Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Funghi prataioli, come distinguerli, coltivarli e cucinarli con successo

I funghi prataioli sono funghi nativi delle praterie in Europa e Nord America. Ha due stati di colore: mentre sono immaturi sono bianchi oppure marroni. Il loro nome varia in base al colore.

I funghi prataioli sono funghi nativi delle praterie in Europa e Nord America. Ha due stati di colore: mentre sono immaturi sono bianchi oppure marroni. Il loro nome varia in base al colore.

Quando sono maturi, sono noti come funghi portobello, spesso abbreviati solo in “portobello”. Quando immaturi e bianchi, questi funghi possono essere conosciuti come funghi comuni, fungo pulsante, fungo bianco, funghi coltivati, tavolo di funghi e funghi champignon. Quando immaturi e marroni, questi funghi possono essere conosciuti variamente come funghi svizzeri marroni, il fungo marrone romano, marrone italiano, i funghi italiani, cremini, il fungo berretto marrone o i funghi di castagno. Questa specie di funghi si chiamano Agaricus bisporus e sono coltivati in oltre settanta paesi, ed è una specie di funghi tra le più consumate abitualmente e ampiamente nel mondo.

Come riconoscere i funghi prataioli

I funghi prataioli possono innanzitutto essere riconosciuti per il loro cappello, particolarmente carnoso e con una colorazione variabile che va dal bianco al rosso-bruno. La sua forma è di “globo” quando è giovane, mentre man mano che “invecchia” si espande gradualmente, tanto che negli esemplari più adulti il diametro può raggiungere i 10 centimetri.

Sotto il cappello potete scorgere delle lamelle con colore biancastro. In seguito, con la maturazione delle spore, il loro colore passa dal rosa al viola, per poi divenire quasi nere al termine della crescita del fungo.

La carne è bianca, di ottima consistenza, di odore e sapore gradevole. Una volta che viene tagliata ed entra a contatto diretto con l’aria, assume un colore rosaceo, e quasi rosso in alcune zone.

La tossicità e le specie simili ma velenose

Il fungo prataiolo ha una complicata storia tassonomica. Questo fungo si trova comunemente in tutto il mondo. nei campi e zone erbose seguendo la pioggia, dalla tarda primavera all’autunno, soprattutto in associazione con il letame. E’ ampiamente raccolto e mangiato, anche da coloro che normalmente non sono grandi esperti di caccia ai funghi. Il fungo comune potrebbe essere confuso con i giovani esemplari dell’angelo velenoso mortale, l’amanita. Ma questa può essere distinta dalla loro volva o coppa alla base del fungo e branchie bianco puro. Così è sempre importante eliminare i detriti, esaminare la base di tali funghi simili, così come il taglio di esemplari giovani aperti per controllare le branchie. Inoltre, l’angelo distruttore cresce nei boschi di muschio e vive in simbiosi con l’abete rosso.

tossicità dei funghi prataioli

Coltivare funghi prataioli

Se si vogliono far crescere un numero considerevole di funghi prataioli, bisogna scegliere il proprio compost. La qualità del compost di funghi ha un grande effetto sul successo di una coltura. Un’operazione a tre stadi è normalmente utilizzata nella produzione compost di funghi:

  • Fase 1. (Pre-condizionamento)

Le materie prime sono mescolate, inumidite e consentite a subire una certa decomposizione iniziale in un gran mucchio. Una miscela di letame e paglia di solito costituisce la maggior parte del compost. Mantenere il terreno umido ma non troppo bagnato durante questa fase. Per ogni 100 kg di paglia e letame aggiungere 1,5 kg di gesso e 1 2 kg di urea o solfato di ammonio. Se il compostaggio è avvenuto con successo, il centro del mucchio si surriscalderà e il suo colore si scurirà entro due settimane.

coltivazione dei funghi prataioli

  • Fase 2. (Compostaggio)

La decomposizione è ora accelerata ruotando il mucchio ogni 2-3 giorni con acqua quanto è necessario per mantenerlo umido.

  • Fase 3. (La punta riscaldata)

Dopo 2 o 4 settimane, il compost viene spostato al chiuso (in un capannone) in cui sono meglio controllate le temperature e il contenuto di ossigeno, per completare il compostaggio. La temperatura deve essere mantenuta tra i 40 e i 60 gradi centigradi nel mucchio. Questo viene fatto facendo un mucchio più piccolo o più grande, girando frequentemente e controllando la temperatura accuratamente con un termometro. A queste temperature dovrebbe verificarsi la pastorizzazione, uccidendo insetti nocivi e affini. Al termine di questa fase, il compost sarà uniforme, con una consistenza non grassa e sarà marrone scuro. Non ci dovrebbe essere alcuna traccia di odore di ammoniaca.

deposizione delle uova funghi prataioli

La deposizione delle uova

E’ un sofisticato processo scientifico, e quindi la maggior parte dei coltivatori di funghi non produce da solo la propria progenie. Lo comprano da pochi, produttori specializzati che sono in grado di mantenere gli standard e garantire la freschezza. La deposizione delle uova varia di colore a seconda dell’età.

