Mangiare ceci

I ceci sono un alimento benefico, ricco di sostanze come magnesio e folati, e in grado di contenere le quantità di omocisteina presenti nel nostro organismo. Guai, però, a limitare i tanti benefici dei ceci ai soli aspetti di cui sopra.

Se assunti almeno tre volte la settimana, infatti, questi legumi sono in grado di contrastare anche il livello di colesterolo LDL (in altri termini, il colesterolo cattivo), e grazie agli Omega 3 sono anche in grado di contribuire a prevenire gli stati di depressione e diminuire i trigliceridi, favorendo un ritmo cardiaco regolare ed evitare l’insorgenza di potenziali aritmie.

Chiarito quanto sopra, ricordiamo come i ceci dovrebbero essere consumati almeno 3-4 volte la settimana per poterne ottenere tutti i principali benefici, con porzione singola che corrisponde a 150 grammi se freschi o surgelati, 30 o 50 grammi se secchi, 50 grammi se in farina. Meglio comunque privilegiare quelli da preparare, senza invece ricorrere alla tentazione di acquistare quelli già pronti.

A proposito di preparazione, per ottenere il meglio dai ceci secchi sarà sufficiente tenerli in ammollo per 12-24 ore (dipende dalla loro durezza) e successivamente cuocerli per 2-3 ore. Fatto ciò, avrete a disposizione un legume saporito e nutriente, che dovreste cercare di inserire in maniera più abbondante nella vostra dieta alimentare.

A proposito di benefici dei ceci, un recente studio pubblicato su The American Journal of Clinical Nutrition, sostiene che un piatto di circa 130 grammi al giorno potrebbe favorire la perdita di circa 300 grammi a settimana, senza cambiare il proprio regime alimentare. Merito del fatto che questi legumi sono in grado di incrementare il senso di sazietà del 31%, inducendo pertanto a mangiare di meno, senza soffrire la fame.