Arcoxia: cos’è, per cosa viene usato e cosa sapere prima dell’assunzione

460
Arcoxia

Arcoxia è un medicinale che contiene il principio attivo etoricoxib. Fa parte di un gruppo di farmaci chiamati inibitori selettivi della COX-2, a loro volta riconducibili a una famiglia di farmaci chiamati Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS).

Per cosa è usato Arcoxia

Per cosa è usato Arcoxia

Arcoxia aiuta a ridurre il dolore e il gonfiore (infiammazione) delle articolazioni e dei muscoli delle persone di età pari o superiore a 16 anni che soffrono di osteoartrite, artrite reumatoide, spondilite anchilosante e gotta. È anche usato per il trattamento a breve termine del dolore moderato dopo la chirurgia dentale nelle persone di età pari o superiore a 16 anni.

A breve titolo didattico, rammentiamo che l’artrosi è una malattia delle articolazioni che deriva dalla rottura graduale della cartilagine che ammortizza le estremità delle ossa, causando gonfiore (infiammazione), dolore, sensibilità, rigidità e disabilità.

L’artrite reumatoide è una malattia infiammatoria a lungo termine delle articolazioni. Provoca dolore, rigidità, gonfiore e aumento della perdita di movimento nelle articolazioni colpite. Può anche causare infiammazioni in altre aree del corpo.

La gotta è una malattia contraddistinta da attacchi improvvisi e ricorrenti di infiammazione molto dolorosa e arrossamento delle articolazioni. È causato da depositi di cristalli minerali nell’articolazione.

La spondilite anchilosante è una malattia infiammatoria della colonna vertebrale e delle grandi articolazioni.

Quando NON prendere Arcoxia

Arcoxia non deve essere assunto:

  • se si è allergici (ipersensibili) a etoricoxib o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale;
  • se si è allergici a farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), inclusi aspirina e inibitori della COX-2;
  • se si ha un’ulcera allo stomaco o sanguinamento nello stomaco o nell’intestino;
  • se si ha una grave malattia del fegato;
  • se si ha una grave malattia renale;
  • se si è o si potrebbe essere incinta o se si sta allattando al seno;
  • se si ha meno di 16 anni;
  • se si soffre di malattie infiammatorie dell’intestino, come la malattia di Crohn, la colite ulcerosa o la colite;
  • se si ha la pressione alta non controllata;
  • se il medico ha diagnosticato problemi cardiaci incluso insufficienza cardiaca (tipi moderati o gravi), angina (dolore al petto);
  • se si ha avuto un infarto, intervento chirurgico di bypass, arteriopatia periferica;
  • se si ha avuto qualsiasi tipo di ictus (inclusi mini-ictus, attacco ischemico transitorio o TIA). Etoricoxib può aumentare leggermente il rischio di infarto e ictus ed è per questo che non dovrebbe essere usato in coloro che hanno già avuto problemi di questa tipologia.

Precauzioni sull’uso di Arcoxia

Precauzioni sull’uso di Arcoxia

Sempre in merito alle avvertenze determinate dall’uso di Arcoxia, vi consigliamo di parlare con il medico o con il farmacista prima di prendere questo medicinale se:

  • si ha una storia di sanguinamento dello stomaco o ulcere;
  • si è disidratati, ad esempio dopo un prolungato attacco di vomito o diarrea;
  • si ha gonfiore a causa della ritenzione di liquidi;
  • si ha una storia di insufficienza cardiaca o qualsiasi altra forma di malattia cardiaca;
  • si ha una storia di ipertensione. Arcoxia può aumentare la pressione sanguigna in alcune persone, specialmente in dosi elevate, e il medico vorrà dunque controllare la pressione sanguigna di volta in volta;
  • si ha una storia di malattia del fegato o dei reni;
  • si è in cura per un’infezione. Arcoxia può mascherare o nascondere la febbre;
  • si hai il diabete, il colesterolo alto o siete fumatori;
  • siete una donna che sta cercando di rimanere incinta;
  • avete più di 65 anni.

Ricordiamo anche che Arcoxia funziona bene sia nei pazienti adulti che nei giovani. Se avete più di 65 anni, il medico vorrà tuttavia tenere sotto stretto monitoraggio gli effetti di questo medicinale. Di contro, non bisogna somministrare questo medicinale a bambini e adolescenti al di sotto dei 16 anni di età.

Arcoxia e interazioni farmaceutiche

Informate il medico se state assumendo, avete recentemente assunto o potreste assumere qualsiasi altro medicinale, compresi quelli senza prescrizione medica.

In particolare se sta assumendo uno qualsiasi dei seguenti medicinali, il medico potrebbe voler controllare che i medicinali funzionino correttamente, una volta iniziato ad assumere Arcoxia:

  • medicinali che fluidificano il sangue (anticoagulanti), come il warfarin;
  • rifampicina (un antibiotico);
  • metotrexato (un farmaco usato per sopprimere il sistema immunitario e spesso usato nell’artrite reumatoide);
  • ciclosporina o tacrolimus (farmaci usati per sopprimere il sistema immunitario);
  • litio (un medicinale usato per trattare alcuni tipi di depressione);
  • medicinali usati per aiutare a controllare l’ipertensione e lo scompenso cardiaco chiamati ACE-inibitori e bloccanti dei recettori dell’angiotensina, esempi includono enalapril e ramipril e losartan e valsartan;
  • diuretici;
  • digossina (un medicinale per insufficienza cardiaca e ritmo cardiaco irregolare);
  • minoxidil (un farmaco usato per trattare l’ipertensione);
  • salbutamolo (un medicinale per l’asma);
  • pillole anticoncezionali (la combinazione può aumentare il rischio di effetti collaterali);
  • terapia ormonale sostitutiva (la combinazione può aumentare il rischio di effetti collaterali);
  • Aspirina, il rischio di ulcere gastriche è maggiore se si assume Arcoxia con l’aspirina;
  • altri farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS).

