Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Erba di grano: la salute in primo piano!

L’erba di grano apporta nell’organismo di chi la assume tanti ed importanti benefici, importanti soprattutto al giorno d’oggi poiché oggi gli stili di vita che una vita professionale e familiare ci impone non sono certo dei più salutari. Oggi la giornata media di un individuo medio è fatta di salti del pasto, pasti di discutibile salubrità, stress da appuntamenti, insomma, una vita di corsa, alternando panini con ristoranti.

L’erba di grano: la risposta sana ad una vita poco sana

L’erba di grano, con i suoi tanti benefici, è proprio la risposta “di salute” da dare a questa vita “poco salutare”: proviene dal grano (ma non solo, come vedremo di seguito), il cereale forse più diffuso al mondo e proprio l’atto della germinazione del grano, il momento in cui l’erba prende la vita dai semi del grano, è quello in cui il grano da all’uomo il meglio di se. Se si prende l’erba che nasce dai semi del grano, la si taglia al decimo / dodicesimo giorno di vita e la si spreme, si ottiene una sostanza che contiene tante risorse dalla enorme portata benefica per l’organismo dell’uomo.

Qui, in queste nostre pagine, abbiamo tanto parlato di prodotti della natura per la salute dell’uomo, dunque non poteva mancare la meritata menzione anche per l’erba di grano. Sarà, ci auguriamo, interessante, sapere quali siano le sue benefiche proprietà, quali siano nel dettaglio i suoi benefici come e dove reperirla e come assumerla.

Gli studi sull’erba di grano sono iniziati all’epoca degli antichi Romani, quindi è un integratore naturale le cui benefiche virtù sono conosciute da sempre, però poi, molto più recentemente, negli anni cinquanta, una ricercatrice americana, la D.ssa Ann Wigmore ne ha studiato le caratteristiche con i metodi scientifici che la tecnologia, nel frattempo, ha messo a disposizione dell’umanità, e ne ha confermato tutte le proprietà benefiche, dimostrandone anche l’azione purificante. Tant’è che oggi, negli Stati Uniti, il succo di erba di grano lo si trova facilmente in ogni coffe shop e pare che, a parte tutti gli altri effetti benefici che vedremo in seguito, esso sia anche il più potente artefice del riequilibrio del PH del corpo umano.

Anche se si utilizza il nome “erba di grano”, ovviamente non si fa riferimento solo al grano, ma anche il farro e l’orzo germogliati da 15 giorni circa concorrono alla produzione dell’erba di grano. L’erba di grano consente di fornire agli organismi umani tutti quegli elementi di cui essi hanno bisogno e nelle esatte proporzioni che la natura indica come equilibrate per gli uomini, e, volendo utilizzare termini d’altri tempi, essa potrebbe raffigurare quello che si potrebbe definire un “elisir di lunga vita”.

Caratteristiche e proprietà dell’erba di grano

L’erba di grano contiene in effetti moltissimi principi attivi utili se non indispensabili all’organismo dell’uomo, solo per ricordarne alcuni, partiamo dalle tantissime vitamine, iniziamo con la vitamina A, il beta carotene, poi le vitamine B, e, nel dettaglio, la B1, la B2, la B6, poi la PP, ed ancora la vitamina C e la vitamina E. Ma non finisce qui: presenti in gran quantità dei minerali fondamentali, quali lo zinco, il potassio, il magnesio, il rame, il fosforo, il ferro ed il calcio, ed ancora gli importantissimi acidi pantotenico e folico, i bio flavonoidi, i fondamentali antiossidanti quali il SOD, degli amminoacidi essenziali, degli enzimi attivi, ed ancora la clorofilla e dei sali minerali.

Gli enzimi e gli amminoacidi sono gli elementi che garantiscono il rinnovamento delle cellule e sono coinvolti in innumerevoli funzioni biologiche, come, ad esempio, la funzione di neutralizzazione delle tossine.

