Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Cimici dei letti: cosa sono e come liberarsene!

Che cosa sono le cimici dei letti, dove si trovano e cosa si può fare per liberarsi di questi insetti!

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Roberta Gammella

Poco attive durante il giorno, le cimici escono soprattutto durante la notte, mentre dormiamo, e vanno alla ricerca di inconsapevoli vittime. Le punture dalle cui le cimici succhiano il sangue provocano piccole macchie rosse e un po’ di prurito ma al di là di ciò non sono particolarmente pericolose. Ma come riconoscere le punture provocate da questi insetti? E come debellarli?

Riconoscere le punture delle cimici dei letti

Il punto di partenza fondamentale per poter individuare il problema è sconfiggerlo è certamente quello di riconoscere correttamente le punture delle cimici dei letti. Per farlo è sufficiente osservare attentamente la propria pelle (e, naturalmente, se è il caso domandare il consulto di un esperto): di solito le macchie sulla pelle sono rosse, di piccole dimensioni, associate a prurito locale. A volte le macchie compaiono quasi subito, a volte dopo qualche giorno. Si tenga inoltre conto che le macchie non compaiono quasi mai da sole, ma di norma in serie, considerato che la cimice succhia il sangue su più punti diversi. Le aree anatomiche dove è più probabile essere colpiti sono quelle che rimangono scoperte quando si va a dormire, come le mani, le braccia, il viso, il collo.

Come individuare le cimici dei letti

Quando si ha il sospetto di essere stati punti dalle cimici dei letti, è buona abitudine cercare di andare a “caccia” effettiva del problema, verificando le condizioni di tutta la stanza da letto aiutandosi con una torcia. Cercate in particolar modo di controllare tra le fessure dell’intelaiatura del letto, nelle crepe dei muri o dei pavimenti. Guardate bene le vostre lenzuola: se trovate piccole macchie nere, potrebbero essere gli escrementi delle cimici. Se invece sotto il letto o intorno ad esso trovate delle chiazze bianche, potrebbero essere le uova delle cimici, appena dischiuse, o le mute. Infine, guardate cuscino e lenzuola: s evi sono tracce di sangue, è possibile che siano appartenenti alla “succhiata” che vi ha visto coinvolti.

Come trattare le cimici dei letti

Di solito il prurito e le macchie derivanti dalle punture delle cimici spariscono nell’arco di una settimana, o poco più, senza che al paziente sia richiesto uno specifico trattamento. Tuttavia, se si vuole accelerare la guarigione, può essere utile fruire di una crema per la pelle a base di idrocortisone, o assumere un antistaminico orale, come la definidramina.

Naturalmente, sarà altresì possibile procedere a una disinfestazione della propria camera da letto per evitare ulteriori fastidiose punture. Per far ciò è ovviamente consigliabile rivolgersi a una ditta specializzata nelle disinfestazioni, che attraverso il suo personale esperto possa aiutarvi a ripulire questa e altre stanze dalla presenza dei fastidiosi animaletti. Le tecniche di disinfestazione si basano principalmente sulla fruizione di insetticidi che non sono tossici per l’uomo, e attraverso l’utilizzo di apparecchiatura che punta ad alzare la temperatura della stanza fino a 50 gradi, per un livello che non è sopportato dalle cimici dei letti e dalle loro uova.

Niente vi vieta, naturalmente, di procedere anche a trattamenti di disinfestazione “fai-da-te”, che tuttavia non saranno così efficaci come quelli professionali. Per esempio, potrebbe essere utile passare l’aspirapolvere su tutta l’intelaiatura del letto in modo tale che se qualche cimice è nascosta in una fessura, possa essere aspirata. È inoltre consigliabile lavare tutti i vestiti che sono stati potenzialmente contaminati a una temperatura di quasi 50 gradi, in modo tale da uccidere ogni cimice da letto e le eventuali uova.

Come prevenire le cimici dei letti

Si tenga inoltre conto che esistono delle strategie molto interessanti per prevenire sia le punture che le infestazioni delle cimici dei letti. Per poter prevenire le punture, in attesa della disinfestazione, è ad esempio consigliabile dormire con un pigiama che ricopra tutto il corpo, e applicare sull’intelaiatura del letto l’insetticida permetrina, che terrà lontano questi sgraditi insetti. Per poter prevenire le infestazioni, è invece buona norma ispezionare le camere da letto e non acquistare letti e materassi di seconda mano, ma solo prodotti nuovi e di sicura provenienza. Se vi trovate in un albergo, analizzate con attenzione il letto.

