Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Nerixia, un aiuto per le ossa in caso di patologie gravi

Il dosaggio consentito nelle persone adulte è pari a 25 o 100 mg in base al peso corporeo, da somministrare in un’unica soluzione tramite infusione lenta.

Nerixia è un medicinale che viene somministrato per la cura delle ossa. Tale farmaco agisce sulla struttura e sulla mineralizzazioni delle nostra ossa.

Durante il periodo di trattamento è molto importante tenere sotto controllo costantemente le funzionalità renali, i livelli di calcio nel sangue ed i fosfati sierici.

Prima di intraprendere una cura farmacologica a base di Nerixia dovete informare il vostro medico se state assumendo o avete assunto di recente qualsiasi altro medicinale, compresi quelli da banco che non necessitano della prescrizione medica.

Attualmente non vi sono a disposizione dati certi di possibili reazioni avverse relativi alla somministrazione in concomitanza con altri farmaci.

È opportuno tenere sempre sotto controllo i livelli di calcemia nel sangue, specialmente si somministra questo farmaco per un lungo periodo.

Dosaggio per il Nerixia

Dosaggio per il Nerixia

Dosaggio consigliato nelle persone adulte

Il dosaggio consentito nelle persone adulte è pari a 25 o 100 mg in base al peso corporeo, da somministrare in un’unica soluzione tramite infusione lenta. Prima dell’assunzione è importante diluire il farmaco in 250-500 ml con soluzione di cloruro di sodio. Orientativamente la posologia esatta è di 2 mg/Kg di peso corporeo ogni 3 mesi. Il dosaggio totale è da frazionare in dosi da 25 mg/Die fino a 4 giorni consecutive ogni 3 mesi.

Dosaggio nei bambini con età inferiore ai 18 anni

La dose consigliato nei bambini con età inferiore ai 18 anni è pari a 2mg/Kg di peso corporeo per un massimo di 100 mg da somministrare pe infusione endovenosa lenta ogni 3 mesi.

Prima dell’utilizzo del medicinale è importante diluire il farmaco in 250 o 500 ml di soluzione di cloruro di sodio

Dosaggio nella malattia ossea di Paget

La dose consigliata in presenza di malattia ossea di Paget è pari a 100 mg da somministrare per endovenosa una volta al giorno per due giorni consecutivi tramite infusione lenta della durata di minimo 2 ore. Prima della somministrazione è importante diluire il medicinale in 250 o 500 ml con soluzione fisiologica.

Un dosaggio inferiore può essere somministrato in presenza di forme meno gravi di malattie. Il dosaggio complessivo può essere frazionato in dosi da 25mg/Die, da somministrare in giorni consecutivi per un massimo di 8 giorni.

Eventualmente si potrebbe ripete un nuovo ciclo terapeutico solo dopo una attenta valutazione e non prima dei 6 mesi, quando l’effetto del farmaco nel primo ciclo si sarà completamente espresso sulla ossa.

Dosaggio nell’Algodistrofia

La dose raccomandata è pari a 100 mg da somministrare per endovenosa con infusione lenta una volta la giorno per 3 giorni, per un totale di 400 mg. Anche in questo caso il farmaco deve essere precedentemente diluito con 250 o 500 ml di soluzione fisiologica.

Sovradosaggio

Sovradosaggio Nerixia

Ora vi informeremo su come comportasi se accidentalmente avete somministrato una dose eccessiva di Nerixia.

Se avete assunto dosi elevate di questo farmaco si potrebbe manifestare una ipocalcemia che può essere facilmente corretta tramite somministrazione per endovenosa di calcio gluconato.

Dopo l’assunzione di dosi massicce di Nerixia è importante interrompere la somministrazione e rivolgersi tempestivamente dal proprio medico di base o al primo soccorso più vicino.

Prima di intraprendere una cura farmacologica è importante rivolgersi al proprio medico oppure al farmacista di fiducia.

Non assumete il medicinale se in passato a seguito della sua somministrazione si sono manifestati sintomi riconducibili ad una allergia ad esso oppure ad uno o più componenti presenti.

Il farmaco va tenuto fuori dalla portata e dalla vista dei bambini. Se un bambino accidentalmente ingerisce il medicinale rivolgersi il prima possibile al pronto soccorso più vicino.

Non somministrate il medicinale oltre la data di scadenza che si riferisce sempre all’ultimo giorno del mese.