in

Coronavirus, – 3 giorni al picco dei contagi?

Guai però abbassare la guardia: ci aspettano mesi di restrizioni e di cambi di abitudine

contaggi coronavirus
FOTO: stock/adobe.com

Il picco dei contagi da Coronavirus potrebbe essere vicino, molto vicino: domenica 22 marzo. Ma questo non significa, comunque, che si dovrà abbassare la guardia. Anzi, secondo gli esperti è probabile che per diversi mesi dovremo fare i conti con restrizioni che ci terranno lontani dalla “normalità”, e che per tanto tempo dovremo fare i conti con un cambiamento delle abitudini.

Tornando al picco, ovvero al momento in cui la curva dei contagi toccherà il massimo livello e inizierà a decrescere, secondo il fisico Alessandro Vespignani, che dirige il Network Science Institute, è del tutto verosimile che a partire da questo fine settimana cominci l’inversione della tendenza. Bisognerà per comprendere se le misure di “chiusura” del Paese siano o meno state rispettate.

Considerato che le norme di massima restrizione in Lombardia hanno preso il via l’8 marzo, e quelle nel resto d’Italia l’11 marzo, i tempi tecnici si stanno avvicinando.