Come risolvere da soli il problema delle cimici dei letti

Anche se il miglior modo per poter risolvere definitivamente il problema delle cimici dei letti è sicuramente quello di ricorrere a un professionista del settore, che possa procedere con una profonda disinfestazione, c’è qualcosa che potete fare per potervi libera da questi piccoli e fastidiosi insetti.

Innanzitutto, una volta individuati gli oggetti che sono stati infestati, o che ritenete che possano essere stati infestati, prendeteli e richiudeteli in dei sacchetti, per poi porli in lavatrice ad almeno 50 gradi. Gli oggetti più piccoli che non possono essere lavati in lavatrice possono comunque essere disinfestati riscaldandoli: sarà sufficiente riporli all’interno della plastica e metterli in un luogo caldo per qualche giorno. Si può inoltre ipotizzare di eliminare le cimici dei letti per congelamento, ma la procedura è più difficile e, soprattutto, più lunga (potrebbero occorrere anche alcune settimane!).

Abbiate inoltre cura di lavare e asciugare la biancheria a temperature alte, e anche quelle che apparentemente non sembrano essere state interessate dall’invasione delle cimici dei letti. Se qualcosa non può essere oggetto di lavaggio, spruzzatela con appositi spray contro le cimici, e sigillate poi l’oggetto in una busta di plastica, conservandolo per qualche mese.

Sempre a proposito di accorgimenti utili per potersi liberare finalmente delle cimici dei letti, vi rammentiamo che uno dei più fruiti è sicuramente quello di potersi procurare un dispositivo che possa produrre vapore, con il quale cercare di eliminare le cimici e le uova, semplicemente passando del vapore sulle superfici, con particolare attenzione agli angoli e alle cuciture, dove frequentemente si annidano le cimici e le loro uova. Abbiate inoltre cura di passare frequentemente l’aspirapolvere nella vostra abitazione, poichè questo sarà molto utile per poter rimovere le cimici e le uova da tappeti, materassi, pareti e altre superfici.

Ad ogni modo, purtroppo non sempre è facile cercare di liberarsi delle cimici dei letti, considerando che questi animaletti possono nascondersi nei luoghi più “impervi”. Per esempio, non è escluso che possano esservi delle cimici nelle crepe dell’intonaco o, se ne avete, dietro la carta da parati allentata. Per questo motivo, diviene importante valutare anche se utilizzare insetticidi in crepe e anfratti dove si possono nascondere le cimici dei letti, avendo magari prima cura di rimuovere polvere e detriti con un’aspirapolvere, al fine di garantire il miglior livello di penetrabilità all’insetticida. Ripete inoltre l’applicazione della sostanza più volte (una volta ogni due settimane, se notate ancoral a presenza di queste cimici) e non demordete: spesso è molto difficile cercare di trovare tutti i nascondigli e potrebbero essersi schiuse pertanto delle uova nascoste che sono “scampate” alla vostra precedente opera di disinfestazione.

Se al termine di questi tentativi non riuscite a liberarvi delle cimici dei letti, niente di meglio che ingaggiare un disinfestatore professionista, che potrà risparmiarvi tempo e fatica: i professionisti sanno invece dove cercare le cimici e, soprattutto, hanno a disposizione degli strumenti utili per poter affrontare il problema. Sarà comunque richiesta la collaborazione degli inquilini, che dovrebbero – anzitutto – cercare di liberare gli spazi da tutti gli oggetti non necessari.

Ricordate inoltre che in alcuni casi non è possibile disinfestare gli oggetti dalle cimici dei letti, poichè troppo impregnati dalle uova e dagli insetti. Inoltre, è possibile che le cimici possano diffondersi da una stanza all’altra e, in alcuni casi, da una casa all’altra: potrebbe valere la pena cercare di ispezionare anche le stanze e gli appartamenti adiacenti al fine di comprendere se questi animaletti hanno già invaso altri territori o, più fortunatamente, sono rimasti inclusi all’interno di spazi più ristretti.

Evitate inoltre di non agire con tempestività: trascurare questo fenomeno potrebbe portarvi a maggiori difficoltà (e costi) nella rimozione degli insetti che stanno infestando il vostro appartamento!