Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Cuscino allattamento: guida pratica all’acquisto

Avete mai sentito parlare del cuscino da allattamento? Si tratta in pratica di un gadget utilissimo a tutte le mamme che stanno allattando il proprio bambino. E’ un aiuto pratico ed economico che vi consente di sorreggere per bene il vostro bimbo, evitando così che, durante la poppata, assuma posture scorrette che possono causare poi mal di schiena e altri problemi futuri.

Ogni azienda ne produce di diversi, sia per quanto riguarda la forma che i materiali usati. Potete quindi prendere questi elementi in esame al momento della scelta, sempre che non vi sia stato regalato! In questo caso, potete usare questo articolo per capire qual è la qualità del gadget e come mantenerlo al meglio.

La forma del cuscino allattamento, quale scegliere?

Girando per negozi vi sarà capitato di notare che esistono diversi tipi di cuscini per l’allattamento. Le forme cambiano e credetemi, non è la stessa cosa. Le due più comuni sono quella a serpente e ciambella. Quali sono le differenze?

Serpentone

E’ quello più facile da trovare in circolazione ma, non è proprio comodissimo nella fase della poppata. Considerando che è nato per questo, la cosa diventa un po’ problematica. Dovete infatti modellarlo e dargli una forma a U. Essendo meno imbottito, sostiene meno il bambino. Tuttavia è davvero molto grande quindi può rivelarsi particolarmente utile se avete due gemelli. A riguardo, avete letto il nostro articolo sui passeggini gemellari?

Se avete solo un bambino a cui pensare, il modello migliore è quello a ciambella. Essendo poco imbottino è meno comodo, inoltre è meno immediato il suo utilizzo. Se tuttavia ve lo hanno regalato, proprio in vista della nascita, allora potete usarlo voi durante la gravidanza o anche nel post, potete abbracciarlo facendolo passare tra le cosce, così da favorire un buon sonno. Potete anche usarlo per sostenere la vostra schiena durante l’allattamento oppure, è molto comodo se messo dietro il collo mentre state stese. Se lo modellate correttamente può andar bene anche per favorire il sonno del bambino, facendolo rannicchiare dentro. Potete usarlo anche in culla o nel lettino. In questo caso assicuratevi che sia di un materiale traspirante e anti-soffoco.

Ciambella

L’altra forma comune è quella a ciambella. Secondo me è migliore perché ha un’imbottitura superiore, questo perché non deve essere modellata ma è già pronta all’utilizzo. E’ l’ideale per far mangiare per bene e comodamente vostro figlio. Si tratta del classico strumento utile in molte occasioni in realtà, ad esempio potete usarlo per rannicchiarlo dopo che ha poppato, ma anche per sostenerlo nella seduta quando è più grandicello. Può risultare utile anche per sistemare meglio in collo il bambino in caso di colichine e fargli provare così sollievo.

Qual è il miglior materiale?

L’imbottitura del cuscino, sia esso a serpente o ciambella, può essere realizzata con diversi materiali. Io vi sconsiglio di scegliere quello in poliestere. Si tratta di un materiale sintetico e che fa sudare davvero molto in estate.

Un altro buon motivo per non utilizzarlo e che non si conoscono gli effetti che si scatenano nel nostro corpo a contatto con le polveri che vengono prodotte in fase di lavorazione di questo materiale. Il vantaggio di questi cuscini, che di solito attira le mamme all’acquisto, è che sono davvero morbidissimi, cosa che manca completamente ai cuscini con imbottitura naturale.

I cuscini naturali sono realizzati in pula di farro e miglio, sono traspiranti e anti-acaro. Secondo me sono la miglior scelta proprio perché naturali. Offrite così a vostro figlio il contatto con un materiale molto più fresco e quando si addormenta su di esso, non starà a contatto con materiali sintetici. Sapevate inoltre che al loro interno vi è l’acido silicico? In pratica è ottimo per alleviare le contrazioni muscolari e i dolori alle ossa. E’ stato definito un perfetto antidolorifico naturale.

Considerate poi che si tratta di materiali termoregolatori, in pratica d’estate mantengono fresco e d’inverno caldo. Viene evitata la sudorazione eccessiva e di conseguenza le irritazioni cutanee. Queste fibre possono essere pulite ad ogni cambio di stagione. Basta che passate il vapore del verro da stiro sopra e dopo li lasciate asciugare bene.

Per quanto riguarda la federa invece, anche in questo caso cercate di acquistare quelle in cotone o se potete, in bambù. Prima di tutto sono morbidissimi e poi, sono delicati a contatto con la pelle. Di solito potete trovare tranquillamente in commercio quelli realizzati con la federa in cotone grezzo.

Usi alternativi del cuscino da allattamento

Il cuscino potete utilizzarlo tranquillamente anche dopo l’allattamento, quando il vostro bambino è un po’ più grande. Anche nel caso avete scelto di acquistarlo in anticipo potete già sfruttarlo in gravidanza magari per sostenere la schiena mentre state sedute sul divano. La notte potete metterlo tra le gambe, ottenendo così un grande sollievo. Oppure potete usarrlo per adagiarvi sopra il bambino che dorme mentre è vicino a voi. Può rimanere dopo un semplice e carino elemento di corredo per la cameretta di vostro figlio.