Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Astigmatismo: che cos’è e in che modo si può ottenere una vista migliore

L’astigmatismo è un comune difetto visivo, in grado di interessare tantissimi italiani. Ma di che cosa si tratta? Che cosa causa l’astigmatismo? Come può essere diagnosticato? E come può essere trattato?

L’astigmatismo è una condizione di vista piuttosto comune, che causa una vista “offuscata”. Si verifica quando la cornea (la copertura anteriore chiara dell’occhio) ha una forma irregolare o talvolta a causa della curvatura della lente all’interno dell’occhio.

Una cornea o una lente di forma irregolare impedisce infatti alla luce di concentrarsi correttamente sulla retina, la superficie sensibile alla luce nella parte posteriore dell’occhio. Di conseguenza, la visione diventa sfocata a qualsiasi distanza, causando disagio agli occhi e in alcuni casi anche del mal di testa.

La maggior parte delle persone in Italia – e nel resto del mondo – dispone di un certo grado di astigmatismo. Un leggero astigmatismo di solito non influisce sulla vista né richiede un trattamento specifico, ma se le condizioni sono più gravi, può rendersi necessaria una cura.

L’astigmatismo si verifica frequentemente con altre condizioni visive come miopia e ipermetropia. Insieme, queste condizioni di visione vengono definite “errori di rifrazione” perché influenzano il modo in cui gli occhi possono rifrangere la luce.

La causa specifica dell’astigmatismo è sconosciuta. Può essere ereditario e di solito è presente dalla nascita. Può diminuire o aumentare nel tempo. Un esame optometrico completo include anche dei test per l’astigmatismo, utili per poter arrivare alla diagnosi. Se necessario, il vostro oculista può fornire occhiali o lenti a contatto che correggono l’astigmatismo alterando il modo in cui la luce entra negli occhi.

Un’altra opzione per il trattamento dell’astigmatismo è una procedura corneale chiamata ortocheratologia (ortho-k). In questa procedura – indolore e non invasiva – il paziente indossa una serie di lenti a contatto rigide appositamente progettate per rimodellare gradualmente la curvatura della cornea.

La chirurgia laser può altresì trattare alcuni tipi di astigmatismo. Il laser cambierà la forma della cornea rimuovendo una piccola quantità di tessuto oculare.

Che cosa causa l’astigmatismo

Che cosa causa l'astigmatismo

La curvatura della cornea e della lente servono a piegare la luce che entra nell’occhio, al fine di focalizzarla in modo preciso sulla retina, posta nella parte posteriore dell’occhio. Nell’astigmatismo, la superficie della cornea o della lente ha una curvatura leggermente diversa.

La superficie della cornea infatti in questo caso non sarà in grado di focalizzare i raggi luminosi su un singolo punto: la visione diventa sfocata a qualsiasi distanza.

Inoltre, la curvatura della lente all’interno dell’occhio può cambiare, con conseguente aumento o diminuzione dell’astigmatismo. Questo cambiamento si verifica frequentemente nell’età adulta e può precedere lo sviluppo di cataratte naturali. A volte l’astigmatismo può svilupparsi in seguito ad un trauma oculare o ad un intervento chirurgico agli occhi.

L’astigmatismo si verifica anche a causa di una condizione relativamente rara chiamata “cheratocono” in cui la cornea diventa progressivamente più sottile e conica. Ciò si traduce in una grande quantità di astigmatismo, che causa scarsa visione che non può essere chiaramente corretta con gli occhiali. Le persone con cheratocono di solito hanno bisogno di lenti a contatto per una visione chiara e alla fine possono aver bisogno di un trapianto di cornea.

Come viene diagnosticato l’astigmatismo

Un optometrista può diagnosticare un astigmatismo attraverso una visita oculistica completa. I test per l’astigmatismo misurano il modo con cui gli occhi focalizzano la luce e determinano la potenza di qualsiasi obiettivo ottico necessario per migliorare la visione. Questo esame può includere:

