Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Dolicocolon, una anomalia del colon poco conosciuta

Un allungamento del colon anomalo può essere dovuto al dolicocolon, è un malfunzionamento di solito congenito ed in alcuni casi legato ad un dimagrimento troppo veloce.

Cos’è

Il nome di questo stato che può essere considerata una sorta di malformazione deriva dal greco “dolilchos” che indica infatti lunga distanza unita alla parola colon. E’ un evento abbastanza raro che colpisce un numero limitato di soggetti, quelli più colpiti sono quelli molto alti di statura e che hanno perso velocemente molto peso in poco tempo (almeno 10 kg), un dimagrimento troppo veloce infatti porta ad un assottigliamento e conseguente allungamento della parete intestinale. Il dolicocolon infatti è un allungamento abnorme del colon, ben oltre le sue normali dimensioni.

Il Colon

Il colon è la parte finale dell’apparato digerente di quasi tutti i vertebrati, anche quelli più antichi, ha una lunghezza molto minore rispetto all’intestino tenue ma un diametro molto maggiore, nel colon sono presenti tre fasci muscolari che lo percorrono longitudinalmente, sono le tenie e le haustra. Mentre il nostro intestino tenue si occupa di assorbire tutti i nutrienti assunti con l’alimentazione, il colon si occupa dell’assorbimento di acqua, sale e di sintetizzare alcune vitamine essenziali liposolubili, il tutto prima che le sostanze di scarto vengano eliminate dall’apparato escretore. Nei mammiferi il colon presenta quattro sezioni: colon ascendente, colon discendente, colon trasverso e sigma; insieme al retto ed al cieco, il colon forma l’intestino crasso.

Sintomi

  • Dolore allo stomaco continuo diffuso nella parte bassa dell’addome, il paziente non riesce a trovare un punto di origine del dolore ben preciso.
  • Stitichezza continua, questo problema in caso di dolicocolon persiste anche dopo aver assunto fibre alimentari e lassativi.
  • Pancia gonfia, questo evento non è sempre presente.

Cause

Cause Dolicocolon

Le cause nei soggetti che non hanno subito dei dimagrimenti significativi sono ad oggi prive di una spiegazione, alcuni soggetti hanno una vera e propria malformazione, si tratta comunque di un bassissimo numero di casi per una patologia già rara. Secondo gli studi sin qui effettuati il dolicocolon non ha alcun legame con l’età del malato. Quando si dimagrisce velocemente le pareti del colon colon si assottigliano senza una riduzione della sua lunghezza, questo porta ad un pericoloso attorcigliamento del colon che è la causa della stipsi.

Il dolicocolon in alcuni casi è un sintomo secondario di alcune malattie come il mixedema o conseguenza di intossicazioni a varie sostanze come la morfina o il piombo.

Diagnosi

Durante l’anamnesi viene verificato quanto il paziente è dimagrito e controllata la presenza o meno di smagliature sulla pancia; gli esami successivi vengono dai raggi x effettuati con il clisma opaco che avviene con una soluzione di contrasto. Nelle radiografie nei casi  di dolicocolon vengono evidenziate delle anse molto allungate che possono estendersi facilmente con movimenti anche improvvisi.

Terapia

Non esiste al momento una terapia anche invasiva per ridurre le dimensioni del colon in caso di dolicocolon, l’unica soluzione è quella di indurre il nostro intestino a reagire ai suoi sintomi. Quando i sintomi sono pochi e poco avvertibili non serve alcun trattamento specifico in quanto il problema regredisce spontaneamente. Negli altri casi bisogna intervenire, ecco quali sono gli interventi spesso semplici da adottare in caso di questo problema al colon.

  • Bere molta acqua durante il giorno, almeno 2 litri.
  • Mangiare molta frutta contenente molta acqua come meloni, pere ed angurie e verdure a fibra lunga che migliorano sensibilmente la motilità intestinale. Le fibre infatti assorbendo molta acqua rendono le feci più molli e quindi facilitano la loro espulsione.
  • Evitare che le feci ristagnino nell’intestino causando o peggiorando ulteriormente la stitichezza.
  • Consumare alimenti contenenti fermenti lattici vivi come lo yogurt magro, oppure fare ricorso ad integratori
  • In casi di persistenza della stitichezza è un ottima idea assumere integratori di fibre vegetali come guacamano o fucus o a base di alghe, tutti questi integratori migliorano considerevolmente il transito intestinale.

L’uso di fermenti lattici

Il nostro intestino come tutti sanno è ricco di flora batterica che è indispensabile per sintetizzare le vitamine, produrre sostanze antibatteriche, modulare il nostro sistema immunitario e produrre enzimi. Quando una delle specie che formano la flora batterica è eccessiva nei confronti delle altre si avranno dei problemi intestinali ed avremo una disbiosi, i fermenti lattici non fanno altro che riequilibrare la nostra flora batterica. La loro assunzione nella nostra alimentazione anche sotto forma di integratori è sempre utile non solo in caso di problemi come il dolicocolon.