Intossicazione alimentare: sintomi e cure possibili

Microrganismi portatori di infezioni, tra i quali possiamo annoverare molte specie di batteri ed anche virus ed alcuni parassiti (o anche le loro tossine) rientrano tra le cause più frequenti di intossicazione alimentare.

Tipicamente i cibi poco cotti possono essere a rischio di contaminazione ad opera dei microrganismi che abbiamo menzionato più sopra. Anche un trattamento degli alimenti non corretto può essere la “porta” che si apre per questi microrganismi che infetteranno il nostro cibo.

Normalmente i sintomi da intossicazione alimentar più comuni sono la diarrea, la nausea che può portare anche al vomito. La sintomatologia può presentarsi anche poche ore dopo l’ingestione di alimenti contaminati.

Il più delle volte l’intossicazione alimentare non assume i contorni di un grave disturbo e tende a risolversi autonomamente, ciò non significa che, anche se molto più raramente, non possano verificarsi intossicazioni più gravi che possono anche richiedere l’ospedalizzazione, a volte anche d’urgenza.

Sintomi

I sintomi di una intossicazione alimentare possono variare a seconda del microrganismo che ha contaminato gli alimenti. Più spesso di altre sintomatologie, quella che si presenta è costituita da diarrea di tipo acquoso, nausea che sfocia molto spesso nel vomito, dolori all’addome e crampi alla stessa regione, stato febbrile.

Questi sintomi possono iniziare ad aver luogo da poche ore dopo l’ingestione dei cibi contaminati, come anche giorni o, addirittura, settimane dopo. La durata media della sintomatologia da intossicazione alimentare varia da uno a dieci giorni. E’ indispensabile richiedere subito una visita medica nei casi in cui:

  1. Si ripetano con una certa frequenza episodi di vomito tali da provocare una disidratazione per la perdita della capacità di conservare i liquidi;
  2. Il vomito sia di tipo ematico (presenza di sangue nei liquidi rigettati);
  3. La diarrea sia di elevata gravità e si prolunghi per più di 3 giorni;
  4. VI sia la presenza di sangue nelle feci;
  5. Il dolore ed i crampi siano estremamente dolorosi;
  6. La febbre raggiunga temperature superiori ai trentotto gradi e mezzo;
  7. Si verifichino segni evidenti di disidratazione (sete molto superiore al normale, minzione del tutto o quasi del tutto assente, debolezza grave, capogiri o vertigini);
  8. Si riesca a parlare con difficoltà;
  9. Si riesca a deglutire con difficoltà;
  10. SI vedano le immagini sdoppiate;
  11. Si avverta una grave debolezza a livello muscolare.

Se si avvertono uno o più di questi sintomi potrebbe rendersi ampiamente consigliabile recarsi prontamente al pronto soccorso più vicino.

Cause

Cause intossicazione alimentare

In qualsiasi fase del processo produttivo di un alimento è possibile che possa avvenire la contaminazione: quando lo si coltiva, quando lo si raccoglie, quando lo si elabora, quando lo si conserva, quando lo si spedisce e poi, nelle nostre case, quando lo si prepara.

La scheda seguente ci mostra molti degli agenti virali, batterici o parassitari che possono provocare una intossicazione alimentare:

Elemento contaminanteComparsa sintomatologiaAlimenti e mezzi di trasmissione
Vibrio vulnificus1 a 7 giorniOstriche e cozze crude
Clostridium botulinum12 a 72 oreCibi in scatola mal conservati
Clostridium perfringens8 a 16 oreCarni, stufati e sughi.
L’epatite A28 giorniCibo infetto, spesso crudo o acqua
Norovirus12 a 48 oreFrutti di mare di acque contaminate
Staphylococcus aureus1 a 6 oreCarni e insalate
Salmonella1 a 3 giorniCarne cruda o contaminata
Giardia lamblia1 a 2 settimaneCibi crudi, acqua contaminata
Campylobacter2 a 5 giorniCarne e pollame
Listeria9 a 48 oreHot dog, carni in scatola
Shigella24 a 48 oreFrutti di mare crudi
Escherichia coli1 a 8 giorniManzo contaminato
Rotavirus1 a 3 giorniCibi crudi

Fattori di rischio

Le “famiglie” di individui più esposte ai rischi di un’intossicazione alimentare sono:

  1. Le persone anziane: più ci si spinge in là con gli anni e più il sistema immunitario risponde lentamente o, a volte, non risponde proprio, all’attacco di batteri, virus o agenti parassitari;
  2. Le donne in stato interessante: durante una gravidanza le mutazioni metaboliche e circolatorie possono esporre il soggetto ad un rischio più alto di intossicazione alimentare;
  3. Lattanti e bimbi molto piccoli: il sistema immunitario dei più piccoli non è ancora arrivato a completa maturazione e questo lo rende meno attivo nei confronti degli agenti patogeni esterni;
  4. Individui con malattie croniche: alcune malattie cronicizzate, quale può essere, ad esempio il diabete, piuttosto che una malattia epatica o l’ AIDS, riduce notevolmente le capacità del sistema immunitario.

Possibili complicazioni

Tra le complicanze più frequenti in caso di intossicazioni alimentari troviamo sicuramente la disidratazione, consistente in una perdita sensibile di liquidi e sali minerali essenziali. Se la disidratazione colpisce un individuo adulto sano la si può combattere bevendo a sufficienza per l’integrazione totale dei liquidi persi, al contrario i bambini o le persone anziane o, comunque, i soggetti con evidenti deficienze immunitarie possono andare incontro a disidratazioni non recuperabili semplicemente bevendo più del solito e può rendersi necessaria l’ospedalizzazione. Si tenga SEMPRE presente che una grave disidratazione può avere conseguenze letali.

La diagnosi

Questo tipo di intossicazioni vengono spesso diagnosticate in base al tipo di sintomatologia. Probabilmente il medico andrà prima di tutto alla ricerca di sintomi da disidratazione.

A seconda della sintomatologia riscontrata ed alla anamnesi del paziente, il medico potrebbe essere indotto a chiedere degli esami clinici, quali ad esempio una emocultura, un’analisi delle feci o altri esami idonei alla ricerca di eventuali parassiti. Solo così, a volte, si può individuare la causa di una intossicazione alimentare.

Possibili cure

I possibili trattamenti dipendono in larga misura dall’origine della intossicazione e dalla gravità della sintomatologia. Normalmente ed in casi non gravi il disturbo si risolve autonomamente in pochi giorni e senza cure, anche se talvolta il disturbo può durare anche più di sette giorni.

Innanzitutto una buona terapia dovrà includere la reimmissione dei liquidi persi e degli elettroliti (sodio, calcio e potassio).

Poi i giusti antibiotici, nel caso l’intossicazione sia di natura batterica e la sintomatologia sia grave.

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Roberta Gammella.
Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E’ registrata all’Ordine Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli e Provincia