Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Artrite reattiva, da cosa dipende e come si può curare

Che cos’è l’artrite reattiva, da che cosa dipende questa condizione e in che modo si può intervenire efficacemente con una cura.

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Viviana Pisaniello

L’artrite reattiva è un dolore articolare innescato da un’infezione in un’altra parte del corpo – più spesso l’intestino, i genitali o le vie urinarie.

L’artrite reattiva di solito colpisce le ginocchia e le articolazioni di caviglie e piedi. L’infiammazione può tuttavia colpire anche gli occhi, la pelle e l’uretra. Si tratta di una condizione non comune e, nella maggior parte dei casi, i sintomi vanno e vengono, scomparendo entro 12 mesi.

I sintomi dell’artrite reattiva iniziano generalmente da una a quattro settimane dopo l’esposizione ad un’infezione scatenante:

  • dolore e rigidità. Il dolore articolare associato all’artrite reattiva si verifica più comunemente nelle ginocchia, caviglie e piedi. Si potrebbe anche avvertire dolore ai talloni, alla schiena o ai glutei;
  • infiammazione oculare. Molte persone che hanno un’artrite reattiva sviluppano anche un’infiammazione oculare (congiuntivite);
  • problemi urinari. Può verificarsi un aumento della frequenza e del disagio durante la minzione, così come l’infiammazione della prostata o della cervice;
  • infiammazione dei tessuti molli (entesite). Ciò può includere muscoli, tendini e legamenti;
  • piedi o dita gonfie. In alcuni casi, le dita dei piedi o delle dita possono diventare molto gonfie;
  • problemi della pelle. L’artrite reattiva può colpire la pelle in vari modi, tra cui un’eruzione cutanea sulle suole, sui palmi delle mani e sulle afte in bocca;
  • dolore lombare. Il dolore tende ad essere peggiore di notte o al mattino.

Cause

L’artrite reattiva si sviluppa in reazione ad un’infezione nel corpo, spesso nell’intestino, nei genitali o nel tratto urinario. Tuttavia, in caso di sintomi lievi, il paziente potrebbe non essere a conoscenza dell’infezione scatenante.

Si tenga conto che numerosi batteri possono causare artrite reattiva. Alcuni sono trasmessi sessualmente, mentre altri sono di origine alimentare. I più comuni includono:

  • clamidia;
  • salmonella;
  • shhigella;
  • yersinia;
  • campylobacter;
  • clostridium.

L’artrite reattiva non e’ contagiosa. Tuttavia, i batteri che la causano possono essere trasmessi sessualmente o in alimenti contaminati. Solo poche persone che sono esposte a questi batteri sviluppano un’artrite reattiva.

Alcuni fattori aumentano il rischio di artrite reattiva:

  • età. L’artrite reattiva si verifica più frequentemente negli adulti di età compresa tra i 20 e i 40 anni;
  • sesso. Le donne e gli uomini hanno le stesse probabilità di sviluppare l’artrite reattiva in risposta alle infezioni di origine alimentare. Tuttavia, gli uomini hanno più probabilità delle donne di sviluppare un’artrite reattiva in risposta a batteri a trasmissione sessuale;
  • fattori ereditari. Uno specifico marcatore genetico è stato collegato all’artrite reattiva. Ma molte persone che hanno questo marcatore non sviluppano mai la condizione.

Prevenire l’artrite reattiva

I fattori genetici sembrano giocare un ruolo importante nella probabilità di sviluppare un’artrite reattiva. Anche se non è possibile modificare il proprio corredo genetico, è comunque possibile ridurre l’esposizione ai batteri che possono portare all’artrite reattiva.

Prevenire l’artrite reattiva
credit: stock.adobe.com

Assicuratevi ad esempio che il cibo sia conservato a temperature adeguate e cucinato correttamente per aiutarvi ad evitare i molti batteri di origine alimentare che possono causare artrite reattiva, tra cui salmonella, shigella, yersinia e campylobacter. Alcune infezioni sessualmente trasmissibili possono scatenare l’artrite reattiva: l’uso del preservativo può ridurre il rischio.

Diagnosi

Durante l’esame medico, è probabile che il personale sanitario controlli le articolazioni per verificare la presenza di segni e sintomi di infiammazione, come gonfiore. Il medico potrebbe anche controllare gli occhi per cercare segni di infiammazione e la pelle per le eruzioni cutanee.

Il medico potrebbe dunque consigliare un esame del sangue, e in alcuni casi dei test di imaging, come le radiografie della schiena, del bacino e delle articolazioni.

Cura

L’obiettivo del trattamento dell’artrite reattiva è quello di gestire i sintomi e trattare un’infezione che potrebbe essere ancora presente nell’organismo.

Se ad esempio l’artrite reattiva è stata scatenata da un’infezione batterica, il medico potrebbe prescrivere un antibiotico se ci sono prove di infezione persistente. Quale antibiotico si dovrà assumere, dipenderà dai batteri presenti.

Per i segni e i sintomi dell’artrite, il medico potrebbe consigliare farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e corticosteroidi o steroidi topici, o ancora specifici farmaci per l’artrite reumatoide.

Può inoltre essere utile valutare della terapia fisica: un fisioterapista può fornire esercizi mirati per le articolazioni e i muscoli. Gli esercizi di rafforzamento sviluppano i muscoli intorno alle articolazioni interessate, aumentando il sostegno dell’articolazione. Gli esercizi di movimento possono aumentare la flessibilità delle articolazioni e ridurre la rigidità.

Approfondimenti e credit