Isterectomia totale, un operazione chirurgica spesso inevitabile

Un intervento di isterectomia è una procedura chirurgica per rimuovere l'utero femminile. L'utero, noto anche come il grembo materno, è dove il feto si sviluppa sino alla sua nascita.

180
Isterectomia totale

Un intervento di isterectomia è una procedura chirurgica per rimuovere l’utero femminile. L’utero, noto anche come il grembo materno, è dove il feto si sviluppa sino alla sua nascita. Il rivestimento uterino è la fonte del sangue mestruale. Potrebbe essere necessario un intervento di isterectomia per molte ragioni. La chirurgia può essere usata per trattare una serie di condizioni di dolore cronico, così come alcuni tipi di cancro e le infezioni.

Perché viene effettuata una Isterectomia?

Questo intervento viene effettuato per varie ragioni, trattare stati di dolore cronico, alcuni tipi di cancro oppure delle infezioni che possono essere anche molto pericolose.

L’estensione di un intervento di isterectomia varia a seconda del motivo per l’intervento chirurgico. Nella maggior parte dei casi, l’intero utero viene rimosso ( Isterectomia totale). Il medico può anche rimuovere le ovaie e tube di Falloppio durante la procedura. Le ovaie sono gli organi che producono estrogeni e altri ormoni. Le tube di Falloppio sono le strutture che trasportano l’uovo dall’ovaio verso l’utero. L’intervento di isterectomia se accompagnato dalla rimozione delle ovaie porta ad una immediata menopausa ed anche ad impossibilità di concepire.

Il medico può suggerire un intervento di isterectomia in questi casi:

  • Dolore pelvico cronico.
  • Sanguinamento vaginale incontrollabile
  • Cancro dell’utero, della cervice, o delle ovaie.
  • Fibromi, che sono tumori benigni che si sviluppano nell’utero.
  • Malattia infiammatoria pelvica, che è una grave infezione degli organi riproduttivi.
  • Prolasso uterino, che si verifica quando l’utero scende attraverso la cervice e sporge dalla vagina.
  • Endometriosi, che è un disturbo in cui il rivestimento interno dell’utero cresce al di fuori della cavità uterina, causando dolore e sanguinamento.

E’ prevista isterectomia anche con adenomiosi, che è una condizione in cui il rivestimento interno dell’utero cresce nei muscoli dell’utero.

Quali alternative all’isterectomia?

In ginecologia l’intervento di isterectomia è la seconda procedura chirurgica più comune eseguito sulle donne nel mondo. E’ considerata sicura ed una chirurgia a basso rischio. Tuttavia, un intervento di isterectomia può non essere la soluzione migliore per tutte le donne. Non dovrebbe essere eseguita su donne che ancora vogliono avere figli a meno che non esistano alternative. In molti casi è possibile non effettuare un’isterectomia grazie a terapie diverse. La terapia ormonale ad esempio può essere utilizzata per il trattamento dell’endometriosi. I fibromi possono essere trattati con altri tipi di interventi chirurgici meno invasivi che risparmiano l’integrità uterina. In alcune circostanze, tuttavia, l’isterectomia è un intervento inevitabile. Di solito è l’unica opzione per il trattamento del cancro al collo dell’utero.

Diversi tipi di isterectomia.

Isterectomia parziale: durante questo tipo di intervento il medico rimuove solo una parte dell’utero lasciando la cervice intatta. Invece nel caso della isterectomia totale, il medico rimuove l’intero utero, compresa la cervice. Il Pap test annuale se il collo dell’utero viene rimosso diviene un’esame inutile. Tuttavia, si dovrebbe continuare ad avere regolari esami pelvici.

Tipi di interventi chirurgici.

L’isterectomia può essere eseguita in vari modi. Tutti i metodi richiedono l’anestesia generale o locale. Un anestetico generale farò dormire la paziente durante tutta la procedura.. Un anestetico locale farà intorpidire il corpo sotto il punto vita, ma farà rimanere sveglio la paziente durante l’intervento. Quest’ultimo tipo di anestetico a volte può essere combinato con un sedativo, che aiuterà a creare sonnolenza e a fare sentire rilassata la paziente durante l’intervento.

Isterectomia addominale.

Nel corso di un intervento di isterectomia addominale, il medico rimuove l’utero attraverso un grande taglio sull’addome. L’incisione può essere verticale o orizzontale. Entrambi i tipi di incisioni tendono a guarire bene e facilmente senza traumi.

Isterectomia vaginale.

Durante una isterectomia vaginale, l’utero viene rimosso attraverso una piccola incisione praticata all’interno della vagina. Non ci sono tagli esterni, quindi non ci saranno cicatrici visibili.

Isterectomia laparoscopica.

Nel corso di un intervento di isterectomia laparoscopica, il medico utilizza un piccolo strumento chiamato laparoscopio. Un laparoscopio è un tubo lungo e sottile con una luce ad alta intensità e una telecamera ad alta risoluzione nella parte anteriore. Lo strumento viene inserito attraverso incisioni nell’addome. Tre o quattro piccole incisioni sono fatte invece di un grande incisione. Una volta che il chirurgo può vedere il tuo utero, faranno tagliare l’utero in piccoli pezzi e rimuovere un pezzo alla volta.