Escolzia, un papavero dalle mille qualità benefiche

125
escolzia

Il papavero Californiano o escolzia è una pianta comune in Nord e Sud America ed è usata tradizionalmente come sedativo e ansiolitico, può essere consumato come tisana.

Caratteristiche della piantacaratteristiche della escolzia

Il papavero Californiano o escolzia contiene sostanze chimiche che possono causare il rilassamento e sonnolenza con benefici per tutto il corpo. Le foglie sono profondamente tagliate, glabre e glauche, in gran parte basali, anche se alcuni crescono sullo stelo. I fiori hanno quattro petali gialli o arancioni, e crescono alla estremità dello stelo, da soli o in cima a molti fiore. I petali sono a forma di cuneo, formano un imbuto. I fiori si chiudono quando è maltempo. I semi sono piccoli e neri, mentre il fiore secerne un succo limpido incolore o arancione, che è leggermente tossico.

Uso terapeuticouso terapeutico dell'escolzia

Gli studi più recenti hanno confermato la sua azione sedativa ed ansiolitica. Vengono usate le parti di questo fiore nella medicina alternativa. Il papavero californiano è utilizzato per disturbi del sonno (insonnia), dolori, agitazione nervosa, enuresi notturna nei bambini, e le malattie della vescica e del fegato. Viene anche usato per favorire il rilassamento. In combinazione con altre erbe, il papavero Californiano è usato per la depressione, stanchezza a lungo termine mentale e fisica (nevrastenia), dolore neuropatico, diverse condizioni psichiatriche, problemi dei vasi sanguigni, la sensibilità ai cambiamenti del tempo, e sedativo. La combinazione di erbe tra le quali il papavero Californiano è anche utilizzata per il sonno e disturbi dell’umore associati alla malattia Foehn.

L’escolzia viene utilizzata per l’insonnia, sindrome da dolore (mal di testa, spasmi e coliche biliari). Si segnala inoltre l’uso come sedativo, pertosse. Le proprietà analgesiche e calmanti rendono l’escolzia utile nel trattamento di sindromi dolorose dell’apparato digerente e biliare ed emicrania.

Grazie a queste proprietà la pianta è utile nei disturbi del sonno accompagnati da crampi (miglioramento del microcircolo e dell’azione spasmolitica sulla parte dei flavonoidi) e manifestazioni dolorose.

La storiaescolzia: la storia

L’escolzia è stata utilizzata per combattere artralgie, mialgie, neurite e sciatica. Questa pianta è stata raccolta per la prima volta vicino a San Francisco da Adalbert Chamisso che ha voluto dedicare questa scoperta al compagno di viaggio e capo della spedizione scientifica, che ha avuto luogo in America nei primi anni del XIX secolo, JF Eschscholtz, botanico russo ed entomologo.

In realtà, nativa della California, è stata introdotta in Europa agli inizi del 1800 come pianta decorativa per la bellezza del suo fiore. Gli indiani d’America e i primi coloni del Nord America usavano le foglie come verdura, bollite o cotte su pietre calde. E ‘stata utilizzata come medicamento per la colica intestinale, biliare, per i mal di denti e anche per ridurre i problemi da allattamento, mentre internamente, viene usata contro le ulcere.

Principi attivi del papavero californianoprincipi attivi dell'escolzia

Il papavero Californiano o escolzia contiene alcaloidi, isochinolina, glicosidi flavoni (tra cui rutina, quercetina e isorhamnetin) carotenoidi e olio essenziale. Esso agisce come un sedativo, analgesico, antipiretico, antispasmodico, ansiolitico, timolettico, antistaminico e stimolante uterino.

È un’erba eccellente per il sistema nervoso e può essere pensata come un calmante per le forti mozioni e un rimedio per periodi di stress; la ricerca ha confermato sue proprietà sedative e ansiolitiche. E ‘adatto per calmare i bambini e gli adulti, contribuendo a ridurre l’ansia e la tensione nel corso della giornata e indurre il sonno durante la notte, senza effetti collaterali di sonnolenza o torpore. Può essere utilizzato per alleviare la depressione, irrequietezza e agitazione, ed è particolarmente buono per le persone che hanno difficoltà a lasciarsi andare e rilassarsi e spingono se stessi troppo in là, spesso fino al punto di esaurimento.

La sua azione antispasmodica rilassa i muscoli in tutto il corpo e lo rende un rimedio utile per calmare testa, dolori muscolari e il trattamento di problemi intestinali legati allo stress, IBS, coliche e dolori della cistifellea. Può essere utilizzato anche per alleviare tensione da mal di testa ed è eccellente per trattare enuresi nei bambini, asma e tosse spasmodica dove c’è un elemento di stress; infatti può essere aggiunto a prescrizioni per un’ampia varietà di condizioni legate allo stress. Il papavero Californiano o escolzia calma il sistema nervoso e quindi influenza il cuore e la circolazione. Rallenta i battiti cardiaci in modo del tutto naturale, allevia palpitazioni, e riduce la pressione sanguigna.

Le proprietà utili per il sistema nervoso

Le proprietà d’aumento cognitive del papavero della California possono essere utili nel trattamento dei disturbi comportamentali come ADD, ADHD nei bambini e nei giovani adulti. È stato anche utilizzato per migliorare la capacità intellettuale, la memoria e la concentrazione negli anziani. Rudolf Weiss afferma che l’effetto del papavero Californiano o escolzia è di stabilire un equilibrio, e non è affatto narcotico. Vale la pena utilizzarlo quando si cerca di ritirarsi dalla dipendenza da alcool, droghe, farmaci ortodossi o il tabacco. È stato anche dimostrato che è capace di inibire la degradazione enzimatica di catecolamine, tra cui la dopamina beta-idrossilasi e monoamino ossidasi (MAO-B), così come la sintesi di adrenalina.

Come usarlo

il papavero Californiano o escolzia può essere assunto come tisana e tintura oppure applicato esternamente in lozioni e unguenti per placare il dolore, tra cui mal di testa tensione, emicrania, mal di denti, nevralgie, sciatica, mal d’orecchi, mal di schiena, dolori artritici, sciatica e il dolore di herpes zoster. Come un antimicrobico può essere applicato a tagli e graffi per alleviare il dolore e minimizzare il rischio di infezione. Con la sua azione aiuta anche a ridurre gli spasmi ed il dolore nel basso addome e quindi può essere utilizzato per alleviare le coliche e dolori mestruali. L’ escolzia è meglio evitarla durante la gravidanza e l’allattamento al seno ed è controindicata nel glaucoma. Non dovrebbe essere assunto con MAO, tranquillanti, deprimenti del SNC (ad esempio, alcool, oppiacei, benzodiazepine, anestetici, antidepressivi triciclici, antiepilettici), e Pentobarbital.