Arcoxia in gravidanza e in allattamento

Arcoxia in gravidanza e in allattamento

Arcoxia non deve essere assunto durante la gravidanza. Se siete incinta o pensate di poter essere incinta, o se state pianificando una gravidanza, non prendete il medicinale senza prima averne parlato con il proprio medico. Non è altresì noto se Arcoxia sia escreto nel latte umano. Se state allattando o state pianificando di allattare, consultate il medico prima di assumere il medicinale.

Effetti collaterali di Arcoxia

Come ogni farmaco, anche Arcoxia ha alcuni effetti collaterali che possono comunque non verificarsi in tutti i pazienti. L’unico effetto giudicabile come “molto comune” (cioè, in almeno 1 paziente su 10) è il mal di stomaco. Sono giudicabili effetti collaterali “comuni” (tra 1 e 10 pazienti su 100) i seguenti:

  • gonfiore delle gambe e / o dei piedi a causa della ritenzione di liquidi (edema);
  • vertigini, mal di testa;
  • palpitazioni (battito cardiaco veloce o irregolare), ritmo cardiaco irregolare (aritmia);
  • aumento della pressione sanguigna;
  • respiro sibilante o mancanza di respiro (broncospasmi);
  • stitichezza, eccesso di gas, gastrite (infiammazione del rivestimento dello stomaco), bruciore di stomaco, diarrea, indigestione (dispepsia) / fastidio allo stomaco, nausea, vomito, infiammazione dell’esofago, ulcere della bocca;
  • cambiamenti nelle analisi del sangue relative al fegato;
  • lividi;
  • debolezza e affaticamento, malattia simil-influenzale.

Sono invece giudicati non comuni o comunque rari / molto rari i seguenti:

  • gastroenterite (infiammazione del tratto gastrointestinale che coinvolge sia lo stomaco che l’intestino tenue / influenza gastrica), infezione delle vie respiratorie superiori, infezione del tratto urinario;
  • cambiamenti nei valori di laboratorio (diminuzione del numero di globuli rossi, diminuzione del numero di globuli bianchi, diminuzione delle piastrine);
  • ipersensibilità (una reazione allergica che include orticaria che può essere abbastanza grave da richiedere cure mediche immediate);
  • cambiamenti nell’appetito, aumento di peso;
  • ansia, depressione, diminuzione della nitidezza mentale; vedere, sentire o sentire cose che non ci sono (allucinazioni);
  • alterazione del gusto, incapacità a dormire, intorpidimento o formicolio, sonnolenza;
  • visione offuscata, irritazione degli occhi e arrossamento;
  • ronzio nelle orecchie, vertigini (sensazione di rotazione mentre si è fermi);
  • ritmo cardiaco anormale (fibrillazione atriale), battito cardiaco accelerato, insufficienza cardiaca, senso di oppressione, pressione o pesantezza al petto (angina pectoris), infarto;
  • vampate, ictus, mini-ictus (attacco ischemico transitorio), grave aumento della pressione sanguigna, infiammazione dei vasi sanguigni;
  • tosse, dispnea, sangue dal naso;
  • gonfiore dello stomaco o dell’intestino, alterazioni delle abitudini intestinali, secchezza delle fauci, ulcera gastrica, infiammazione del rivestimento dello stomaco che può diventare grave e può portare a sanguinamento, sindrome dell’intestino irritabile, infiammazione del pancreas;
  • gonfiore del viso, eruzione cutanea o prurito, arrossamento della pelle;
  • crampo / spasmo muscolare, dolore / rigidità muscolare;
  • alti livelli di potassio nel sangue, cambiamenti nei test del sangue o delle urine relativi al rene, gravi problemi renali;
  • dolore al petto;
  • angioedema (una reazione allergica con gonfiore del viso, delle labbra, della lingua e / o della gola che può causare difficoltà nella respirazione o nella deglutizione, che può essere abbastanza grave da richiedere cure mediche immediate) / reazioni anafilattiche / anafilattoidi incluso lo shock (un grave allergia reazione che richiede cure mediche immediate);
  • confusione, irrequietezza;
  • problemi al fegato (epatite);
  • bassi livelli ematici di sodio;
  • insufficienza epatica, ingiallimento della pelle e / o degli occhi (ittero);
  • gravi reazioni cutanee.

Cosa contiene Arcoxia

Il principio attivo contenuto in questo medicinale è etoricoxib. Ogni compressa rivestita con film contiene 30, 60, 90 o 120 mg di etoricoxib.

Gli altri ingredienti sono calcio idrogeno fosfato (anidro), croscarmellosio sodico, magnesio stearato, cellulosa microcristallina. Il rivestimento della compressa è composto da cera carnauba, lattosio monoidrato, ipromellosa, titanio diossido (E171), triacetina. Le compresse da 30, 60 e 120 mg contengono anche ossido di ferro giallo (E172, agente colorante) e lago di carminio indaco (E132, colorante).