Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Olio di melaleuca, caratteristiche e indicazioni

.

L’olio di melaleuca è un trattamento naturale utilizzato per poter curare tutte le infezioni batteriche o fungine. Molto ben tollerato dalla pelle e dalle mucose, bisogna comunque stare attenti a non usare con troppa leggerezza il suo olio essenziale, che potrebbe irritare la cute e le mucose, e non risulta essere il migliore in quanto a tollerabilità.

Proprietà dell’olio di melaleuca

All’olio di melaleuca sono riconosciute e attribuite numerosissime proprietà antibatteriche e antifungine, peraltro ben confermate da diversi studi che sono stati condotti in tal proposito. l’azione antimicrobica – sostengono le tante analisi che sono state compiute nel corso degli ultimi anni – sembra esser svolta dall’olio di melaleuca attraverso un processo di denaturazione delle proteine della membrana cellulare batterica, con conseguente distruzione della stessa membrana, e morte dei batteri.

Oltre che contro i batteri, l’olio di melaleuca ha dimostrato di possedere una spiccata attività antifungina, rilevandosi in particolar modo molto efficace per contrastare le infezioni sostenute dai lieviti e dai dermatrofi. Tra gli altri usi, pare che l’olio di melaleuca sia molto efficace anche contro le infestazioni da pidocchi.

Nonostante le ricerche positive che sono state compiute sull’olio di melaleuca e sui suoi utilizzi comuni, si tenga comunque in considerazione il fatto che tale prodotto non ha ottenuto l’approvazione ufficiale per alcun tipo di indicazione terapeutica e, dunque, difficilmente può rappresentare un ufficiale punto di riferimento per le indicazioni terapeutiche mediche.

Altri usi dell’olio di melaleuca

Il fatto che non vi siano delle indicazioni terapeutiche specifiche sull’olio di melaleuca, ha fatto sorgere nel corso dei decenni numerosi usi “non ufficiali”, che vi invitiamo a prendere con le molle. Nella medicina popolare, ad esempio, la melaleuca viene utilizzata come rimedio per trattare faringiti, tonsilliti, sinusiti, coliti. Esternamente, invece, la medicina tradizionale ha tramandato le proprietà di questo prodotto per poter contrastare le infezioni cutanee, le onicomicosi, le gengiviti, le ulcere della mucosa orale, le scottature, le punture di insetto. L’omeopatia non sembra invece sfruttare pienamente le caratteristiche dell’olio di melaleuca.

Ricordiamo, però, di riporre la maggiore attenzione nei confronti di tale prodotto. Le applicazione della melaleuca per trattare i disturbi di cui sopra non sono riconosciuti né supportate da verifiche sperimentali. Per questo motivo, la melaleuca potrebbe essere priva di alcuna efficacia terapeutica o risultare addirittura dannose per la salute umana.

Olio di melaleuca, qualche avvertenza finale

Oltre a fissare bene quanto sopra, vi ricordiamo come in seguito all’utilizzo dell’olio di melaleuca, soprattutto se puro, non possano essere escluse delle irritazioni cutanee e delle reazioni allergiche, anche particolarmente significative.

Pertanto, appare chiaro il consiglio di evitare l’utilizzo dell’olio di melaleuca in caso di ipersensibilità accertata verso uno o più componenti, e in pazienti che risultano essere interessati da affezioni cutanee di tipo eczematoso. Inoltre, è opportuno ricordare che l’assunzione interna di melaleuca o del suo olio è controindicata a causa della sua tossicità.

Per poterne sapere di più, vi consigliamo di consultare il vostro medico, che saprà certamente svelarvi tutte le caratteristiche di questo prodotto e, soprattutto, fornirvi le idonee indicazioni sull’uso del prodotto.