Meropur, come ovviare all’infertilità

205

È un prodotto che si può assumere sciolto in un liquido oppure tramite iniezione intramuscolare o sottocutanea.

L’utilizzo del Meropur è rivolto al trattamento dell’infertilità per le donne che si trovano in due particolari condizioni cliniche: incapacità delle ovaie o donne sottoposte a programmi di riproduzione medicalmente assistita. Nel primo caso, quando le donne non riescono a rimanere incinte per l’impossibilità delle ovaie di produrre gli ovuli, il Meropur viene utilizzato in tutti quei casi in cui le donne sono state già sottoposte a un determinato trattamento per l’infertilità che ha avuto esito negativo. Nell’altro caso il Meropur interviene aiutando le ovaie nella produzione dei follicoli nei quali poi gli ovuli si possono sviluppare.

Contenuto del Meropur

Ogni confezione di Meropur continue 5 o 10 flaconi di vetro contenenti la polvere da iniettare. Insieme al medicinale sono vendute uguali numero di fiale in vetro con il solvente nel quale sciogliere la polvere. La polvere contiene polisorbato 20, sodio idrossido, lattosio monoidrato e acido cloridrico. Il solvente, invece, è composta da acqua, sodio cloruro e acido cloridrico. Il Meropur è ottenuto mediante urine di donne in stato di post-menopuasa, poi purificate, che aiutano gli organi riproduttivi a lavorare correttamente. Questo avviene tramite gli ormoni FSG e LH, ormoni naturali, che vengono prodotti sia dagli uomini che dalle donne e che forniscono un ottimo aiuto agli organi riproduttivi che non funzionano come dovrebbero.

Per essere assunto il Meropur in polvere deve essere diluito nel liquido venduto insieme alla confezione prima di essere iniettato.

Controindicazioni, precauzioni e conseguenze

È sconsigliato l’utilizzo del Meropur quando le donne sono già in gravidanza o stanno allattando, quando si trovano in uno stato di menopausa prematura, soffrono di tumori all’utero, alle mammelle o alle ovaie o quando soffrono di fibromi, sanguinamenti vaginali, difetti dell’utero o allergia ad uno degli eccipienti contenuti nel Meropur. Tra le controindicazioni del trattamento con il Meropur ci sono:

  • tumori all’ipofisi e dell’ipotalamo;

  • elevata produzione di prolattina;

  • problemi di funzionalità della tiroide e delle ghiandole surrenali.

Per iniziare il trattamento con il Meropur bisogna avere l’autorizzazione da parte del medico e bisogna essere consapevoli che se si soffre di sintomi quali vomito, diarrea, nausea, gonfiore o dolore addominale, difficoltà respiratorie e diminuzione della quantità di urine prodotte, è opportuno ricorrere immediatamente al proprio medico per evitare il complicarsi della situazione. Inoltre l’utilizzo del Meropur può comportare l’aumento del rischio di gravidanze multiple, malformazioni congenite, aborti spontanei e gravidanze fuori dall’utero.

Ci sono, come per tutti i tipi di medicinali, degli effetti indesiderati che può causare il Meropur. Tali effetti però non sono certi per ogni donna, ma si manifestano solamente in alcune condizioni. Quelli più comuni comportano reazioni allergiche, gonfiori della gola, pruriti e arrossamenti e tali fenomeni possono comparire e presentarsi anche dopo qualche giorno aver preso l’ultima dose di Meropur.

Efficacia del Meropur

Sono stati eseguiti numerosi studi per dimostrare l’efficacia del Meropur. Questo perché circa una coppia su sette ha dei problemi di fertilità. Problemi che generano, sia a livello sociale che personale, conseguenze negative sulla qualità della vita. Sono infatti anche in questo senso molti gli studi e le statistiche che dimostrano come ci sia un preoccupante calo della natività (specie in alcuni Paesi) e come questo sia motivo di numerosi frizioni, liti, crisi e incomprensioni all’interno della coppia. La fertilità, e quindi anche l’infertilità, sono aspetti molto importanti nella vita e nella personalità sia delle donne che degli uomini. Quando non si riesce ad avere un figlio, nonostante il desiderio forte di poterlo avere, subentrano anche questioni di sensi di colpa, impotenza e fenomeni simili che compromettono l’integrità psicologica del singolo e, ovviamente, di conseguenza anche quella della coppia.

Gli studi svolti dimostrano ampiamente che l’utilizzo del Meropur è efficace sia per i trattamenti con cicli di stimolazione ovarica che per quelli di fecondazione in vitro tramite la tecnica dell’ICSI. Quest’ultima è la tecnica più utilizzata negli ultimi anni perché in grado di affrontare e contrastare anche i problemi di infertilità relativi agli uomini.