La migliore colazione: è piena di energia e… senza tv

Un nuovo studio scientifico ci dice quali sono le caratteristiche di una buona colazione, e perchè è meglio rinunciare a qualche ora di TV alla settimana.

migliore colazione
credit: stock.adobe.com/myviewpoint

Le piccole scelte di vita che facciamo ogni giorno sono tutt’altro che irrilevanti quando si tratta della salute del cuore. In un nuovo studio presentato alla 68a sessione scientifica annuale dell’American College of Cardiology, infatti, è emerso che le persone che hanno passato meno tempo a guardare la TV e si nutrivano regolarmente con una colazione ricca di energia, hanno mostrato meno placche e rigidità nelle arterie, indicando una minore possibilità di sviluppare malattie cardiache o di soffrire di ictus.

I fattori ambientali e lo stile di vita sono importanti ma sottovalutati fattori di rischio per le malattie cardiovascolari,” ha detto Sotirios Tsalamandris, un cardiologo presso la clinica di cardiologia dell’Università Nazionale e Kapodistrian di Atene, Grecia, e autore principale dello studio. “Questi due studi sottolineano i molti fattori che influenzano le malattie cardiache e la necessità di approcci preventivi olistici”.

I ricercatori hanno valutato i marker della salute del cuore insieme ad una varietà di esposizioni ambientali e fattori di stile di vita in 2.000 persone che vivono a Corinto, in Grecia. I partecipanti hanno rappresentato un ampio spettro della popolazione, includendo sia le persone sane che quelle con fattori di rischio cardiovascolare e malattie cardiache consolidate. L’età variava dai 40 ai 99 anni, con un’età media di 63 anni.

Per effettuare lo studio sono stati utilizzati questionari dettagliati per valutare i livelli di attività fisica e le abitudini alimentari dei partecipanti, mentre due test non invasivi sono stati utilizzati per valutare lo stato delle arterie dei partecipanti. Il primo test, la velocità dell’impulso femorale carotidea, ha misurato la velocità delle onde di pressione che si muovono lungo le arterie per rilevare l’irrigidimento delle arterie, o aterosclerosi. Il secondo test ha utilizzato l’ecografia per misurare lo spessore della parte interna della parete arteriosa. L’ispessimento delle pareti arteriose riflette l’accumulo di placca ed è associato ad un aumentato rischio di ictus.

Per la prima parte dello studio, i ricercatori hanno poi diviso i partecipanti in tre gruppi a seconda del numero di ore trascorse a guardare la televisione o i video ogni settimana: una quantità bassa (7 ore o meno), una quantità moderata (da 7 a 21 ore) o una quantità elevata (più di 21 ore).

I ricercatori hanno così scoperto che le persone che guardano un maggior numero di ore di TV a settimana avevano anche quasi il doppio delle probabilità di avere accumulo di placca nelle arterie rispetto a quelli che guardavano meno TV. “I nostri risultati sottolineano l’importanza di evitare periodi prolungati di comportamento sedentario”, ha detto Tsalamandris. “Questi risultati suggeriscono un messaggio chiaro per premere il pulsante ‘off’ sul televisore e abbandonare il divano. Anche le attività a basso consumo energetico, come la socializzazione con gli amici o le attività di pulizia, possono avere un beneficio sostanziale per la vostra salute rispetto al tempo trascorso seduti a guardare la TV”. Lo studio ha anche scoperto che guardare più TV è stato associato ad un aumento del rischio di altri fattori di rischio cardiovascolare, tra cui l’alta pressione sanguigna e il diabete.

Nella seconda parte dello studio, i partecipanti sono stati divisi in tre gruppi in base a quanto del loro apporto calorico giornaliero proveniva dalla colazione: ad alta energia (colazione che contribuisce per oltre il 20% delle calorie giornaliere), a bassa energia (5-20% delle calorie giornaliere) o nulla energia (meno del 5% delle calorie giornaliere). In totale, circa 240 persone hanno segnalato una colazione ad alta energia, quasi 900 hanno mangiato una colazione a bassa energia e circa 680 hanno saltato la colazione.

I ricercatori hanno così scoperto che coloro che mangiavano una colazione ad alta energia tendevano ad avere arterie significativamente più sane rispetto a coloro che mangiavano poco o niente colazione. Nel dettaglio, la rigidità arteriosa era anormale in 15 per cento di quelli che saltano la prima colazione, e 9.5 per cento di quelli che consumano una colazione a bassa energia e l’8.7 per cento tra coloro  che avevano l’abitudine di mangiare una colazione ad alta energia.

Fonte

Turning off the TV and eating energy-rich breakfast could lead to a healthy heart – acc.org

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Roberta Gammella. Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E’ registrata all’Ordine Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli e Provincia