Clavulin, l’antibiotico generico per molte infezioni da batteri

Clavulin è un farmaco antibiotico in grado di debellare tutti i batteri che sono la principale causa delle infezioni. All’interno son presenti due sostanze, l’amoxicillina e l’acido clavulanico.

Per quanto riguarda il primo principio attivo, questo rientra far parte delle “penicilline”, la cui attività può essere bloccata in determinati casi. L’altro componente invece, ovvero l’acido clavulanico impedisce che ciò avvenga.

Si tratta quindi di un farmaco che combina due azioni, per un unico risultato. Aiuta a risolvere le infezioni con un ampio raggio di azione.

Quando utilizzare il Clavulin

Quando utilizzare il Clavulin

Tale farmaco può essere somministrato nei neonati e nei bambini per trattare le seguenti infezioni:

  1. Infezioni dell’orecchio medio e anche dei seni nasali
  2. Infezioni delle vie respiratorie e anche dell’apparato urinario
  3. Infezioni della pelle
  4. Infezioni dei tessuti molli e anche dentali
  5. Infezioni delle articolazioni e anche delle ossa

Controindicazioni

Non somministrate il farmaco in presena dei seguenti disturbi:

  1. Se siete allergici ad amoxicillina oppure all’acido clavulanico
  2. Se siete allergici ad uno o più eccipienti presenti nel farmaco
  3. Se in passato avete avuto una forma allergica accertata verso qualsiasi altro antibiotico. Tale disturbo può determinare anche la comparsa di eruzione cutanea, gonfiore del viso e del collo
  4. Se ha avuto in passato ed ha ancora oggi problemi al fegato ed ittero causati dalla somministrazione di un farmaco antibiotico

La somministrazione di Clavulin è vietata in presenza di tali situazioni. In caso di dubbio riguardo la somministrazione, contattate il vostro medico di base o il vostro farmacista prima dell’assunzione.

È importante consultare il medico o il farmacista prima di prendere Clavulin se:

  1. Avete la mononucleosi infettiva
  2. Non urinate in maniera regolare

In caso di insicurezza rispetto alla lista sopra descritta, parlatene con il vostro medico, oppure farmacista o infermiere di fiducia.

Il medico potrà eseguire in alcuni casi un’indagine approfondita per valutare la tipologia del batterio che ha scaturito l’infezione. In base ai risultati ottenuti, le potrà essere prescritto un dosaggio diverso oppure un medicinale differente.

Condizioni a cui è importante prestare attenzione

L’utilizzo di Clavulin può determinare il peggioramento di alcune patologie esistenti, oppure scaturire effetti indesiderati anche gravi. Tra questi si possono manifestare reazioni allergiche, infiammazioni dell’intestino e convulsioni.

Durante la durata del trattamento bisogna prestare attenzione alla sintomatologia, al fine di ridurre qualsiasi rischio anche grave.

Se state effettuando gli esami del sangue e delle urine, per esaminare ad esempio le funzionalità epatiche e la conta dei globuli rossi, il medicinale potrebbe influenzare i risultati. Anche i test delle urine per il glucosio potrebbero risultare non veritieri dopo la somministrazione di Clavulin.

Effetti indesiderati

Come tutti i farmaci anche la somministrazione di Clavulin può determinare la comparsa di effetti indesiderati, anche se non tutti i pazienti li manifestano.

Condizioni dove bisogna prestare particolare attenzione:

  1. Eruzione cutanea
  2. Infiammazione dei vasi sanguigni, che si manifestano con macchie rosse o tendenti al viola sulla pelle, ma che possono colpire anche altre zone del corpo
  3. Febbre
  4. Dolori articolari
  5. Gonfiore delle ghiandole del collo e anche delle ghiandole delle ascelle
  6. Gonfiore delle ghiandole dell’inguine
  7. Gonfiore del viso e della bocca che determina difficoltà respiratorie
  8. Collasso

Contattate tempestivamente il medico in presenza di uno o più di questi sintomi, ed interrompa il trattamento.

Infiammazione intestinale

Infiammazione intestinale

L’infiammazione intestinale determina la comparsa di diarrea acquosa con presenza di muco, sangue, dolore allo stomaco e febbre. Talvolta, se dopo la somministrazione si manifestano tali sintomi, contattate immediatamente il medico per un consiglio.

Effetti indesiderati molto comuni, che possono interessare più di una persona su 10:

  • Frequenti scariche di diarrea nelle persone adulte

Effetti indesiderati comuni, che possono manifestarsi in una persona su 10:

  • Mughetto vaginale, della bocca e piaghe della pelle
  • Forte nausea quando si assume il farmaco in alte dosi
  • Vomito e anche scariche di diarrea nei bambini

Effetti indesiderati non comuni, che possono interessare una persona su 100:

  1. Eruzione cutanea
  2. Prurito e anche orticaria
  3. Difficoltà a digerire
  4. Capogiri e anche mal di testa

Questi sono alcuni degli effetti indesiderati segnalati alle autorità. Se conoscete o avete avuto effetti indesiderati che non compaiono nelle liste ufficiali, informate il vostro medico. Potete anche informare direttamente le autorità del farmaco in Italia.

Chiedete maggiori informazioni al vostro farmacista, e i contatti utili per parlare con gli enti predisposti ai controlli.

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Roberta Gammella.
Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E’ registrata all’Ordine Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli e Provincia