Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come eliminare le formiche con rimedi naturali e chimici contro questi insetti

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Roberta Gammella

Sotto il termine generico di formiche, rientrano tantissime specie di insetti imenotteri, ovvero con ali membranose, anche se nelle formiche solo la regina e alcuni maschi colonizzatori possiedono ali. Si parla di migliaia di specie diverse, diffuse in tutto il pianeta, con dimensioni e forme diverse, evolute nel corso di milioni di anni. Le formiche sono infatti degli insetti antichissimi, i cui primi fossili risalgono a più di 160 milioni di anni fa. Le formiche si distinguono per le loro sei zampe, le mandibole robuste e numerose altre caratteristiche. Vivono in società complesse, dove vi sono, nella stessa specie, gruppi individuali distinti e specializzati, come le operaie, dedite alla lavorazione e raccolta del cibo, e alla costruzione dei nidi, oppure le formiche soldato, specializzate nella difesa del gruppo sociale e della formica regina, la formica fertile specializzata nella riproduzione della specie assieme ad alcuni maschi. Entrambi sono destinati alla colonizzazione di altri territori.

Come eliminare le formiche: i primi consigli

Negli ultimi anni si sono diffuse molte informazione per eliminare le formiche secondo alcuni metodi naturali, tanti dei quali già usati in passato, in modo da non dover spruzzare prodotti chimici in casa. Le formiche non sono insetti pericolosi, e possiamo affermare che sono anche degli insetti puliti, ma hanno la caratteristica di colonizzare in continuazione i territori limitrofi, e quindi di invadere letteralmente le nostre case e le nostre dispense.

Come primo consiglio si suggerisce quindi di tenere sempre pulita la casa, in quanto le formiche sono sempre in cerca dei residui dei nostri pasti. Quindi occorre seguirle per capire dove hanno nidificato. In genere le formiche trovano riparo in piccole crepe nell’intonaco localizzate sotto le finestre o negli angoli. Quindi cospargete i dintorni del nido con del borotalco. Naturalmente esistono molti spray chimici in commercio, che sono particolarmente efficaci, ma in questo modo dovrete areare i locali e comunque sia diffondere dei veleni nella vostra casa. Anche se si tratta di veleni a bassa tossicità per l’uomo, specie in presenza di bambini, moltissime persone cercano giustamente delle soluzioni naturali per eliminare il problema.

Come eliminare le formiche con i rimedi naturali

Uno dei rimedi naturali più usati, è utilizzare il succo di limone, che ha la caratteristica di disorientare le formiche. Perdere l’orientamento per questi insetti è un grande problema, in quanto impedisce loro la ricerca del cibo, spingendole ad abbandonare il territorio per cercarne di migliori. Un altro vegetale mal sopportato dalle formiche, soprattutto per l’odore, è la cannella, gradita invece agli umani. In questo caso basterà cospargerla in polvere o usarla come olio. Nemmeno la menta piace alle formiche, e basterà coltivare qualche piantina in casa e metterla nei punti strategici, per tenere lontano questi insetti. Si possono anche utilizzare le gocce di olio da spruzzare con acqua oppure solo qualche foglia accanto ai nidi.

Fin qui abbiamo descritto alcuni rimedi naturali per allontanare questi insetti senza ucciderli, ma ci sono anche delle soluzioni più drastiche, come la borace mescolata con acqua e zucchero, da applicare su delle trappole di carta in modo che le formiche le trasportino nel nido e ne restino avvelenate. L’acqua bollente mescolata con del sapone per piatti si può spruzzate o versare direttamente sulle formiche per ucciderle, ma dovrete avere un po’ di insensibilità per usare questo metodo. Ci sono poi delle polveri di conchiglie finissime, fatte di schegge affilatissime che tagliano il corpo degli insetti che vi camminano sopra, facendoli morire.

Tornando a metodi meno cruenti, il gesso è una sorta di barriera invalicabile per le formiche, che quando incontrano questa polvere, tornano indietro. È anche abbastanza divertente vederle bloccate anche da una linee sottilissima. Poi ci sono i fondi di caffè, che hanno lo stesso effetto della cannella. Un altro odore mal tollerato dalle formiche è quello dell’aceto, che va spruzzato vicino al nido e ai crocevia di passaggio degli insetti. Il vantaggio dell’aceto è che il suo odore, seppur impercettibile dopo qualche ora per gli uomini, è invece molto persistente per le formiche.

Per chi ha voglia di costruire una trappola, può utilizzare il miele per attivare le formiche e poi buttare via la trappola piena lontano dalla propria abitazione. Per quel che riguarda il giardino, la situazione è un po’ più complicata in quanto lo spazio aperto spesso vanifica alcuni rimedi. Qui si può usare una miscela di zucchero a velo, bicarbonato e lievito di birra, che sono tossici per questi insetti che attirati dallo zucchero, porteranno il composto nel nido.

Speriamo di esservi stati sufficientemente d’aiuto nel consigliarvi come eliminare le formiche con metodi naturali.