  • Acuità visiva: quando leggete le lettere su un pannello a distanza, state misurando la vostra acuità visiva. L’acuità visiva è data come frazione (ad esempio, 20/40). Il numero più alto è la distanza di prova standardizzata e il numero in basso è il formato di lettera più piccolo letto.
  • Cheratometria / Topografia: un cheratometro è lo strumento principale utilizzato per misurare la curvatura della cornea. Concentrando un cerchio di luce sulla cornea e misurandone il riflesso, è possibile determinare l’esatta curvatura di quell’area della superficie della cornea. Questa misura è particolarmente critica nel determinare l’adattamento appropriato per le lenti a contatto. Un topografo corneale genera una mappa del contorno della cornea e fornisce ancora più dettagli sulla forma della cornea.
  • Rifrazione: utilizzando uno strumento chiamato forottero, l’optometrista posiziona una serie di lenti davanti ai tuoi occhi e misura il modo in cui focalizzano la luce. Questo viene eseguito utilizzando uno strumento portatile a luce denominata retinoscopio o uno strumento automatizzato che valuta il potere di messa a fuoco approssimativo dell’occhio. In base alle risposte specifiche dell’occhio, la potenza viene quindi perfezionata per determinare gli obiettivi che consentono la visione più chiara. Nonostante la tecnologia avanzata, l’input da parte dei pazienti rimane fondamentale nel determinare i bisogni visivi.

Generalmente, grazie alle informazioni ottenibili con questi test, l’optometrista può determinare se soffrite di astigmatismo.

Non solo: l’oculista utilizzerà questi risultati, combinati con quelli di altri test eseguiti, per determinare la potenza di qualsiasi correzione dell’obiettivo necessaria per fornire una visione chiara e confortevole. Una volta completato il test, l’oculista condividerà con voi le opzioni di trattamento.

Come viene trattato l’astigmatismo

Come viene trattato l'astigmatismo

Le persone che soffrono di astigmatismo hanno diverse opzioni per riconquistare una visione più nitida.

Naturalmente, tra i vari trattamenti a disposizione il principale è rappresentato dagli occhiali. Le persone con astigmatismo scelgono principalmente gli occhiali per migliorare la loro visione, grazie alle loro lenti cilindriche che sono in grado di compensare l’astigmatismo, fornendo una “potenza” aggiuntiva in parti specifiche dell’obiettivo.

Generalmente viene prescritto un obiettivo a visione singola per fornire una visione chiara a tutte le distanze. Tuttavia, i pazienti di età superiore ai 40 anni che soffrono anche di presbiopia, possono aver bisogno di una lente di addizione bifocale o progressiva.

In alternativa, si può procedere con l’applicazione di lenti a contatto, che per certi pazienti sono più efficaci degli occhiali. Le lenti a contatto possono fornire una visione più chiara e un campo visivo più ampio. Tuttavia, poiché le lenti a contatto vengono indossate direttamente sugli occhi, richiedono una pulizia e una cura regolari per salvaguardare la salute degli occhi.

Si tenga anche conto che le lenti morbide “standard” potrebbero non essere efficaci nel correggere l’astigmatismo. Tuttavia, speciali lenti a contatto morbide toriche possono correggere molti tipi di questa condizione: poiché le lenti a contatto rigide permeabili ai gas mantengono la loro forma regolare mentre si trovano sulla cornea, possono compensare la forma irregolare della cornea e migliorare la visione nelle persone con astigmatismo.

Un’altra forma di trattamento è l’ortocheratologia, che prevede l’uso di una serie di lenti a contatto rigide per rimodellare la cornea. Il paziente indossa le lenti a contatto per periodi limitati, per poi rimuoverle. Le persone con astigmatismo moderato possono essere in grado di ottenere temporaneamente una visione chiara senza obiettivi per la maggior parte delle loro attività quotidiane. L’ortocheratologia non migliora in modo permanente la visione, tanto che se i pazienti smettono di indossare le lenti di ritenzione, la loro vista potrebbe tornare alle condizioni originali.

Infine, si può procedere con l’utilizzo di tecniche come il laser e altre procedure di chirurgia refrattiva. L’astigmatismo può anche essere corretto rimodellando la cornea attraverso LASIK (laser in situ keratomileusis) o PRK (cheratectomia fotorefrattiva). Il PRK rimuove il tessuto dagli strati superficiali e interni della cornea. Il LASIK rimuove il tessuto solo dallo strato interno della cornea.

Se soffrite di astigmatismo, avete dunque una vasta gamma di opzioni utili per correggere il vostro problema visivo. Consultatevi con il vostro oculista, e selezionate il trattamento che meglio soddisfa le vostre esigenze visive e di stile di vita.