Macrogol: un farmaco indicato per il trattamento della stipsi

235
Macrogol

Il Macrogol è un medicinale che appartiene alla categoria dei lassativi, viene utilizzato da soggetti adulti nei periodi di stitichezza. La sua capacità è di richiamare acqua e sali minerali nell’intestino in modo da facilitare il transito delle feci.

A che cosa serve il Macrogol?

Il Macrogol è un farmaco di tipo polietilenglicole, Polimero (PEG). Si tratta più precisamente di una sostanza ottenuta per polimerizzazione anionica dell’osidio di etilene; è dunque un polimero lineare che non presenta effetti tossici ed è molto solubile in acqua.

L’utilizzo del Macragol è indicato, quindi, per il trattamento della stipsi, il suo scopo è di rendere le feci più molli attraverso il richiamo di acqua e di sali minerali nell’intestino. Favorisce un processo in grado di facilitare il transito delle feci e per questo riesce ad alleviare il paziente da fastidiosi disturbi che talvolta diventano cronici.
Inoltre, questo medicinale lavora come integratore grazie ai numerosi sali essenziali presenti in esso e che spesso l’organismo perde durante il trattamento.

Stipsi: cos’è, perché ne soffriamo e come prevenirla

Quali sono le cause dei problemi di stipsi o di stitichezza

La stitichezza è una patologia che può colpire chiunque, senza distinzione di sesso di età. Nella maggior parte dei casi, fatta eccezione nei pazienti affetti da problemi specifici, questa condizione non è determinata dalla comparsa di gravi malattie.

Ma prima di scendere nei dettagli è opportuni fare un po’ di chiarezza. Innanzitutto, si può parlare di stipsi quando il sintomo persiste oltre i 3-4 giorni a settimana, accompagnato in certi casi da dolori addominali, flatulenza, aerofagia e gonfiore. La stipsi diventa cronica quando i disturbi appena elencati persistono per 2 o 3 mesi di fila.

Tuttavia, anche se la stitichezza spesso non nasconde malesseri gravi, lo stile di vita e il tipo di regime alimentare adottato possono incoraggiare o, al contrario, ridurre questo tipo di problematiche, le quali senza una cura adeguata e senza forme di prevensione corrette possono diventare – col passare del tempo – dei gravi fattori di rischio.

cause dei problemi di stipsi

In che dosi assumere il Macrogol

Il dosaggio di Macrogol consigliato è pari a 1 o 2 bustine al giorno da suddividere in dosi.

Di norma, un ciclo di trattamento per la stitichezza cronica a base di Macragol, non dovrebbe superare i 15 giorni, ma come si può facilmente intuire possono esserci delle variazioni a seconda dei casi specifici e dei singoli soggetti in cura. Ad esempio, se il medico curante lo ritiene opportuno, il trattamento può anche ripetersi nuovamente dopo un primo ciclo.

Come per qualsiasi altro lassativo presente in commercio, si consiglia comunque di non esagerare e di leggere sempre il foglio illustrativo prima di prendere decisioni autonome e affrettate. In caso di perplessità o dubbi è meglio consultarsi con il proprio medico o con il farmacista.

Come e quando si assume il Macrogol

Il contenuto di una bustina di Macragol deve essere sciolto in un bicchiere d’acqua di circa 100 ml e bevuto velocemente. Il momento migliore della giornata per assumere questo farmaco è al mattino, ma il medico potrebbe dare al paziente indicazioni differenti secondo la sua valutazione della gravità del problema.

Eventuali effetti collaterali del Macrogol

Come abbiamo già avuto modo di spiegare, il Macragol ha una funzione espansiva del contenuto presente all’interno dell’intestino. Ciò può provocare il manifestarsi di dolori addominali, flatulenza, fastidio anale, vomito o nausea; alcune persone hanno anche sofferto di una lieve diarrea che in genere è passata con la sospensione del farmaco.

Fecaloma: cosa fare quando la stipsi diventa pericolosa

Controindicazioni e possibili interazioni con altri farmaci

Macrogol non è indicato a tutte quelle persone che soffrono di:

Interazioni possibili si potrebbero manifestare con l’assunzione di Macrogol in concomitanza di farmaci antiepilettici.

È sconsigliato l’uso di Macragol durante i nove mesi della gravidanza e durante il successivo periodo dell’allattamento.