Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Flexiban: a cosa serve, posologia ed effetti collaterali

Flexiban è un farmaco al cui interno si trova il principio attivo ciclobenzaprina cloridrato. Si tratta di un medicinale miorilassante, in grado di provocare un’azione rilassante sulla muscolatura.

Flexiban viene utilizzato anche per dare sollievo contro una tensione elevata e che provoca dolore derivante dai muscoli, meglio conosciuta come spasmo muscolare. Si tratta di una tensione che spesso supera la soglia del dolore e provoca notevoli problematiche. Ciò si verifica nel caso in cui i muscoli subiscano dei danni per colpa di traumi, strappi muscolari, compressione di un nervo che fa parte della colonna vertebrale nella zona del collo (o anche semplicemente un’irritazione) o della zona più bassa della schiena.

I danni ai muscoli possono derivare anche ad patologie che colpiscono le articolazioni, come l’artrosi, così come da patologie del tessuto fibroso.

Posologia

Flexiban a cosa serve

Sarà il medico a suggerire un impiego corretto ed equilibrato in base alle condizioni di salute del paziente. In base alla patologia che bisogna contrastare, infatti, la dose può variare tra una soglia minima di 20 mg ogni giorno e una soglia massima pari a 40 mg ogni giorno. È fondamentale non andare oltre la dose pari a 60 mg al giorno.

Controindicazioni

Non bisogna utilizzare questo medicinale nel caso in cui il soggetto soffra di allergia o ipersensibilità rispetto alla ciclobenzaprina o a uno dei vari eccipienti. Inoltre, non deve essere impiegato nel caso in cui il soggetto sia in cura con uno dei farmaci che vengono definiti come inibitori delle MAO, ovvero quelli che sono impiegati per la cura della depressione. Se ne sconsiglia l’impiego anche a distanza di meno di due settimane dall’ultima assunzione di quest’ultima categoria di farmaci. Meglio evitare l’uso di Flexiban anche quando il soggetto soffre di disturbi e problematiche al cuore: ad esempio è stato colpito da un infarto, da aritmie, soffre di disturbi legati alla conduzione o allo scompenso congestizio, così come soffre di blocco atrio-ventricolare. Altrettanto importante sconsigliare l’impiego di Flexiban quando il soggetto soffre di un disturbo della tiroide, ipertiroidismo.

Precauzioni per l’uso

Prima di iniziare qualsiasi tipo di trattamento a base di Flexiban è fondamentale chiedere un parere al proprio medico. La richiesta di un consulto deve essere obbligatoria quando il soggetto soffre di problematiche al cuore o alla circolazione sanguigna (come ad esempio infarto del miocardio e tachicardia sinusale). Il consiglio del medico è d’obbligo anche quando il soggetto ha avuto un ictus, oppure soffre di ritenzione urinaria e presenta notevoli difficoltà nell’urinare, ma anche quando ha dei disturbi agli occhi, come ad esempio un incremento della pressione oculare oppure un glaucoma ad angolo chiuso.

Bambini

L’uso di questo farmaco miorilassante non è consigliato nei bambini, ma anche in tutti i ragazzi che hanno meno di 15 anni, soprattutto in virtù del fatto che non si è a conoscenza degli effetti precisi di Flexiban su questa particolare categoria di soggetti.

Interazioni

Esistono dei farmaci che possono andare ad alterare l’effetto garantito da questo farmaco miorilassante, così come ci sono degli alimenti che possono disturbarne l’azione. Tra i medicinali che possono interferire sull’azione svolta da Flexiban troviamo sicuramente i farmaci inibitori delle MAO, ma anche i barbiturici (che sono quei farmaci che vengono utilizzati per il trattamento dell’insonnia e per la cura dell’epilessia), così come altri medicinali che vanno a svolgere la loro azione direttamente sul sistema nervoso. Per quanto riguarda l’interazione di Flexiban con gli alimenti o con le bevande, l’unico suggerimento è quello di evitare il consumo di bevande alcoliche durante il trattamento con questo medicinale, dato che può incrementarne gli effetti.

In gravidanza

Flexiban in gravidanza

Nel momento in cui la paziente sia in gravidanza oppure durante la fase dell’allattamento con il latte materno, è sempre meglio chiedere un suggerimento al medico o al farmacista prima dell’assunzione di Flexiban. In ogni caso, a meno di prescrizione da parte del proprio medico, è meglio non utilizzare questo miorilassante durante la gravidanza, mentre grande prudenza dovrà essere usata nel corso dell’allattamento.

Alla guida

L’impiego di questo miorilassante è in grado di provocare una perdita di attenzione e una maggiore sensazione di stanchezza. Per questo motivo si sconsiglia di usare dei macchinari di precisione nel corso del trattamento, così come è meglio anche non mettersi alla guida subito dopo l’assunzione. All’interno di Flexiban c’è del lattosio e, di conseguenza, in caso di allergia o intolleranza è sempre meglio chiedere un parere al medico.