La crescita

I miceli che crescono in tutto il compost, dopo la deposizione delle uova è la fase di crescita vegetativa del fungo. Oggi i funghi commestibili sono il palcoscenico e la fruttificazione della crescita, e come tale, non cominciano a formarsi finché non succede qualcosa per stimolare la ripresa vegetativa dalla formazione del corpo fruttifero. Mettendo uno strato di materiale (il processo è chiamato involucro), sopra la parte superiore del compost, questo cambiamento richiesto stimola i funghi che cominciano a formarsi.

Ci sono molti materiali diversi che possono essere utilizzati: carta macero, compost, sterco di vacca, vecchio compost di funghi / utilizzato, torba e sfagno muschi, o le miscele di uno di questi.

Il terriccio è di solito ad alto contenuto di materiale organico, e dovrebbe essere privo di parassiti e malattie (idealmente sterilizzato).

Parassiti e malattie

Una vasta gamma di malattie, parassiti e di insetti può attaccare i funghi. La prevenzione è il modo migliore per controllare i parassiti e le malattie nei funghi. E ‘assolutamente indispensabile per mantenere la zona di produzione pulita. Utilizzare strumenti puliti e attrezzature, compost pulito e puro, incontaminato da spore, proveniente da una fonte affidabile. Se compare un segno di un parassita o di malattia, deve essere controllato immediatamente, come troppo spesso, le condizioni ideali per la crescita di funghi sono le stesse condizioni che sono l’ideale per la rapida diffusione del parassita o il problema della malattia.

Dove trovare i funghi prataioli

dove trovare i funghi prataioli

Come intuibile, e come suggerisce la stessa parola, il fungo prataiolo si può facilmente trovare nei prati, dall’estate fino all’autunno. Vive in ampie colonie che spesso formano una forma circolare. Non esistono regioni in cui non si possa cogliere questo ottimo fungo, sia in pianura che in montagna, ma non oltre i 2.000 metri di altitudine.

Come cucinare i funghi prataioli

I funghi prataioli sono sicuramente più prelibati se si preparano e se si consumano appena colti, o comunque nell’arco di qualche ora. Tuttavia, se vengono bene avvolti in una pellicola trasparente, e vengono posti in frigorifero, i funghi prataioli hanno una resistenza anche di qualche giorno.

Per poterli mondare, è consigliabile eliminare con un coltellino la parte terrosa dei gambi. Successivamente, è possibile pulire i funghi con uno strofinaccio umido, oppure attraverso un procedimento più rapido, che prevede il lavaggio rapido dei funghi, strofinandoli sotto acqua fredda corrente e, subito dopo, una seconda fase di asciugatura.

A questo punto, dovete scegliere che “destino” riservare ai vostri funghi prataioli. Per esempio, sono ottimi se vengono affettati e cotti velocemente in burro caldo, cospargendo poi fuori dal fuoco il fungo con del prezzemolo tritato e del limone, oppure si può finire di cuocere con della panna liquida, che si può poi integrare al recipiente di cottura e addensare sul fuoco vivo: ottimi come contorno di secondi di carne o piatti a base di uova.

Ancora, i funghi prataioli possono essere tritati e poi soffritti nel burro: così facendo, potete poi integrarli a una buona besciamella, facendone una salsa prelibata da condimento per preziosi primi, oppure per realizzare un ripieno per il pollo. Potete inoltre impastare i funghi prataioli con burro, sale e pepe, utilizzando il composto così creato per poter condire o per poter guarnire delle bistecche o delle uova.

Se il fungo è sufficientemente adulto, potete prendere la sua cappella, ungerla con olio o con del burro fuso, e cuocerla poi per circa 6-8 minuti, girandola una volta, sopra una griglia con fuoco di braci o sotto il grill del forno. Si possono dunque servire, con l’incavo girato verso l’alto e riempito a sua volta con del burro ai funghi per un risultato davvero eccezionale, che non mancherà di stupire i vostri commensali.

Ricordate anche che i funghi prataioli, affettati, possono essere serviti altresì crudi, magari con dell’ottimo condimento di olio, succo di limone o aceto, sale e pepe.