La clorofilla ed il suo potere disintossicante

La clorofilla svolge, come ormai sanno proprio tutti, le funzioni di ricarica d’energia della natura, come una sorta di batteria naturale che adempie alla trasformazione dell’energia che riceve dai raggi solari in una forma che tutti gli animali e l’uomo in primis possono utilizzare, non troppo lontana dall’emoglobina. Poiché l’erba di grano contiene anche molta clorofilla, e la clorofilla, come hanno dimostrato recenti studi condotti negli Stati Uniti, ha un forte potere disintossicante, ecco che l’erba di grano si presenta anche come un potente strumento di riequilibrio di tutte quelle funzioni dell’organismo che siano state alterate dalle malattie, dagli stress, dai ritmi della vita moderna, ecc. Pare, inoltre, che sia anche una fonte di ringiovanimento anche di natura estetica per i capelli e per la pelle.

Altri vantaggi indotti dall’erba di grano

Oltre a tutti i vantaggi fino a qui enumerati, riassumibili in due parole: fonte di energia e reintegro di vitamine, l’erba di grano riserva ancora tante positive sorprese a chi ne fa uso: riequilibra le carenze di natura nutrizionale, ripara i danni che ci causano i radicali liberi, da una sferzata di energia alla fertilità con la regolarizzazione del ciclo mestruale ed abbassando i livelli di FSH, rinforza robustamente il sistema immunitario, facilita i processi digestivi, aiuta a perdere peso se integrata nelle diete e aiuta i vegetariani ed i vegani a reintegrare la vitamina b 12 non assunta con le carni.

Se aggiungiamo a tutte queste proprietà benefiche anche i benefici che infonde grazie alla presenza della clorofilla, quindi il potere disintossicante (pulizia di tutte le tossine, prodotti chimici e sostanze inquinanti dall’organismo umano), antibatterico, immunostimolante ed alcalinizzante, ci rendiamo conto come l’erba di grano sia un “anti-età” dalle caratteristiche molto decise.

Controindicazioni dell’erba di grano

Controindicazioni dell’erba di grano

I germogli di grano e la “nostra” erba di grano sono controindicati per coloro che siano afflitti da una intolleranza al frumento. Non hanno, invece, alcuna controindicazione per quanto concerne i celiaci perché gli enzimi, durante il processo di germinazione, scindono il glutine negli amminoacidi singoli. L’erba di grano trova un suo utilizzo molto efficace nella prevenzione dei mal di denti e delle carie.

Erba di grano: come possiamo assumerla?

Abbiamo già parlato del succo di erba di grano, ottenuto per spremitura dell’erba tagliata dopo una decina / quindicina di giorni dalla germinazione, ma il succo non costituisce l’unica forma in cui assumere questo potente integratore: lo si trova in commercio anche sotto forma secca, in qualità di integratore alimentare. Nonostante ciò noi consigliamo di assumerla nella sua forma di succo in quanto conserva maggiormente le sue caratteristiche benefiche, sia sotto forma di efficacia e che sotto forma di dispensatore di energia; si pensi che soli trenta millilitri di succo hanno lo stesso valore di un chilo di verdura verde biologica. Il succo è parecchio dolce, motivo per il quale vi consigliamo di berlo a stomaco vuoto e con lenti sorseggi.

Le forme commerciali dell’erba di grano sono: succo già pronto da bere, imbottigliato come tutte le altre bevande, poi in compresse, oppure liofilizzato, in polvere.

Un piccolo trucchetto, tutto per voi, casomai non la troviate in commercio: coltivatevela da soli nella comodità di casa vostra!Prendete un vassoietto della larghezza che vi occorre, l’importante è che sia altro tra i cinque ed i sei centimetri. Poi inseriteci del terriccio biologico e, quindi, seminatevi i semini di grano, che sia anch’esso biologico. Innaffiate, e, se volete che il vostro grano “casalingo” cresca più velocemente, per i primi 2 giorni tenete il vassoietto coperto, in modo che non possa penetrarvi la luce.

Ad un certo momento inizierà a germogliare, e voi lo riporterete alla luce (sempre dentro casa, va benissimo, le temperature che si mantengono negli appartamenti, in genere tra i diciotto ed i venti gradi, sono ottime per la crescita del grano). Ricordatevi di tagliare l’erba dopo circa dieci / dodici giorni dalla germinazione e, ancora, ricordate che va assunta tra i quattro ed i cinque giorni prima che lo stelo vada incontro allo sviluppo indurendosi, per avere un’idea non fate superare agli steli i quindici / diciotto centimetri di altezza.