f_14587486633_l

L’ idrocortisone è una sostanza che viene usata come principio attivo di diversi farmaci pomata per essere utilizzati ad uso topico nel caso di problemi alla pelle: infiammazioni, eczemi, eritemi etc.

Che cos’è l’ idrocortisone

L’ idrocortisone è contenuto in molte pomate ad uso farmaceutico tipico. Questa sostanza appartiene alla famiglia dei cortisonici o corticosteroidi ed è usato per il trattamento di disturbi della pelle come eczemi, per la riduzione della risposta immunitaria della pelle responsabile della reazione allergica, oppure anche sulla pelle irritata successivamente a punture di insetti, irritazioni da raggi uv solari, per eritemi, scottature di lieve entità, orticaria, per placare prurito e arrossamento e altre condizioni patologiche (come la dermatite atopica). Essa può ridurre i classici segni di allergia e limitare il prurito dato da molti disturbi della pelle. L’ idrocortisone è una sostanza cortisonica che ha un azione più leggera rispetto al vero e proprio cortisone, per questo si può utilizzare anche in età pediatrica.

idrocortisone

Come funziona

L’ idrocortisone viene usato sulla pelle in modo topico e ha la capacità di persistere nella zona interessata distribuendosi tra i vari strati cutanei e raggiungendo solamente in piccola percentuale il derma, sede di eventuale assorbimento sistemico. Anche se ha proprietà farmaco-cinetiche l’ idrocortisone funziona come gli altri principi a base di corticosteroidei. Nello specifico agisce efficacemente:

  • nell’inibire la serie di eventi molecolari che conducono alla sintesi di citochine, responsabili dell’infiammazione e della flogosi;
  • nella riduzione del grado di attivazione degli elementi cellulari che vi sono in quella zona
  • nella riduzione del richiamo di cellule della flogosi e di mastociti responsabili dei sintomi edematosi e pruriginosi tipici di queste lesioni

dermatite-allergica

Modo d’uso

L’ idrocortisone in pomata si applica una o due volte al giorno sulla parte lesa per periodi limitati, in modo da evitare di sviluppare sensibilità nei confronti del farmaco. Prima di applicare l’ idrocortisone in crema è opportuno lavare innanzitutto la parte del corpo interessata. Applicare poco prodotto alla volta, in modo che la quantità sia sufficiente a ricoprire bene la parte da trattare. Proseguire massaggiando, se possibile e non arreca troppo dolore, in modo da favorire l’assorbimento della crema. Se non si riesce a massaggiare lasciare in posa assicurandosi che sia tutto ben coperto di crema.

La frequenza con la quale somministrare l’ idrocortisone e la durata del trattamento deve essere stabilita dal medico curante. È meglio non coprire la parte lesa con la crema con bendaggi oppure materiali plastici, a meno che non sia un’operazione esplicitamente prescritta. È meglio evitare di applicare  la crema all’ idrocortisone su verruche o herpes e ovviamente di evitare la zona degli occhi, del viso, della parte genitale e rettale e nelle pieghe della pelle. In caso ci si dimentichi di un applicazione, provvedere al più presto, se tuttavia il momento della dose successiva è ravvicinato, attendere e applicare quella al momento giusto, seguendo normalmente lo schema indicato dal medico: non assumere doppia dose comunque.

Effetti collaterali

Anche l’ idrocortisone, come altri medicinali e come tutti i cortisonici, può dare effetti collaterali sgradevoli, anche se nelle terapie locali sono eventi rari. Si va dal rash cutaneo, alla sensazione di bruciore, al prurito, all’arrossamento e alle reazioni allergiche sino al rischio di assorbimento sistemico. È bene infatti tenere presente che per esempio sul volto l’assorbimento è maggiore in confronto al resto del corpo. La sostanza può aumentare la suscettibilità della cute a infezioni o aggravare queste qualora siano già esistenti. In linea di massima questo farmaco comunque è ben tollerato. L’ idrocortisone può far comparire striature, assottigliamento o dare altri disturbi cutanei dopo trattamenti prolungati. In tal caso avvertire subito il medico o il farmacista.

fono1

Controindicazioni

L’ idrocortisone è sconsigliato se sulla cute lesa è presente un’infezione, perché questa potrebbe peggiorare invece che migliorare poiché il cortisone ha proprio la funzionalità di ridurre la risposta immunitaria. Per questo anche se l’ idrocortisone viene venduto anche senza ricetta medica, è sempre opportuno chiedere consiglio al medico.

Avvertenze

Quando andate dal medico e vi consiglia un farmaco a base di idrocortisone è bene lo informiate su tutti i farmaci che state assumendo in concomitanza, segnalando se si soffre per esempio di cataratta, di glaucoma, allergie a medicinali o alimenti. Segnalate lui anche se siete in gravidanza o se state allattando, in tal caso non applicate l’ idrocortisone sul capezzolo prima della poppata, perché sarebbe ingerito dal neonato. Non sono note in questo momento interazioni farmacologiche significative, anche se è importante sapere che assumendo in concomitanza farmaci che inibiscono il sistema citocromiale è possibile che la concentrazione ematica di corticosteroidi può essere aumentata.

img1

È opportuno non usare mutande di plastica su bambini a cui è stato applicato l’ idrocortisone, soprattutto se è stato usato per trattare per esempio un’irritazione da pannolino: l’assorbimento infatti può aumentare il rischio di comparsa di effetti indesiderati. L’uso dei corticosteroidi durante la gravidanza e anche l’allattamento è sempre sconsigliato visti i rischi che vi sono per la salute del feto e del lattante in relazione all’assorbimento sistemico del prodotto. Va prestata inolte molta attenzione in caso i pazienti abbiano età pediatrica, perché sono maggiormente sottoposti al rischio di inibizione dell’asse ipotalamo ipofisi surrene, con conseguenze gravi e scompensi organici.

Conservazione

L’ idrocortisone deve essere conservato a temperatura ambiente, in un contenitore ben chiuso. È meglio non usare il farmaco se l’etichetta indica come scadenza una data già passata. Tenere il farmaco lontano dalla portata dei bambini. Anche per questa pomata vale la regola che è meglio conservarla nella confezione originale e con il suo foglietto illustrativo.

ricerca_27_76611

Farmaci che contengono idrocortisone come principio attivo

Locoidon (crema, unguento, soluzione cutanea idroalcolica, emulsione cutanea)

Colifoam (schiuma rettale, unguento)

Mediflox (gocce auricolari)

Cortison chemicetina (unguento)

Idracemi eparina (soluzione liquida collirio, unguento)

Idrocortisone acetato ecobi (crema)

Solu-cortef (soluzione iniettabile)

Flebocortid Richter (soluzione iniettabile)

Argisone (gocce oftalmiche)

Cortinal (aerosol)

Idrocet (gocce oftalmiche)

Vasosterone (collirio, gocce bambini e adulti)

Mixotone (gocce auricolari)

Mictasone (supposte)

Kinogen (fiale iniettabili vaginali)

Proctosedyl (supposte)

Foille insetti

Proctidol

Prepacorth (crema)

Dermocortal (crema)

Proctosoll (crema rettale)

Scalpicin (soluzione dermatologica)

Idrocortisone neomicina (crema)