave per vivere fino a 90 anni e oltre. Lo studio è uno degli esami più grandi del mondo in relazione a questo gruppo di età, il quale è anche il più veloce crescita negli Stati Uniti, dove si è svolto lo studio, e anche in alcuni altri mercati “maturi” (è il caso di dirlo!) del mondo.

Secondo la ricerca, “le persone che hanno bevuto quantità moderate di alcol o caffè hanno vissuto più a lungo di coloro che si sono astenuti”. Un po’ sorprendentemente, lo studio sostiene anche che “le persone che erano in sovrappeso nei loro 70 anni hanno vissuto più a lungo del normale, o rispetto alle persone che erano invece in condizioni di sottopeso”.

La parola chiave in tutto questo è, ribadiamo, il ricorso a un consumo “moderato”, che le linee guida dietetiche per gli americani definiscono come fino a una bevanda alcolica (contenente 14 grammi di alcool puro) al giorno per le donne e due per gli uomini.

Insomma, anche questo studio, in fondo, conferma che l’equilibrio è il segreto di una lunga vita, e che un ricorso moderato all’alcol e alla caffeina non solo potrebbe non essere pregiudizievole, ma entro certi limiti potrebbe anche essere benefico. Una buona ragione in più per iniziare fin da subito ad adottare uno stile di vita sano ed equilibrato, evitando gli eccessi e i consumi esagerati di queste sostanze.

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Roberta Gammella. Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E’ registrata all’Ordine Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli e Provincia