Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Mal di gola in gravidanza: è un pericolo?

Il mal di gola in gravidanza presenta gli stessi sintomi e cause dell’infiammazione che colpisce in altre fasi della vita, ma occorre prestare attenzione a rimedi e cura.

Il mal di gola in gravidanza è pericoloso?

Il mal di gola è un disturbo largamente diffuso che colpisce un grande numero di persone di qualsiasi età, oprattutto con l’arrivo dei primi freddi e con gli sbalzi di temperatura tipici delle stagioni autunnali e primaverili. Il mal di gola è un’infiammazione delle formazioni linfatiche presenti nella faringe e può avere diverse cause: l’esposizione ad aria fredda, aria troppo secca o inquinamento, virus e batteri. Il mal di gola è spesso accompagnato da tosse, raffreddore e febbre e può essere il primo sintomo di uno stadio influenzale. I dolori del mal di gola in gravidanza possono inoltre essere acutizzati dallo stress e dall’ansia che accompagnano la gestazione e condizionare ancora di più la vita quotidiana. L’infiammazione in sé non è pericolosa per il feto, protetto dalla placenta che funge da filtro per virus influenzali e altri sostanze potenzialmente dannose. Occorre però prestare attenzione a rimedi e cure: è infatti sconsigliato effettuare il vaccino antinfluenzale in gravidanza, condizione che espone la donna a rischi maggiori. Quando la prevenzione non è sufficiente, è necessario curare il mal di gola a partire dai suoi stadi iniziali per evitare peggioramenti.

Rimedi naturali e farmaceutici per il mal di gola in gravidanza

In caso di mal di gola in gravidanza le future mamme molto spesso si chiedono se è possibile assumere farmaci solitamente assunti contro questo tipo di disturbi: si consiglia di rivolgersi al proprio medico curante o ginecologo di fiducia per avere un parere professionale. In caso di mal di gola persistente gli spray per la gola venduti in farmacia non hanno controindicazioni in gravidanza: sono da prediligere quelli ad azione balsamica, cercando però di non abusarne. Se l’infiammazione persiste è possibile assumere farmaci con paracetamolo o aspirine, tenendo sotto controllo dosaggio e frequenza dell’assunzione, previo consulto medico. Esistono inoltre diversi rimedi naturali per il mal di gola in gravidanza che possono essere assunti in totale sicurezza senza controindicazioni o effetti collaterali sul feto. Come spesso accade, il miele è alimento molto valido nella cura del mal di gola in quanto allevia i dolori ed esercita un’azione disinfettante. Infusi di erbe come timo, agromonia e lampone se accompagnate al miele, possono aiutare ad alleviare i disturbi insieme a echinacea, rosa canina, zenzero.

Tra i rimedi omeopatici è consigliata l’assunzione di:

  • sambucus nigra
  • lachesis
  • nux vomica

Attenzione particolare va posta alla propoli, vero toccasana per la gola ma sostanza potenzialmente dannosa durante la gravidanza. La propoli contiene oli essenziali e alcaloidi che possono essere tossici per il feto, resine ricche di allergeni e bioflavonoidi antiossidanti che possono causare alterazioni nel feto: cause e conseguenze non sono ancora state provate in modo scientifico, ma il Ministero della Salute sconsiglia l’assunzione di propoli in gravidanza (sotto forma di spray, capsule, gocce o tintura madre).

Mal di gola in gravidanza, ricette e consigli

Erbe e rimedi naturali sono la strada più facile e sicura per curare il mal di gola in gravidanza. Esistono infatti diverse ricette curative per concedersi una pausa di relax che al tempo stesso possa curare l’infiammazione. La sera prima di andare a dormire è consigliato bere un bicchiere di latte caldo con un cucchiaino di miele, oppure un infuso di zenzero da bere al mattino o alla sera. Accanto all’assunzione di farmaci ed erbe occorre inoltre seguire alcuni accorgimenti per sconfiggere al più presto il mal di gola: innanzitutto occorre concedersi qualche ora di riposo in ambienti neutri evitando sbalzi di temperatura dannosi per l’organismo. Occorre inoltre evitare ambienti secchi e luoghi con alti tassi di inquinamento, tra le cause più diffuse del mal di gola: in questo caso è possibile attivare il deumidificatore oppure posizionare secchi d’acqua o asciugamani bagnati sui termosifoni. Ultimo consiglio, ma non meno importante, è l’attenzione all’alimentazione: l’infiammazione alla gola può causare perdita di appetito e soprattutto in gravidanza è necessario nutrirsi in modo sano. Unire erbe e spezie dalla proprietà disinfettanti a frutta, verdura e carne può alleviare il dolore e velocizzare la guarigione.