Normogin, il farmaco per combattere le vaginiti!

Normogin è un farmaco prescritto dal medico in caso di vaginite. La confezione comprende 40 mg di compresse vaginali. Il principio attivo è il bacillo di Doderleinn mentre gli eccipienti sono il lattosio mg 946 e il magnesio stearato mg 14. Queste compresse vanno assunte per via vaginale 1 o 2 volte al giorno in base alle indicazioni del medico. Serve a ripristinare la normale flora vaginale.

Cos’è il bacillo di Doderlein?

Cos'è il bacillo di Doderlein?

Il bacillo di Doderlein è parte dell’ecosistema vaginale. E’ il meccanismo di difesa naturale più importante e contrasta lo sviluppo e il proliferare dei microrganismi patogeni. Il bacillo interviene sulle cellule epiteliali. Trasforma il glicogeno in acido lattico, portando il pH a valori tra 3.8 e 4.4. Crescono i lattobacilli ma non i microrganismi patogeni.

Nella donna in buona salute fa il suo dovere. Alcune volte però, situazioni patologiche o fisiologiche, possono provocare un’alterazione dell’ecosistema vaginale. Ecco che è necessario intervenire con gli appositi farmaci per mantenere la flora vaginale in equilibrio e sconfiggere, qualora presente, la causa del problema.

Normogin ha come principio attivo il bacillo di Doderlein. Permette di ricostruire la flora batterica naturale perché vengono introdotti i lattobacilli. Quando sono nell’ambiente vaginale si moltiplicano e portano il valore del pH in ambito acido. L’uso di questo medicinale impedisce ai germi patogeni di riprodursi e sopravvivere.

Quanto viene utilizzato Normogin

Il medico prescrive Normogin quando sono presenti vaginiti collegate a insufficienza ovarica. Anche nel caso di vaginiti infantili o senili, quando c’è il prurito intimo oppure la distrofia vaginle. Alcune volte è un coadiuvante nei trattamenti antibiotici o chemioterapici ma non può in alcun modo sostituirli. E’ solo un valido aiuto perché ripristina la normale fisiologia dell’ambiente vaginale.

Quando si parla di vaginite, s’intende una infiammazione della vagina che può essere acuta o cronica. Può essere di tipo primario (quando ha origine nella vagina) o di tipo secondario (quando ha origine in una sede vicina). Quando l’infiammazione è estesa anche alla vulva, si parla di vulvovaginite. Secondo le statistiche, circa 75 donne su 100 ne soffrono a causa delle infezioni micotiche. Nel 90% dei casi a scatenare il problema è la candida. Ci sono il 50% delle possibilità di andare incontro a delle recidive. Si parla di vaginosi quando l’ambiente è attaccato da batteri come ad esempio la Gardnerella Vaginalis. Possono causare la vaginite anche altri batteri, come quello della gonorrea e l’herpes simplex.

Controindicazioni, interazioni ed effetti collaterali

Controindicazioni, interazioni ed effetti collaterali

E’ controindicata se siete allergici o intolleranti al principio attivo e gli altri componenti. Normogin può essere usato anche in gravidanza o allattamento visto che ha come principio attivo il bacillo di Doderlein, già presente nella flora batterica vaginale.

Non sono invece note interazioni con gli alimenti e i farmaci. Anche in caso di sovradosaggio, non sono noti effetti. Neanche gli effetti indesiderati sono stati segnalati. La cosa importante è conservare il medicinale accuratamente, ad una temperatura tra i 2 e gli 8°C. Il medicinale non deve essere usato se è superata la data di scadenza.