Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Motilex: uno stimolatore della funzione motoria di stomaco e intestino

Disponibile in compresse (contengono anche lattoso), in sciroppo e in fialette iniettabili (in questi due casi contiene un principio dall’effetto lassativo) è un farmaco a prescrizione medica che va ad intervenire a livello dello stomaco e dell’intestino.

Motilex: che cos’è e quando si può assumere

Il Motilex è un farmaco che ha come principio attivo il clebopride e viene classificato nella famiglia di medicinali definiti procinetici, ovvero quelli che agiscono andando a stimolare la funzione motoria di stomaco ed intestini. Con precisione questo principio attivo ha la capacità di aumentare l’intensità e la durata delle contrazioni gastriche, di rilasciare lo sfintere del piloro e il bulbo del duodeno, di incrementare in concomitanza la peristalsi duodenale e del digiuno mediante un intervento di blocco selettivo, quindi di intesità variabile, di recettori del tratto gastro-intestinale e di un’azione proserotoninergica sempre in questa zona. In sostanza quindi l’effetto di questo farmaco è quello di agire con una potente attività antiemetica, di favorire lo svuotamento gastrico e di incentivare il transito gastro-duodenale quando e se rallentato o interrotto. La particolarità del clebopride di un intervento selettivo, come detto, fa sì che gli effetti collaterali vengano ridotti a livello del sistema endocrino e dei sistema extra-piramidale, conseguenza tipica invece dei medicinali anti-dopaminergici.
Solitamente viene prescritto dal medico per il trattamento di disturbi all’apparato digerente e all’azione sul tratto gastro-intestinale in generale, il suo principio attivo interviene infatti stimolando lo svuotamento gastrico e ripristinando il transito gastro-duodenale nel caso si sia interrotto. Motilex è usato per la sua azione antiemetica, ovvero per trattare stati vomito e nausea sia primari che secondari, dolori allo stomaco, dolori o malfunzionamento dell’intestino, disturbi gastrici; per coniugare cure del trattamento dei tumori che compromettono le funzioni digerenti; per la cura di malattie come la dispepsia funzionale che grava anche sullo stomaco e come attivatore in concomitanza di esami esplorativi di stomaco e intestino come endoscopia e simili. Questo medicinale è anche utilizzato in associazione a terapie oncologiche e trattamenti chemioterapici per alleviare gli stati di nausea.

Controindicazioni di Motilex: per chi è questo medicinale

L’assunzione di Motilex è severamente proibita a chi è allergico al clebopride, dal momento che è questo il principio attivo in esso maggiormente contenuto. È comunque sconsigliato prendere Motilex nei casi in cui uno stimolo allo svuotamento dell’intestino possa determinare una situazione pericolosa come in caso di un’emorragia nello stomaco o nell’intestino, in caso di una loro perforazione o ostruzione. Eviti di prendere questo farmaco anche chi è affetto dal Morbo di Parkinson o di malattie del sistema nervoso; chi soffre di epilessia e chi di discinesia tardiva e in generale deve evitarlo chi ha disturbi del movimento in particolare se ha assunto medicinali neurolettici. Non è consigliata l’assunzione di Motilex in stato di gravidanza e durante l’allattamento.
Motilex va assunto in maniera regolata e sotto stretto controllo in particolare in presenza di determinate patologie. Chi ha determinati tipi di tumori, anche se benigni, come quello al seno o al cervello rischiano in certi casi di peggiorare la situazione. Così anche in caso di insufficienza renale o insufficienza epatica poiché un alto livello di clebopride nel sangue può generare problematiche per lungo tempo. I bambini devono assumere questo medicinale solamente in casi di estrema necessità e in un dosaggio ridotto per prevenire la comparsa di anomalia a livello del sistema che regola i movimenti del corpo.

L’assunzione di Motilex va fatta sotto stretto controllo medico anche se si assumono o si sono recentemente assunti altri medicinali poiché sono possibili interazioni e rischiano di creare disturbi ulteriori o di annullarne l’effetto, in particolare è provata l’influenza di questo medicinale con farmaci antidepressivi, neurolettici, legati a problematiche del sistema nervoso e per il cuore. Non assumere inoltre Motilex in concomitanza a bevande alcoliche perché enfatizza sui soggetti gli effetti dell’alcol, in particolare la sonnolenza e il decremento di attenzione. Per questo motivo, in generale, sta al buonsenso di chi assume questo medicinale valutare se si sente in grado di mettersi alla guida di un veicolo.

Quali sono gli effetti indesiderati di Motilex

Gli effetti indesiderati di questo farmaco, come accade spesso, dipende dai singoli casi e dai soggetti che lo assumono. Gli effetti collaterali si possono manifestare più o meno a seconda del paziente, in base all’età, alla costituzione fisica, allo stato di salute e alla presenza di eventuali altre patologie. Molto rari sintomi come disturbi del movimento nell’area della testa, alterazioni motorie, tremore, sonnolenza acuta, galattorrea, iper-prolattinemia, amenorre, ginecomastia e disfunzioni erettili.